Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (HOW HWEE YOUNG)
CINA / TAIWAN
11.01.20 - 21:240
Aggiornamento : 23:09

Schiaffo a Pechino, secondo mandato per Tsai Ing-wen

Una riconferma da record con 8,17 milioni di voti, pari al 57,13% del totale. Il rivale Han Kuo-yu si ê fermato al 38,61%

di Redazione
ats ans

PECHINO - Tsai Ing-wen ha conquistato il secondo mandato alla presidenza di Taiwan grazie al consenso espresso alla sua linea dura nei confronti della Cina da 8,17 milioni di elettori, pari al 57,13% dei voti totali, un livello record mai raggiunto nelle precedenti elezioni presidenziali.

Se Tsai ha stravinto il suo referendum, consolidato dalla riconferma della maggioranza parlamentare nelle mani del suo Partito democratico progressista (Dpp), il presidente cinese Xi Jinping ha incassato un duro colpo, vedendo allontanarsi i piani per riportare sotto il suo controllo l'isola 'ribelle' che invece ha difeso la sua sovranità, sollevando i dubbi sulle strategie assertive finora perseguite da Pechino.

Tsai ha staccato di quasi il 19% il rivale Han Kuo-yu, fermo al 38,61%, il candidato dei Nazionalisti del Kuomintang, partito che ha tradizionalmente buoni rapporti con Pechino.

«La Taiwan democratica e il nostro governo democraticamente eletto non cederanno a minacce e intimidazioni: i risultati di queste elezioni hanno reso chiara questa risposta. La Cina deve abbandonare la minaccia dell'uso della forza», ha scandito in conferenza stampa Tsai, prima donna a salire alla presidenza di Taiwan. L'isola ha scelto "libertà e democrazia" e ha rigettato l'ipotesi del modello 'un Paese, due sistemi' proposto da Xi per replicare la semi-autonomia concessa a Hong Kong e Macao.

Proprio gli scontri, anche violentissimi, anti-governativi e pro-democrazia che da sette mesi stanno scuotendo l'ex colonia britannica hanno contribuito a rianimare da giugno la sorte politica di Tsai, fino ad allora inesorabilmente segnato dalla disfatta delle amministrative di novembre 2018. La guerra dei dazi tra Usa e Cina ha aiutato l'export taiwanese, portato l'economia a crescere di un robusto 3% e fatto decollare la Borsa di Taipei del 47% nel quadriennio della Tsai.

Le relazioni molto complesse di Taiwan con la Cina sono la questione politica più urgente da risolvere, insieme a problemi come i salari, la casa e la qualità dell'aria. Tsai ha promesso, tuttavia, ogni sforzo per la ripresa del dialogo con Pechino.

Xi, a inizio del 2019, disse che Taiwan era centrale nel suo piano di "ringiovanimento" della nazione, parte delle ambizioni di fare della Cina una potenza globale entro il 2050. La Cina, affermò Xi fino a ipotizzare l'opzione militare, «deve essere e sarà riunita, requisito inevitabile per lo storico obiettivo del ringiovanimento cinese nella nuova era».

La politica «verso Taiwan è chiara e coerente: aderiamo alla riunificazione pacifica e al modello 'un Paese, due sistemi', salvaguardando con forza la sovranità nazionale e l'integrità territoriale», ha affermato Ma Xiaoguang, portavoce dell'Ufficio degli Affari su Taiwan del governo di Pechino. La Cina si oppone «risolutamente a qualsiasi schema o atto di indipendenza».

Diverso il commento di Washington: gli Usa «ringraziano la presidente Tsai per la leadership nello sviluppo della solida partnership con gli Stati Uniti e plaudono al suo impegno nel mantenere la stabilità intra-stretto di fronte a una pressione persistente», ha rilevato il segretario di Stato Mike Pompeo.

Euforici i commenti sui social a Hong Kong: ad esempio, Tsai e il Dpp sono la quarta vittoria delle proteste dell'ex colonia, dopo lo stop alla legge sulle estradizioni in Cina, lo Human Rights and Democracy Act approvato dal Congresso Usa e le elezioni distrettuali del 24 novembre con il tracollo del fronte pro-Pechino. Per Xi e la leadership del Partito comunista si tratta di due fronti insidiosi aperti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
bimbogimbo 2 anni fa su tio
L’indipendenza è sempre la miglior soluzione. Impariamo cari concittadini...
Thor61 2 anni fa su tio
@bimbogimbo I nostri CF la regalano agli altri, mentre a Taiwan lottano e muoiono per averla. Che strane le persone che stanno bene come i nostri CF!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
4 ore
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
10 ore
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
ITALIA
12 ore
Da Amadeus, a Vasco e Siffredi: i non "quirinabili" votati
Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.
COREA DEL NORD
14 ore
La Corea del Nord testa nuovi missili
Il Sud avvisa: «Dobbiamo condurre un'analisi dettagliata»
UCRAINA/RUSSIA
22 ore
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
1 gior
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
1 gior
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
1 gior
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
1 gior
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile