Keystone (archivio)
Nulla da dichiarare...
STATI UNITI
08.05.19 - 07:580

Anche New York vuole sapere il reddito di Trump

Lo Stato gli ha chiesto le dichiarazioni fiscali dopo che il presidente si era rifiutato di fornirle davanti al Congresso. Lo scontro istituzionale potrebbe finire davanti alla Corte suprema

WASHINGTON - Quello che non sta riuscendo al Congresso potrebbe riuscire allo Stato di New York, determinato a ottenere le dichiarazioni fiscali di Donald Trump.

Al Parlamento statale sarà presentata nelle prossime ore una legge per permettere alle commissioni competenti di prendere visione delle dichiarazioni dei redditi presentate dal tycoon nello Stato di cui è residente e in cui sono basate le sue attività.

Il Dipartimento al Tesoro americano ha invece negato alla Camera del Congresso l'accesso alle dichiarazioni fiscali federali degli ultimi sei anni di Trump, aprendo la via ad una battaglia legale che potrebbe finire davanti alla Corte Suprema.

Dichiarazioni passate: «Perse 1,2 miliardi in 10 anni» - Ma se il reddito odierno resta tabù, quelli passati sono finiti sulle colonne del New York Times che oggi ha pubblicato copie delle dichiarazioni fiscali del presidente tra il 1985 e il 1994. Allora le attività gestite da Donald Trump finirono in profondo rosso, con perdite per circa 1,2 miliardi di dollari, sull'orlo della bancarotta. Trump non avrebbe pagato tasse federali sul reddito per 8 dei 10 anni presi in considerazione, avvalendosi della legge per cui gli imprenditori possono usare le perdite per evitare di pagare il fisco sulle future entrate.

Scontro istituzionale - Le rivelazioni del New York Times si innestano sullo scontro istituzionale tra Casa Bianca e Congresso causato dal rifiuto di Trump di svelare le sue dichiarazioni fiscali, una rottura rispetto a quanto fatto nel passato da tutti i presidenti. Quanto svelato dal quotidiano mette in evidenza come il tycoon non abbia alcun interesse a rendere pubbliche dichiarazioni fiscali che non solo potrebbero portare alla luce irregolarità ma metterebbero di sicuro in cattiva luce quell'immagine di abile uomo di affari e di "deal-maker" su cui ha costruito la sua carriera politica.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MAROCCO
2 ore
Rubava gli orologi al Re, 15 anni alla cameriera
Punizione "esemplare" e un po' esagerata, per una serie di furti ai danni di Mohamed VI del Marocco
CINA
4 ore
Il virus "contagia" anche il Pil cinese
L'epidemia in corso potrebbe costare a Pechino 1,2 punti di prodotto interno lordo. Lo dice Standard&Poor's
TURCHIA
5 ore
Un migliaio di feriti e 29 morti
Sale il bilancio delle vittime del terremoto nell'est della Turchia
CINA
7 ore
Coronavirus: alcuni pazienti non hanno sintomi
L'allarme viene dall'autorevole rivista Lance. Una «brutta notizia» per i virologi. «Situazione più difficile del previsto»
CINA
9 ore
Xi sul coronavirus: «Situazione grave. L'epidemia accelera»
Le cifre del contagio aumentano di ora in ora. Solo in Cina registrati quasi 1'400 casi
FRANCIA
11 ore
Coronavirus, la Francia vuole «circoscrivere il contagio»
Le autorità sanitarie faranno di tutto per rintracciare tutte le persone che sono state in contatto con i primi tre casi registrati in Europa
STATI UNITI
12 ore
Comportamenti discriminatori, multata Delta Airlines
Il Dipartimento dei Trasporti americano ha sanzionato la compagnia aerea per aver cacciato dai propri velivoli tre passeggeri musulmani
MONDO
14 ore
Casi di coronavirus «confermati» da Malaysia, Australia e Giappone
Tutte le persone infette avevano appena effettuato un viaggio in Cina. Cresce l'allerta anche in Europa
CINA
16 ore
La Cina corre ai ripari contro il coronavirus
Il Paese ha ordinato misure a livello nazionale per identificare i casi sospetti: «Il bilancio delle vittime è aumentato in maniera spropositata»
TURCHIA
1 gior
Terremoto in Turchia: almeno quattordici morti
Il sisma ha avuto luogo attorno alle 20.55 e ha interessato la provincia orientale di Elazig
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile