Keystone / AP
FRANCIA
24.07.18 - 10:270
Aggiornamento : 11:19

"Caso Benalla", l'Eliseo smentisce tutto

Oggi pomeriggio il premier Edouard Philippe e diversi ministri dovranno fare quadrato in parlamento per difendere il presidente Macron

PARIGI - In pieno scandalo legato ad Alexandre Benalla, la presidenza smentisce seccamente le imbarazzanti dichiarazioni rilasciate dal responsabile della polizia, Laurent Gibelin, secondo cui il 'Mr.Security' del presidente Emmanuel Macron continuò a lavorare anche dopo le violenze del Primo Maggio nonostante la sospensione di due settimane dal suo incarico.

Rispondendo ieri sera in commissione d'inchiesta alle domande di Marine Le Pen (Rassemblement National), Gibelin ha riferito di aver incrociato Benalla in diverse riunioni sulla sicurezza anche nei giorni successivi al 2 maggio, quando cioè - secondo l'Eliseo - era stato sospeso per i fatti in Place de la Contrescarpe.

Intanto, dopo che il ministro dell'Interno, Gérard Collomb e il prefetto di Parigi, Michel Delpuech, hanno negato ogni responsabilità dinanzi alla commissione d'inchiesta, il cerchio si stringe intorno all'Eliseo. Nella notte la presidenza ha inoltre smentito i lavori di ristrutturazione da 180'000 euro nell'appartamento di Benalla.

Oggi pomeriggio, il premier Edouard Philippe e diversi ministri dovranno fare quadrato in parlamento per difendere il presidente Macron passato in poche ore dall'entusiasmo per la vittoria dei Bleus ai Mondiali alla peggiore crisi del suo quinquennato.

Inoltre, sempre oggi, la commissione d'inchiesta interrogherà il direttore di gabinetto dell'Eliseo, Patrick Strzoda e il suo omologo al ministero dell'Interno, Stéphane Fratacci. Il ministro dell'Interno, Gérard Collomb, parlerà dinanzi alla commissione legislativa del Senato. È invece prevista per giovedì l'audizione del segretario generale dell'Eliseo, Alexis Kohler.

Arriva la retromarcia - Rettifica di Alain Gibelin, il responsabile della polizia di Parigi che in audizione presso la commissione d'inchiesta del Parlamento aveva gettato una pesante ombra sulla credibilità dell'Eliseo in pieno scandalo su Alexandre Benalla, il collaboratore del presidente Emmanuel Macron indagato per le violenze del primo maggio in Place de la Contrescarpe.

Rispondendo ieri sera in commissione d'inchiesta alle domande di Marine Le Pen (Rassemblement National), Gibelin aveva riferito di aver incrociato Benalla in diverse riunioni sulla sicurezza tra il 4 e il 19 maggio, quando cioe' - secondo l'Eliseo - era stato sospeso per i fatti in Place de la Contrescarpe. Ora però Gibelin fa marcia indietro e conferma la versione dell'Eliseo.

In una lettera inviata al presidente della commissione, Yael Braun-Pivet, dice che ieri sera ha capito male la domanda. Credeva infatti che Marine Le Pen gli avesse chiesto se avesse visto Benalla nelle riunioni della prefettura tra il primo maggio e il 18 luglio, quindi ben al di la del periodo di sospensione dal suo incarico, ed ha chiaramente risposto "sì".

Nelle ultime ore, l'Eliseo aveva seccamente smentito che il 'Mr. Sicurezza' di Macron avesse potuto partecipare alle riunioni di lavoro tra il 4 e il 19 maggio, nel periodo cioè in cui era oggetto della sanzione disciplinare inflittagli dalla presidenza. A rivelare la missiva di Gibelin è il sito internet del quotidiano Le Parisien.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BIELORUSSIA
54 min
Un morto e dozzine di feriti negli scontri dopo il voto
Secondo i dati preliminari, il presidente in carica Alexander Lukashenko avrebbe vinto con l'80% dei consensi.
GERMANIA
4 ore
Ridurre l'imposta di culto per tamponare l'emorragia di giovani fedeli?
La proposta arriva dal presidente delle Chiese evangeliche tedesche. Sia cattolici sia evangelici, però, sono scettici.
BIELORUSSIA
15 ore
Exit poll: Lukashenko vicino all'80%
Seggi chiusi e alta tensione nella capitale bielorussa. La polizia ha chiuso piazza dell'Indipendenza
LIBANO
18 ore
A Beirut servono subito 66 milioni di dollari
La cifra servirà a sostenere nell'immediato le strutture sanitarie e i rifugi d'emergenza
FOTO
MAURITIUS
21 ore
Assistenza da Tokyo per la "marea nera"
La petroliera, lunga 300 metri, si è incagliata il 25 luglio. Il 6 agosto ha iniziato a perdere carburante
BIELORUSSIA
23 ore
Bielorussia al voto: si teme per la sicurezza della rivale di Lukashenko
Svetlana Tikhanovskaya non ha trascorso la notte nel proprio appartamento. Fermati diversi suoi collaboratori.
STATI UNITI
23 ore
Crisi? Buffett ha guadagnato 26 miliardi
L'oracolo di Omaha ha aumentato di non poco il patrimonio negli ultimi mesi. Grazie ad Apple, e nonostante il Covid
STATI UNITI
1 gior
Gli USA sforano i 5 milioni di casi e Trump vara nuovi aiuti per l'emergenza Covid
Che sta già diventando uno strumento per fare campagna elettorale: «Se sarò rieletto, tagli alle tasse permanenti»
FOTO
LIBANO
1 gior
730 feriti per le proteste a Beirut, morto anche un agente
La rabbia contro l'establishment dopo lo scoppio ha portato a un sabato di violenze
REPUBBLICA CECA
1 gior
A fuoco il condominio, muoiono 11 persone
Tra le vittime anche tre bambini. Alcuni per sfuggire alle fiamme si sono lanciati dalla finestra
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile