Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch/STR (Chiang Ying-ying)
Han Kuo-yu (al centro)
+1
TAIWAN
15.07.19 - 11:220

Il candidato alla presidenza del partito Nazionalista sarà Han Kuo-yu

E nel 2020 sfiderà l'uscente Tsai Ing-wen del partito Democratico progressista

TAIWAN - Il sindaco di Kaohsiung, Han Kuo-yu, ha vinto la nomination del partito Nazionalista (Kuomintang) e sfiderà a gennaio 2020 la presidente di Taiwan uscente Tsai Ing-wen, del partito Democratico progressista, nelle elezioni per il rinnovo della carica istituzionale più alta dell'isola che avranno al centro del dibattito i rapporti con la Cina.

Han, 62 anni, spinge per legami più stretti con Pechino e ha battuto con un ampio margine lo sfidante più temuto Terry Gou, fondatore del colosso Foxconn e uomo più ricco di Taipei. Han ha avuto un balzo di popolarità negli ultimi due anni, culminato nel 2018 espugnando la municipalità di Kaohsiung, nel sud di Taiwan, feudo del partito Democratico.

Secondo gli osservatori, Han ha posizioni simili a quelle del presidente Usa Donald Trump e di altri leader populisti, tra spinte anti-establishment e promesse di rilancio economico: ha avuto il 45% alle primarie del Kmt nel voto telefonico, contro il 28% di Gou, che ha creato un impero assemblando gli iPhone di Apple nei suoi impianti in Cina.

"La gente di Taiwan ha avuto una vita difficile negli ultimi tre anni", ha affermato Han in una conferenza stampa tenuta dopo l'esito delle primarie, secondo i media locali, attaccando le politiche di Tsai e sollecitando il partito all'unità in vista della difficile sfida elettorale.

Han, ex general manager di Taipei Agricultural Products Marketing Corporation, è riuscito a firmare a marzo un accordo per la vendita a quattro città cinesi di prodotti agricoli locali per l'equivalente di 165 milioni di dollari. Gou non ha escluso, anche durante la corsa per la nomination, di poter restare in campo alle presidenziali come indipendente, rischiando così di dividere i voti del Kmt.

I rapporti tra Taipei e Pechino sono drasticamente peggiorati dopo la salita al potere di Tsai che, su posizioni autonomiste, si è rifiutata di avallare il principio della "unica Cina", dato che la Cina considera l'isola parte del suo territorio.

Tsai ha definito le elezioni del 2020 una "lotta per la libertà e la democrazia" risalendo nei consensi popolari sia dopo il discorso del presidente cinese Xi Jinping di inizio anno (quello sulla riunificazione anche con l'uso della forza, se necessario) sia dopo le turbolenze in corso a Hong Kong contro le interferenze di Pechino.

keystone-sda.ch/STR (Chiang Ying-ying)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
COSTA RICA
5 min
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
3 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
8 ore
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
15 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
20 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
23 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
1 gior
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
1 gior
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile