Archivio Keystone
STATI UNITI
21.10.18 - 15:170
Aggiornamento : 18:29

A rischio lo status legale dei transgender

L'amministrazione Trump sarebbe al lavoro su una norma che di fatto cancella la loro esistenza

WASHINGTON - Donald Trump vuole abolire per legge le persone transgender e togliere loro tutti i benefici di legge riconosciuti durante la presidenza Obama. Così, mentre la città di New York apre le porte a quel 'gender X' che ogni cittadino può decidere di apporre sul proprio certificato di nascita, l'amministrazione guidata dal tycoon lavora ad una norma secondo cui il sesso di una persona è determinato da una sola cosa: gli organi genitali che si hanno quando si viene al mondo. Dunque, o maschio o femmina. Gli altri generi, ai fini delle prestazioni fornite dallo stato federale, non esistono.

La preoccupazione nella comunità Lgbt americana è grande, dopo le sostanziali conquiste degli ultimi anni. E la svolta decisamente conservatrice della Corte Suprema sotto la presidenza Trump non fa ben sperare per le eventuali future battaglie a difesa dei diritti delle persone transgender ed omosessuali. L'offensiva dell'amministrazione Trump per escludere una parte della popolazione dai diritti civili acquisiti con Obama era nell'aria da tempo, da quando il presidente americano tentò di vietare l'accesso delle persone transgender nelle forze armate, una posizione contro cui si schierò lo stesso Pentagono. Ma ora la questione è destinata a tornare alla ribalta a quasi due settimane dalle elezioni di metà mandato per rinnovare il Congresso, animando ancor di più il rush finale della campagna elettorale.

In pratica l'amministrazione Trump - come emerge da un memo del ministero della Salute ottenuto dal New York Times - ritiene che ci sia troppa confusione sul fronte della prestazione di alcuni servizi finanziati dallo stato federale e vuole così fissare una nuova definizione legale di sesso. E la vuole inserire nella legge sui diritti civili che vieta discriminazioni basate sull'identità di genere sul fronte dei programmi di istruzione. Nel memo si scrive però che tutte le agenzie federali dovrebbero adottare in maniera uniforme tale definizione, secondo cui il sesso di una persona deve essere determinato "su basi biologiche che siano chiare, fondate sulla scienza, oggettive e amministrabili". Dunque - è la tesi - devono esistere legalmente solo i generi maschile e femminile, immutabili nel tempo e determinati dagli organi genitali che la persona ha alla nascita. Qualunque controversia dovrà quindi essere affrontata solo attraverso test genetici.

«Questo significa semplicemente negare la natura e i diritti umani delle persone», attaccano le associazioni Lgbt e molti esponenti democratici tra cui alcuni responsabili dell'ex amministrazione Obama. E se la nuova definizione legale di sesso dovesse passare, a rischio - si sottolinea - sono i diritti di almeno 1,4 milioni di cittadini americani che hanno scelto di optare per un genere (attraverso un'operazione chirurgica o altre strade) che non è quello della nascita.

TOP NEWS Dal Mondo
VIDEO
PERÙ
14 min

«Il terremoto ci ha strappati dal sonno»

Dei lettori raccontano i terribili momenti in cui, questa notte, il Perù è stato scosso da un forte sisma. Almeno due i morti

ITALIA
2 ore

Si è spento Vittorio Zucconi

Il celebre giornalista è morto nella sua casa di Washington. Ezio Mauro: «Viveva il giornalismo, non lo interpretava»

STATI UNITI
4 ore

Tornado distrugge un motel in Oklahoma: almeno due morti

La tromba d'aria ha colpito un sobborgo di circa 17.000 abitanti nella tarda serata

NEPAL
5 ore

Alpinisti in coda, il sovraffollamento ad alta quota può uccidere

Il Monte Everest è preso d'assalto e almeno 10 persone hanno perso la vita nella prima settimana della stagione più amata dagli scalatori

FRANCIA
17 ore

Cannes, la Palma d'Oro va a "Parasite" di Bong Joon-Ho

Il premio di miglior attrice va a Emily Beecham, il miglior attore è Antonio Banderas

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report