KEYSTONE / AP J. SCOTT APPLEWHITE
Il senatore Rand Paul.
STATI UNITI
04.03.19 - 08:580

Quattro senatori repubblicani contro Trump

Sono pronti a votare contro la dichiarazione di emergenza nazionale dichiarata per favorire la costruzione della barriera al confine con il Messico

WASHINGTON - Con Rand Paul è salito a quattro il numero dei senatori repubblicani pronti a votare contro la dichiarazione di emergenza nazionale proclamata da Donald Trump per costruire la barriera al confine con il Messico, bypassando così il Congresso.

In tal modo, dopo l'ok della Camera, la risoluzione ha i numeri per poter essere approvata anche al Senato, dove i democratici hanno 47 voti contro i 53 del Grand Old Party.

Sarebbe la prima volta che il Congresso blocca la dichiarazione di emergenza di un presidente da quando è stata istituita la legge, nel 1976.

In tal caso Trump ha già annunciato che userà il veto, per la prima volta nel suo mandato, e difficilmente Capitol Hill avrà i due terzi dei voti per superarlo. Si tratterebbe comunque di uno schiaffo politico imbarazzante per l'attuale inquilino della Casa Bianca.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora

Offende una donna di colore in spiaggia, denunciato

È accaduto a Chioggia. A urlare col megafono dello stabilimento insulti contro la donna, l’ex gestore della spiaggia di Punta Canna, già indagato in passato per apologia del fascismo

STATI UNITI
10 ore

Falsi account in Cina eliminati da Twitter e Facebook

Miravano a seminare «discordia politica» e a manipolare la prospettiva delle proteste di Hong Kong

ITALIA
10 ore

Il 112 e la geolocalizzazione che avrebbe potuto salvare Simon

Polemica sulla mancata introduzione dell'Advanced Mobile Location. La causa? Il conflitto tra i numeri d'emergenza 112 e 118

CILE
11 ore

Venduto a privati il centro di tortura Venda Sexy, è polemica

Il Consiglio dei Monumenti storici ha precisato di non essere stato informato della transazione. Si valuta un'azione legale

REGNO UNITO
12 ore

Il video che inchioda il principe Andrea, era a casa di Epstein

Il duca di York è finito nella bufera per la sua amicizia con il finanziere suicida e coinvolto già dal 2008 in uno scandalo per abusi sessuali e sfruttamento della prostituzione minorile

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile