Keystone / AP
REGNO UNITO
10.02.19 - 12:430
Aggiornamento : 13:10

Per superare lo stallo sulla Brexit serve un nuovo voto

Parlamentari conservatori e laburisti hanno elaborato un piano per superare la drammatica impasse dei negoziati e che contempla questa possibilità

LONDRA - Un piano per superare la drammatica impasse dei negoziati sulla Brexit c'è, scrive l'Observer, e lo ha elaborato un gruppo di parlamentari esponenti di entrambi i maggiori partiti britannici -Tory e Labour - e contempla la possibilità di un nuovo voto, di fatto un nuovo referendum, per confermare la decisione di lasciare l'Ue o restare.

L'iniziativa viene presentata dai deputati laburisti Peter Kyle e Phil Wilson - riferisce il domenicale britannico - e si è già guadagnata il sostegno di alcuni "remainer" conservatori quali Sarah Wollaston, Dominic Grieve e Anna Soubry. È anche stata presa in considerazione ad alti livelli di governo. In sostanza l'obiettivo è far si che la premier Theresa May (conservatrice) ottenga l'approvazione del suo accordo per la Brexit in cambio di un nuovo referendum.

Il piano verrebbe presentato come emendamento all'accordo per il divorzio dall'Ue con la possibilità per i parlamentari di sostenerlo o astenersi. Il testo specificherebbe che in caso di approvazione a Westminster l'accordo potrà essere applicato soltanto se approvato da un secondo referendum.

Qui la soluzione del puzzle - stando alla ricostruzione dell'Observer - in quanto se l'emendamento dovesse passare al vaglio del parlamento ed essere poi invece respinto al referendum il Regno Unito rimarrebbe nell'Ue alle condizione attuali. Se tuttavia al voto popolare i britannici confermassero la decisione dei parlamentari di lasciare l'Ue nei termini scanditi dall'accordo di Theresa May, allora la Brexit potrebbe avere effetto immediato senza la necessità di tornare in parlamento.

Le preoccupazioni degli industriali - Crescono le possibilità che il Regno Unito lasci l'Ue il mese prossimo in uno scenario di "no deal" e il Paese è adesso entrato in una «zona d'emergenza». Lo ha detto a Sky News la leder della Confederation of British Industry (Cbi, il padronato industriale britannico) Carolyn Fairbairn.

«Si ha la sensazione che l'iter parlamentare sia alla paralisi, non si trova via d'uscita, e la prospettiva di un 'no deal' sembra sempre maggiore», ha detto Fairbairn. «Adesso siamo davvero entrati nella zona d'emergenza della Brexit».

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore

La Fed taglia (ancora) i tassi e fa arrabbiare Trump

Il costo del denaro scende di un altro quarto di punto. La decisione è stata presa con 7 voti favorevoli e 3 contrari. Il presidente: «Ancora una volta Powell ha fallito»

KENYA
5 ore

Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois

Le immagini di Tira sono state scattate nella riserva nazionale di Maasai Mara e le foto hanno già fatto il giro del mondo

ITALIA
7 ore

Oscurato Xtream Codes, trasmetteva il calcio pirata via web

Era uno dei tasselli del sistema Iptv, usatissimo anche in Ticino. La Guardia di Finanza: «Chi lo usa potrà essere multato fino a 25'000€»

STATI UNITI
8 ore

Aborti al minimo dalla legalizzazione del 1973

Una delle ragioni della diminuzione è che sempre meno donne rimangono incinte

GERMANIA
10 ore

Nasconde in cantina per due anni la mamma morta

L'uomo ha continuato così a percepire la pensione della donna. «Era quello che voleva, ho seguito le sue volontà»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile