Keystone / EPA
REGNO UNITO
09.12.18 - 11:460

Brexit, May: «Se l'accordo non dovesse passare saremmo in acque inesplorate»

Il governo si spacca davanti all'ipotesi di un secondo referendum

LONDRA - La Gran Bretagna si troverà «in acque inesplorate» se l'accordo sulla Brexit non verrà approvato. A due giorni dal voto del Parlamento, la premier Theresa May si esprime così in un'intervista al Mail on Sunday.

«Quando dico che se questo accordo non dovesse passare saremmo veramente in acque inesplorate, lo penso davvero e temo che possa succedere. Spero che la gente lo capisca», dice il primo ministro. Il voto negativo porterebbe «una grave incertezza per la nazione con un rischio molto reale di assenza di Brexit o di lasciare l'Unione Europea senza alcun accordo».

May punta il dito in maniera esplicita contro il leader laburista Jeremy Corbyn. «Abbiamo un leader dell'opposizione che non pensa a nulla se non a tentare di andare alle elezioni, a prescindere dal costo che il paese pagherà», afferma May. «Da persona che si preoccupa per il proprio paese e per il proprio partito, ritengo che non possiamo permetterci il rischio che Jeremy Corbyn arrivi al potere».

Secondo referendum? Governo diviso - Il governo britannico si spacca davanti all'ipotesi di un secondo referendum sulla Brexit. Il Guardian, a due giorni dal voto del Parlamento sull'accordo tra Londra e Bruxelles, delinea un quadro sempre più complesso per Theresa May.

La premier appare ormai «preparata a nuove dimissioni di ministri e collaboratori che vogliono un altro referendum» dopo quello del 2016 «o che credono che l'accordo raggiunto» dal primo ministro con l'Ue «non garantirà la Brexit». L'ultimo segnale eloquente è arrivato nella tarda serata di ieri, con il passo indietro di Will Quince, collaboratore del segretario alla Difesa, Gavin Williamson.

Secondo alcuni ministri, si legge, sono risultati vani i tentativi di convincere la premier a rinviare il voto dell'11 dicembre per evitare una delle più grandi e umilianti sconfitte della recente storia parlamentare. Un risultato estremamente negativo, sempre più probabile, rischierebbe di demolire l'attuale leadership del partito e creerebbe divisioni profonde tra i conservatori.

Alcuni ministri ritengono che May sia così legata in maniera indissolubile all'accordo raggiunto con Bruxelles e l'unico modo per ottenere l'approvazione sarebbe rappresentato dal ricorso ad un secondo referendum. Fino ad oggi, il primo ministro ha sempre escluso l'ipotesi di una seconda consultazione.

TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
7 ore

Una trappola tesa al momento giusto blocca la Brexit

Il voto decisivo atteso per oggi sul deal è saltato ed ora è muro contro muro fra Parlamento e Governo

REGNO UNITO
11 ore

Stop a Johnson, Westminster rinvia la Brexit

La Camera dei Comuni ha approvato un emendamento che obbliga il premier a chiedere un rinvio all'UE

FOTO
REGNO UNITO
12 ore

Il popolo torna in piazza contro la Brexit

Un raduno colorato, fra slogan, cartelli, bandiere britanniche e dell'Ue e vessilli di partito

SIRIA
13 ore

Ankara accusa i curdi di violare il "cessate il fuoco"

«In 36 ore hanno compiuto 14» violazioni». Ma la Turchia assicura che è in atto un coordinamento con gli Stati Uniti

REGNO UNITO
14 ore

Brexit, l'esito resta incerto

È partito il dibattito vero e proprio sull'accordo. Si vota su due emendamenti: una nuova proroga e referendum bis

REGNO UNITO
16 ore

Oggi è il giorno della Brexit

Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo da lui raggiunto con l'Ue e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere

STATI UNITI
19 ore

Boeing 737 Max, la società sapeva

Una serie di sms tra dipendenti nel 2016 indica che la società era consapevole del rilevante problema del sistema di controllo automatico del volo

FOTO
SPAGNA
19 ore

Le proteste serali fanno 182 feriti e 54 arresti

Tra le persone fermate e poi rilasciate anche un fotoreporter del quotidiano El Pais, «immobilizzato a terra da una mezza dozzina di agenti e portato in un furgone di polizia»

ITALIA
1 gior

La provocazione di Grillo: «E se togliessimo il voto agli anziani?»

Il fondatore del M5s scatena un pandemonio con la sua dichiarazione. Calderoli: «Nemmeno Erdogan». Salvini: «Togliamo il voto a lui»

SIRIA
1 gior

Fragile tregua in Siria, sul confine cadono ancora le bombe

Il cessate il fuoco concordato ieri da Turchia e Stati Uniti ha subito ripetute violazioni: i raid di Ankara non si fermano. Erdogan però nega: «Disinformazione»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile