Keystone
STATI UNITI
17.02.19 - 17:540
Aggiornamento : 21:30

La favorita di Trump all'Onu ha lasciato per un "problema di tata"

Heather Nauert avrebbe rinunciato all'incarico per causa di una dipendente domestica senza permesso di lavoro e pagata in nero

NEW YORK - L'ex conduttrice di Fox e portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert scivola sulla tata illegale ed è costretta a ritirarsi dalla corsa ad ambasciatrice americana all'Onu.

L'annuncio a sorpresa fa scattare il possibile toto-nomi su chi il presidente Donald Trump sceglierà per sostituire Nikki Haley alle Nazioni Unite. Una nomina importante in un momento delicato per la politica estera americana, fra l'uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare con l'Iran e il ritiro delle truppe americane dalla Siria.

Nauert è stata nominata da Trump in dicembre, anche se le sua nomina non è mai stata inviata formalmente in Senato per la conferma. Prima che la scelta ricadesse sull'ex Fox, fra i nomi circolati per il dopo Haley al Palazzo di Vetro, c'erano quelli dell'ex manager di Goldman Sachs ed ex della Casa Bianca Dina Powell, dell'ambasciatore in Russia Jon Huntsman ma anche quello della figlia-consigliera del presidente, Ivanka Trump.

Il ritiro di Nauert sarebbe legato - secondo indiscrezioni riportate dai media americani - alla tata illegale, senza permesso di lavoro. Di origine jamaicana la donna è stata assunta da Nauert e dal marito 10 anni fa.

Veniva retribuita in contanti e quando la coppia è venuta a conoscenza del fatto che non pagava le tasse, le ha intimato di sanare la sua situazione. Nauert avrebbe sollevato fin dall'inizio il problema, ricevendo però rassicurazioni sul fatto che si trattasse di un dettaglio non in grado di far saltare la sua conferma.

Così non è stato: a complicare anche l'ostilità dei senatori alla sua nomina, con un coro di voci bipartisan ha sollevato dubbi sulla sua preparazione per ricoprire un ruolo così di primo piano. Da qui il passo indietro.

«Sono grata al presidente Trump e al segretario Pompeo per la fiducia che hanno riposto in me per il ruolo di ambasciatrice americana all'Onu. Gli ultimi due mesi sono stati difficili per la mia famiglia e quindi penso che sia nel suo miglior interesse ritirare il mio nome» dalla corsa, ha spiegato.

«Ha svolto i suoi compiti con un'eccellenza senza pari» osserva Pompeo, mettendo in evidenza di rispettare la sua decisione e lasciando intendere che Nauert non tornerà al Dipartimento di Stato e tornerà probabilmente a New York, dove vivono il marito e i figli.

La parola ora spetta a Trump che dovrà decidere chi nominare.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
41 min
È morto Bob Weighton, l'uomo più vecchio del mondo
Aveva 112 anni, e da poco aveva ereditato il titolo dal giapponese Chitetsu Watanabe
COREA DEL SUD
3 ore
Aumento dei contagi, richiudono le scuole
Gli studenti erano tornati nelle classi solamente una settimana fa
CINA
4 ore
Volkswagen investe nell'elettrico
Per il momento, il colosso automobilistico punta sul mercato cinese
STATI UNITI
5 ore
Terza notte di scontri a Minneapolis, colpito anche il commissariato
Un corteo ha marciato per le vie della città, urlando slogan contro la polizia e il presidente americano
VIDEO
AUSTRALIA
7 ore
Ash, il primo koala nato nel parco dopo gli incendi
I guardiani hanno deciso di dargli un nome simbolico, che richiama la tragedia che ha colpito per mesi il Paese
UNIVERSO
13 ore
Un pianeta abitabile a soli quattro anni luce di distanza?
Un team internazionale di ricercatori indaga sull'abitabilità di Proxima b
HONG KONG
14 ore
Si alza l'ombra della Cina: l'inferno torna a Hong Kong
Le leggi al vaglio minano i diritti civili e le libertà del popolo di Hong Kong, l'allarme di Amnesty International
FRANCIA
15 ore
Saltano 15mila posti di lavoro da Renault
Il costruttore spera di gestire i tagli attraverso le uscite volontarie, misure di mobilità interna e riqualificazione
VENEZUELA / USA
17 ore
Band venezuelane finanziate dagli Usa per «promuovere la libertà d'espressione»
L'idea era quella di destabilizzare il governo Chavez nel 2011. La stessa tattica è stata attuata anche a Cuba
FRANCIA
18 ore
«Favorevoli a riaprire i confini interni europei il 15 giugno»
Il Governo francese ha presentato oggi la prossima fase di riapertura del Paese
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile