Deposit
UNIONE EUROPEA
06.05.19 - 18:100

Elezioni europee, da Facebook una "war room" contro le bufale

Si tratta di una sala operativa in cui si elimineranno fake news, profili fasulli e intromissioni di Paesi esteri. L'obiettivo: tutelare il dibattito pubblico

BRUXELLES - In vista delle elezioni europee di fine maggio, Facebook schiera una "war room": una sala operativa dove si fa piazza pulita di fake news, profili fasulli e intromissioni di Paesi esteri. L'obiettivo è tutelare il dibattito pubblico dai tentativi di manipolazione, scongiurando un nuovo Russiagate: lo scandalo legato alle migliaia di inserzioni pubblicate sui social dai "troll" vicini al Cremlino, per influenzare le elezioni presidenziali americane del 2016 vinte da Donald Trump. Gli spot elettorali "opachi" sono nel mirino anche di Firefox, il browser per navigare in rete, che ha diffuso un pacchetto di strumenti volti a mettere in guardia gli elettori.

La "war room" di Facebook, allestita a Dublino, ricalca quella predisposta negli Stati Uniti l'anno scorso per vigilare sulle elezioni di metà mandato, e quella creata a Singapore per le più recenti elezioni indiane. Come raccontano il Guardian e il New York Times, la sala ospita una quarantina di persone chiamate a monitorare cosa accade sul social network. Questi dipendenti, coadiuvati da team di esperti, hanno il compito di ripulire Facebook da bufale, account falsi e interferenze estere. Il controllo avviene in tutte e 24 le lingue parlate nei 27 Paesi (28 con il Regno Unito) che tra il 23 e il 26 maggio andranno a votare per il rinnovo del Parlamento Ue.

«Stiamo affrontando una sfida di sicurezza. Ci sono una serie di attori che vogliono manipolare il dibattito pubblico», ha spiegato Nathaniel Gleicher, responsabile della sicurezza informatica di Facebook. Tuttavia, ha osservato, «in una situazione del genere una singola organizzazione non basta. C'è bisogno del maggior numero possibile di persone concentrate sul problema».

La "war room" è l'ultima mossa di Facebook per proteggere il dibattito pre-elettorale in Ue, e rispondere così alle pressioni dei governi europei, che chiedono argini al proliferare della disinformazione. Nei mesi scorsi la società di Mark Zuckerberg ha rafforzato le regole sulle inserzioni politiche, in modo da evitare che la pubblicità sia usata da Paesi stranieri per orientare il voto, e al contempo aumentare la trasparenza degli spot politici.

Proprio sulla poca trasparenza delle pubblicità elettorali punta il dito Firefox, che ha messo a disposizione online alcuni strumenti informativi di facile comprensione. L'intento è di rendere le persone consapevoli che, quando navigano sul web, la loro attività viene tracciata e poi usata non solo per vendere prodotti, ma anche per mostrare notizie e video mirati, volti a manipolare le loro preferenze di voto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
21 min

Notre-Dame: escluso l'incendio di origine dolosa

Le piste più plausibili sono una sigaretta spenta male oppure un cortocircuito

GERMANIA
1 ora

Tanto vento: in Germania è boom di energia elettrica da rinnovabili

Toccato il 44%. Tuttavia, non c'è da stare allegri: «È solo un'istantanea, se continuiamo così mancheremo gli obiettivi»

RUSSIA
2 ore

Un cittadino su 10 è stato torturato dalla polizia

Lo riporta un sondaggio dell'istituto demoscopico indipendente Levada Center

FOTO
GERMANIA
4 ore

Nudo in scooter: «Ma fa caldo, no?»

Simpatico intervento dei poliziotti del Brandeburgo che hanno chiesto invano all'uomo di indossare almeno i pantaloni

SVIZZERA
4 ore

Nestlé: arriva l'etichetta a "semaforo" Nutri-Score

Si comincerà da Francia, Belgio e Svizzera, dove le autorità sanitarie nazionali già raccomandano il bollino

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report