Keystone
Rudd ha definito l'espulsione dei 21 parlamentari Tory di martedì scorso «un attacco alla decenza e alla democrazia».
REGNO UNITO
08.09.19 - 08:160

Tensioni Brexit, Amber Rudd abbandona la nave

La ministra del lavoro britannica si è dimessa dal governo e dal Partito conservatore

LONDRA - La ministra del lavoro britannica, Amber Rudd, si è dimessa dal governo e dal Partito conservatore, mettendo in ulteriore difficoltà il premier Boris Johnson, contestato dall'opposizione e nel suo stesso partito sul tema della Brexit. Nella lettera di dimissioni Rudd, citata dalla Bbc online, ha affermato di non ritenere più che «il principale obiettivo» di Johnson sia lasciare la Ue con un accordo e ha definito l'espulsione di 21 parlamentari Tory avvenuta martedì come «un attacco alla decenza e alla democrazia».

I 21 ribelli conservatori erano stati espulsi dal gruppo parlamentare Tory ai Comuni dopo che avevano votato insieme all'opposizione contro la linea di Johnson e in favore di un rinvio oltre il 31 ottobre dell'uscita del Regno dalla Ue per scongiurare un divorzio no deal. Un rinvio che il premier continua a bollare come una potenziale «resa», proclamando di essere pronto a qualunque sfida pur di non sottoscriverne la richiesta di fronte a Bruxelles al prossimo Consiglio europeo (17-18 ottobre).

Tra gli espulsi spiccano i nomi dell'ex ministro e veterano Ken Clarke (79 anni), e quelli di altri ex ministri di primissimo piano dei governi di David Cameron e di Theresa May come Philip Hammond, Dominic Grieve o Justine Greening, e anche di Nicholas Soames, 71enne nipote di Winston Churchill.

Amber Rudd, 56 anni, che nel referendum del 2016 aveva votato contro l'uscita dalla Ue, ha affermato che quella di dimettersi è stata «una scelta difficile», ma ha aggiunto che non può «rimanere a guardare» mentre «conservatori leali moderati vengono espulsi».

«Sono entrata nel suo governo - scrive la ministra nella lettera di dimissioni a Johnson - in buona fede: accettando che l'opzione no deal doveva rimanere sul tavolo perché era un mezzo per avere le migliori chance per raggiungere un nuovo accordo per l'uscita al 31 ottobre. Tuttavia non credo più che uscire (dalla Ue) con un accordo sia il principale obiettivo del governo».

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GIAPPONE
4 min

Senzatetto respinti da un rifugio durante Hagibis

Il caso ha suscitato grande clamore, anche il premier Abe è stato costretto a intervenire

BRASILE
1 ora

Crolla un palazzo residenziale di sette piani a Fortaleza

Almeno una persona ha perso la vita, e altre tre sono state tratte in salvo dalle macerie

GERMANIA
2 ore

Dopo la Germania il Flixtrain punta a Svezia e Francia

«La liberalizzazione del mercato ferroviario ci offre un'occasione unica per continuare ad ampliare la nostra offerta di mobilità»

MONDO
4 ore

Il 33% dei bimbi è denutrito o in sovrappeso

Per aiutare i bambini a crescere in salute l'Unicef lancia un appello ai governi, ai genitori, alle famiglie e alle imprese

AUSTRALIA
5 ore

Si amputa di netto la mano con l'affettatrice

Lawrence Cooper è stato sottoposto a un intervento conclusosi con successo al Mater Private Hospital di Brisbane

GERMANIA
6 ore

Scontri tra manifestanti curdi e turchi, cinque feriti

Una marcia di protesta è degenerata a Herne, nella regione della Ruhr, a 25 chilometri da Dortmund

REGNO UNITO
6 ore

«Renda i bonus»: contestato l'ex Ceo di Thomas Cook

I deputati della commissione industria della Camera dei Comuni britannica hanno messo sotto torchio Peter Fankhauser

VIDEO
IRLANDA
9 ore

L'ultimo scherzo al funerale, il defunto dalla tomba: «Tiratemi fuori! Ma dove diavolo sono finito?»

I figli del veterano delle forze di difesa irlandesi Shay Bradley hanno diffuso il particolare saluto che il padre ha voluto fare ai suoi cari

STATI UNITI
11 ore

Pence andrà in Turchia «per mettere fine alla violenza»

Trump ha firmato un decreto con cui dà il via libera alle sanzioni Usa. Ankara: «Neutralizzati quasi 600 terroristi curdi»

STATI UNITI
13 ore

Le scuole del Maine danno gli avanzi ai porci

Una legge dello Stato lo consente. Il vantaggio è duplice: ridurre gli sprechi alimentari e i costi di smaltimento

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile