Keystone
STATI UNITI
25.06.19 - 20:030

L'Iran chiude al dialogo con Trump: «Alla Casa Bianca sono affetti da ritardo mentale»

«Ogni attacco dall'Iran all'America provocherà il suo annientamento», ha risposto durissimo via Twitter il presidente americano, definendo «ignoranti e offensive» le dichiarazioni di Rohani

WASHINGTON - È sempre più duro lo scontro verbale tra Iran e Stati Uniti. All'indomani delle nuove sanzioni americane che hanno preso di mira anche la Guida suprema, l'ayatollah Ali Khamenei, arriva la secca replica di Teheran, che dopo queste misure «oltraggiose e stupide» dichiara «chiusa in modo permanente la via della diplomazia con l'amministrazione Trump».

Alla Casa Bianca, ha detto il presidente Hassan Rohani in diretta tv, sono «affetti da ritardo mentale», usando un'espressione già rivolta in passato contro Trump proprio da Khamenei.

«Ogni attacco dall'Iran all'America provocherà il suo annientamento», ha risposto durissimo via Twitter il presidente americano, definendo «ignoranti e offensive» le dichiarazioni di Rohani.

Parole «immature e infantili» anche per il segretario di Stato Mike Pompeo, che ribadisce al contempo la «fermezza» di Washington. Ai faccia a faccia al G20 di Osaka sulla crisi nel Golfo, tra cui quello probabile di Trump con il presidente russo Vladimir Putin, si arriva quindi con la tensione alle stelle. Un monito agli Usa è arrivato proprio da Mosca, che ha definito le nuove sanzioni «sconsiderate» e «destabilizzanti». E anche la Cina sollecita «calma e moderazione», avvisando Washington che «applicare ciecamente la massima pressione non aiuterà a risolvere il problema».

La replica iraniana alle nuove sanzioni rivela la crescente diffidenza verso i continui cambi di tono della Casa Bianca. «Non sanno cosa devono fare», è l'accusa di Rohani. «Mentre fate appelli ai negoziati, cercate di sanzionare il ministro degli Esteri? È evidente che state mentendo», ha detto ai vertici americani riguardo alle sanzioni annunciate contro il capo della diplomazia Mohammad Javad Zarif, architetto dell'intesa sul nucleare. Ma i dirigenti iraniani, ha aggiunto, «non sono come quelli degli altri Paesi che hanno miliardi sui conti all'estero" da poter "sanzionare, sequestrare o bloccare».

E a Teheran si ironizza in queste ore anche su una gaffe di Trump, che annunciando le sanzioni ha confuso gli ayatollah, attribuendole verbalmente al fondatore della Repubblica islamica Ruhollah Khomeini, morto trent'anni fa, anziché al suo successore Khamenei.

Non sembra dunque esserci spazio per il dialogo, nonostante il falco John Bolton, consigliere per la Sicurezza Nazionale, abbia giurato da Gerusalemme che gli Usa restano disponibili ai negoziati e Teheran deve solo «varcare quella porta aperta». Ma subito dopo ha avvisato che «tutte le opzioni restano sul tavolo» se riprenderà ad arricchire l'uranio, come ha minacciato di fare dopo il 7 luglio se i suoi partner europei non agiranno contro «il terrorismo economico degli Usa». D'altronde Trump ha ammonito di non avere bisogno del via libera del Congresso per un attacco, via libera che invece è necessario secondo la speaker della Camera Nancy Pelosi.

Bolton ha partecipato a un trilaterale con gli omologhi di Israele e Russia. Le loro posizioni sulla condotta della Repubblica islamica rimangono opposte. Mosca continua anzi a sostenere l'alleato di ferro in Siria e lo difende anche sul drone americano abbattuto, sostenendo che in base alle sue indagini aveva violato il suo spazio aereo. Con il passare dei giorni, sale anche la pressione sull'Europa per salvare l'accordo sul nucleare. Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha chiesto all'Iran di non abbandonarlo perché sarebbe «un grave errore», «la risposta sbagliata».

Resta in ballo l'ipotesi di una missione di altro livello a Teheran di Francia, Germania e Gran Bretagna, artefici del sistema finanziario Instex per proseguire gli scambi nonostante le sanzioni. Un meccanismo annunciato quasi cinque mesi fa ma che non è mai entrato in funzione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
STATI UNITI
14 min
Nascosti nei mobili pur di attraversare la frontiera
Li hanno scoperti gli agenti delle dogane Usa, alcuni si erano nascosti anche dentro una lavatrice. Ammanettato il passatore
STATI UNITI
1 ora
L'accordo tra Usa e Cina sembra più vicino
Ci sarebbe sul tavolo una proposta di cancellazione dei dazi che dovrebbero scattare il 15 dicembre
VIDEO
STATI UNITI
1 ora
Lo scioglimento dei ghiacciai in timelapse, 50 anni in pochi secondi
Il glaciologo Mark Fahnestock ha sintetizzato in sei secondi quanto è accaduto dal 1972
STATI UNITI
3 ore
Saudi Aramco tocca i 2000 miliardi di dollari
Raggiunto l'obiettivo fissato dal principe Mohammed bin Salman
STATI UNITI
3 ore
Trump attacca Greta Thunberg
«Dovrebbe lavorare sul suo problema di controllo della rabbia» ha twittato il presidente degli Stati Uniti
CILE
5 ore
Aereo scomparso: trovati resti umani in mare
Sono stati rinvenuti nel canale di Drake da una nave della Marina cilena
CILE
9 ore
Avvistati in mare i rottami dell'aereo scomparso
A darne l'annuncio è stato il comandante dell'Aeronautica Eduardo Mosqueira
STATI UNITI
10 ore
Weinstein, accordo da 25 milioni con le accusatrici
Il patteggiamento extra-giudiziario riguarda decine di presunte vittime dell'ex produttore che lo hanno denunciato civilmente per molestie e stupri
SPAGNA
11 ore
Riscaldamento globale: «Con +2°C rimarrebbero solo l'Himalaya e i Poli»
A mettere in guardia rispetto al raggiungimento del valore limite fissato dall'Accordo di Parigi è un gruppo di scienziati della criosfera
REGNO UNITO
21 ore
Il Regno Unito decide, Johnson a un passo dal trionfo
La campagna elettorale per il voto si è chiusa, scatta il conto alla rovescia. La promessa del consevatore: portare a termine la Brexit
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile