Keystone
STATI UNITI
20.10.18 - 18:160

Trump pronto a cestinare il trattato sui missili

L'accordo fu firmato nel 1987 da Ronald Reagan e Michail Gorbaciov per limitare il numero di testate dispiegate in Europa

WASHINGTON - E' una delle pietre miliari del disgelo che portò alla fine della guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Un trattato firmato nel 1987 a Washington da Ronald Reagan e Michail Gorbaciov per limitare il numero dei missili dispiegati in Europa, frutto dello storico vertice tra i due leader svoltosi l'anno prima a Reykjavik. Ora Donald Trump è pronto a rottamarlo, per spianare la strada a un riarmo degli Usa soprattutto in chiave anti-Cina. E se è vero che Mosca da anni viola gli impegni presi 31 anni fa, lo strappo di Washington rischia di riaprire una nuova corsa agli armamenti e di innescare una nuova guerra fredda con Mosca e Pechino.

Alla Casa Bianca, al Dipartimento di stato e al Pentagono negano che una decisione finale sulle sorti dell'Intermediate Range Nuclear Forces Treaty (Inf) sia stata già presa. Ma oramai - come afferma il Nyt citando fonti dell'amministrazione Usa - il tycoon sarebbe determinato a chiudere questo capitolo e dovrebbe annunciare l'uscita degli Stati Uniti dal trattato nelle prossime settimane. Mentre già nei prossimi giorni il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton dovrebbe volare a Mosca per anticipare le intenzioni della Casa Bianca direttamente al presidente russo Vladimir Putin.

Il primo a denunciare ufficialmente la Russia per le continue violazioni dell'accordo fu nel 2014 Barack Obama, accusando Putin di dispiegare armi nucleari tattiche proibite per intimidire i Paesi dell'ex blocco sovietico avvicinatisi all'Occidente e alla Nato. Ma Obama, nonostante i gelidi rapporti con il leader del Cremlino, scelse di non lasciare l'accordo Inf per non provocare un'escalation nei rapporti con Mosca e non innescare quella nuova corsa agli armamenti che adesso invece potrebbe ripartire. Una delle prime mosse del Pentagono se gli Usa dovessero uscire dal trattato Inf sarà infatti quella di dispiegare missili con testate nucleari in Asia, per contrastare la crescente influenza della Cina nel Pacifico occidentale. E in attesa di mettere a punto nuove moderne testate nucleari, gli Usa sono intanto pronti a modificare i vecchi missili Tomahawk e a piazzarli in Giappone e nella base Usa di Guam. Ma il passo successivo sarebbe quello di tornare a rafforzare il sistema degli euromissili nel Vecchio Continente. Del resto la Cina da tempo sta portando avanti un programma di rafforzamento e ammodernamento del suo arsenale missilistico, mentre in Russia è pronto ad essere dispiegato il potentissimo missile ipersonico fiore all'occhiello di Putin.

Il trattato Inf pose fine alla crisi degli euromissili, quelli a corto e medio raggio (da 500 a 5 mila chilometri) che per decenni terrorizzarono l'Europa. L'accordo tra Reagan e Gorbaciov porto alla distruzione di 2692 missili, 846 americani e 1846 russi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
dino 1 anno fa su tio
Ma lo hai letto l’articolo?
spank77 1 anno fa su tio
Ma cosa ci fa ancora li quel presidente con la p minuscola ?
Asdo 1 anno fa su tio
Magari è questa europa che dovrebbe smettere di essere un vassallo militare degli stati uniti
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
TikTok vuole spostare il suo centro di potere negli Stati Uniti
La nomina a Ceo dell'ex manager di Disney, Kevin Mayer, sarebbe solo la parte più visibile di una strategia precisa
REGNO UNITO / CINA
1 ora
Agevolazioni per il passaporto britannico se la Cina imporrà la nuova legge a Hong Kong
È quanto ha annunciato il governo britannico. Pechino minaccia «necessarie contromisure»
REGNO UNITO
2 ore
È morto Bob Weighton, l'uomo più vecchio del mondo
Aveva 112 anni, e da poco aveva ereditato il titolo dal giapponese Chitetsu Watanabe
COREA DEL SUD
4 ore
Aumento dei contagi, richiudono le scuole
Gli studenti erano tornati nelle classi solamente una settimana fa
CINA
6 ore
Volkswagen investe nell'elettrico
Per il momento, il colosso automobilistico punta sul mercato cinese
STATI UNITI
6 ore
Terza notte di scontri a Minneapolis, colpito anche il commissariato
Un corteo ha marciato per le vie della città, urlando slogan contro la polizia e il presidente americano
VIDEO
AUSTRALIA
8 ore
Ash, il primo koala nato nel parco dopo gli incendi
I guardiani hanno deciso di dargli un nome simbolico, che richiama la tragedia che ha colpito per mesi il Paese
UNIVERSO
14 ore
Un pianeta abitabile a soli quattro anni luce di distanza?
Un team internazionale di ricercatori indaga sull'abitabilità di Proxima b
HONG KONG
16 ore
Si alza l'ombra della Cina: l'inferno torna a Hong Kong
Le leggi al vaglio minano i diritti civili e le libertà del popolo di Hong Kong, l'allarme di Amnesty International
FRANCIA
17 ore
Saltano 15mila posti di lavoro da Renault
Il costruttore spera di gestire i tagli attraverso le uscite volontarie, misure di mobilità interna e riqualificazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile