Keystone
Michael Gove (sinistra) e Boris Johnson
REGNO UNITO
25.07.19 - 15:040
Aggiornamento : 16:24

Johnson incarica Gove dei preparativi per un "no deal"

Per il premier britannico, tuttavia, il Regno Unito è già pronto per un'uscita dall'Ue senza accordo

LONDRA - Il nuovo premier britannico Boris Johnson ha incaricato Michael Gove, uno dei suoi due vice di fatto, dei preparativi per un'ipotetica Brexit no deal.

Parlando alla Camera dei Comuni, Johnson ha assicurato peraltro che il Regno Unito è già ora meglio preparato a un simile scenario - molto temuto dal mondo del business e contestato dalle opposizioni - «di quanto in tanti non credano». E inoltre ha ribadito di essere deciso a «lavorare ventre a terra» per un nuovo accordo di divorzio con Bruxelles. Ha comunque insistito che con il suo governo «oggi è il primo giorno di un nuovo approccio», arrivando a promettere «un'età dell'oro» per il Regno dopo l'uscita dall'Ue.

Assoluta garanzia sui diritti dei cittadini europei - Johnson ha inoltre promesso «assoluta certezza sul diritto» dei 3,2 milioni di cittadini di Paesi Ue residenti nel Regno Unito di vivere e restare nel Paese dopo la Brexit con le tutele attuali intatte.

L'impegno vale anche in caso di no deal, a prescindere dalla reciprocità per l'1,2 milioni di britannici che vivono nel continente, su cui peraltro il premier ha detto di confidare.

Su queste parole, ha ottenuto non solo il plauso del deputato Tory d'origine italiana Alberto Costa (sono circa 600.000 gli italiani nel Regno Unito), ma anche del leader laburista Jeremy Corbyn, il quale pure ha definito "una vergogna che ci siano voluti 3 anni" per dare la rassicurazione che il Labour aveva chiesto alla precedente premier Theresa May fin dall'inizio.

Scontro totale invece su tutto il resto: con Corbyn che ha parlato di un Paese che "non si fida di Johnson" e delle sue promesse, e il premier che ha risposto per le rime evocando un confronto fra «ottimisti e pessimisti».

Sulla questione dei cittadini stranieri trapiantati nel Regno, Johnson ha inoltre evocato - sollecitato dalla deputata laburista Rupa Huq - un'amnistia per circa 500.000 migranti illegali privi di documenti (non europei), ma ormai integrati.

Una posizione che l'attuale premier aveva sostenuto anche in passato, senza tuttavia riuscire a imporla come linea del Partito Conservatore sotto la vecchia leadership di Theresa May.

Nello stesso tempo Johnson è tornato a indicare per il dopo Brexit un cambiamento della politica dell'immigrazione, ispirato al modello australiano sulla gestione dei flussi e sul controllo delle frontiere.


 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
8 ore
Immunità al Covid? In Spagna siamo solo al 5%
Lancet ha pubblicato i risultati di una vasta indagine sulla sieroprevalenza della popolazione spagnola
FRANCIA
8 ore
«Senza mascherina non salite»: autista picchiato a sangue
Il 50enne ha subito gravi lesioni alla testa e si trova in stato di morte cerebrale
REGNO UNITO
10 ore
Il Principe Andrea ha avvicinato un avvocato di “innominabili”?
Per affrontare gli strascichi dell'affaire Epstein, ricevendo però un no. Almeno stando al New York Times
MESSICO
13 ore
Piccolo aereo sospettato di trasportare droga atterra in autostrada
Trovati poco distanti dal luogo dell'incidente quasi 400 chili di cocaina
FOTO
GIAPPONE
16 ore
In Giappone 44 persone sono morte a causa delle piogge torrenziali
Non si placa il maltempo e 250mile persone sono state evacuate, procede la ricerca dei dispersi
REGNO UNITO
19 ore
Gli ubriachi «non possono / non vogliono» mantenere le distanze sociali
Lo ha affermato il direttore della Federazione di polizia britannica dopo il primo weekend di riapertura dei pub
STATI UNITI
19 ore
Uber vuole comprarsi la piattaforma di food delivery Postmates
Con un affare da 2,65 miliardi di dollari, l'acquisizione potrebbe aiutare in un momento difficile per l'azienda
STATI UNITI
22 ore
«La mascherina serve anche rispettando le distanze»
Alcuni esperti hanno lanciato l'allarme all'OMS: «Il virus si trasmette per via aerea, la mascherina è necessaria»
NUOVA ZELANDA
23 ore
Fallito il lancio: persi razzo e satelliti
Dopo quattro minuti dal lancio è stata registrata un'anomalia
AUSTRALIA
1 gior
Il coronavirus continua a far paura in Australia, in isolamento nove palazzi popolari
Lo Stato di Victoria è la regione più colpita. Il premier spiega i possibili motivi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile