Keystone - foto d'archivio
SPAGNA
17.09.19 - 21:120
Aggiornamento : 21:43

La Spagna torna al voto

Felipe VI ha constatato che non ci sono forze politiche con il sostegno parlamentare sufficiente a formare il governo

MADRID - La Spagna torna al voto per la quarta volta in quattro anni. Dopo le consultazioni in extremis delle ultime 48 ore con i principali leader politici, re Felipe VI non ha potuto fare altro che constatare l'assenza di una forza in grado di formare un governo.

A nulla hanno portato questi mesi di negoziati tra il leader dei socialisti e premier incaricato Pedro Sanchez - uscito vincitore dal voto del 28 aprile ma senza la maggioranza necessaria - e il capo di Podemos Pablo Iglesias. Lunedì prossimo, il 23, re Felipe scioglierà le Camere e il 10 novembre gli spagnoli dovranno recarsi di nuovo ai seggi.

Solo pochi giorni fa, Sanchez aveva presentato la sua ultima proposta a Podemos per convincerlo a sostenere un governo monocolore ma senza offrirgli incarichi nel Consiglio dei Ministri. Ed è proprio questo uno dei motivi, secondo gli analisti, che hanno portato Iglesias a rifiutare un accordo. Il leader della formazione di sinistra ha infatti chiesto a più riprese ruoli chiave o comunque all'interno dell'esecutivo e ad un certo punto aveva anche fatto un passo indietro - escludendo quindi un incarico di peso per sé - pur di guadagnare terreno in questa direzione.

Sanchez si è mostrato però irremovibile, anche rispetto all'ultima proposta di Iglesias che nelle settimane scorse aveva ipotizzato la formazione di una coalizione di governo temporanea per approvare intanto la legge di bilancio. Un'opzione esclusa però dai socialisti. E Sanchez non è riuscito a stringere un accordo per formare un governo di coalizione neanche con le altre due principali forze politiche, i popolari di Pablo Casado e e Ciudadanos di Albert Rivera.

Quest'ultimo sembrava aver aperto uno spiraglio ieri quando aveva dato la disponibilità ad astenersi «se fossero state soddisfatte certe condizioni» tra le quali la promessa di non alzare le tasse e il pugno di ferro contro gli indipendentisti catalani. Ma neanche 24 ore dopo l'offerta era stata ritirata da Rivera che ha definito la riposta di Sanchez una «presa in giro». «Vuole i voti dei nostri partiti senza dare nulla in cambio. Se ci costringerà a votare di nuovo, il problema di questo Paese avrà un nome: Pedro Sanchez», ha dichiarato il leader di Ciudadanos dopo il suo colloquio con re Felipe.

«Vuol essere primo ministro in cambio di nulla, non credo che questa sia la cosa più ragionevole», ha incalzato Iglesias. «Il Paese è destinato a tornare al voto il 10 novembre», ha dichiarato alla stampa Sanchez in serata ammettendo che «il risultato delle consultazioni è chiaro: non c'è alcuna maggioranza alla camera dei deputati in grado di garantire la formazione di un governo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore

Chiama Uber per trasportare droga: arrestato

Un 22enne ha trovato un conducente che, con il suo stile di guida, ha attirato su di sé l'attenzione della polizia

VIDEO
STATI UNITI
4 ore

Donna uccisa in casa da un poliziotto: era stato chiamato per controllare che stesse bene

Suscita critiche in Texas l'intervento di un agente, bianco, ai danni di una 28enne afroamericana

GERMANIA
7 ore

Psicosi attentati: polizia blinda ragazzini con armi ad aria compressa

Un intervento in forze a Normiberga per un 13enne e un 14enne con pistole softair che se la sono cavata con un ammonimento

SIRIA
9 ore

Raid turco in Siria uccide almeno un giornalista

Intanto i leader internazionali fanno pressione su Erdogan, Merkel: «Stop all'attacco», Trump invece minaccia sanzioni e ritira 1'000 soldati dall'area

GERMANIA
11 ore

Si trova un masso da 3 tonnellate in mezzo all'autostrada: morto automobilista

L'uomo non è riuscito a evitarlo ed è deceduto sul posto. La sua vettura è andata immediatamente in fiamme

SIRIA
14 ore

Tenere in carcere i foreign fighter dell'Isis «non è più una priorità»

Lo comunicano le forze curde siriane, impegnate a contrastare l'offensiva turca: «Chi voglia trovare una soluzione è il benvenuto»

FOTO
GIAPPONE
16 ore

Hagibis: il bilancio sale a 18 morti e 13 dispersi

Le operazioni di soccorso continuano senza sosta nell'arcipelago centro-orientale, in particolare nella città a nord di Nagano

STATI UNITI
1 gior

La California dice addio alla pelliccia

Dal 2023 lo Stato sarà il primo a vietare la vendita e la produzione di nuovi prodotti derivanti dall'uccisione di animali

ITALIA
1 gior

La promessa di Salvini: «Se stravinco in Umbria mando a casa il Governo»

L'ex ministro dell'interno pensa alle elezioni regionali del 27 ottobre e attacca Di Maio, Conte, Renzi e Zingaretti: «Incapaci, poltronari e traditori»

REGNO UNITO
1 gior

Pioggia di arresti alle proteste per il clima: «Tra loro anche una principessa»

Esmeralda, zia del re del Belgio, è stata fermata e in seguito rilasciata senza accuse negli scorsi giorni a Londra

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile