Keystone / AP
FRANCIA
24.07.18 - 10:270
Aggiornamento : 11:19

"Caso Benalla", l'Eliseo smentisce tutto

Oggi pomeriggio il premier Edouard Philippe e diversi ministri dovranno fare quadrato in parlamento per difendere il presidente Macron

PARIGI - In pieno scandalo legato ad Alexandre Benalla, la presidenza smentisce seccamente le imbarazzanti dichiarazioni rilasciate dal responsabile della polizia, Laurent Gibelin, secondo cui il 'Mr.Security' del presidente Emmanuel Macron continuò a lavorare anche dopo le violenze del Primo Maggio nonostante la sospensione di due settimane dal suo incarico.

Rispondendo ieri sera in commissione d'inchiesta alle domande di Marine Le Pen (Rassemblement National), Gibelin ha riferito di aver incrociato Benalla in diverse riunioni sulla sicurezza anche nei giorni successivi al 2 maggio, quando cioè - secondo l'Eliseo - era stato sospeso per i fatti in Place de la Contrescarpe.

Intanto, dopo che il ministro dell'Interno, Gérard Collomb e il prefetto di Parigi, Michel Delpuech, hanno negato ogni responsabilità dinanzi alla commissione d'inchiesta, il cerchio si stringe intorno all'Eliseo. Nella notte la presidenza ha inoltre smentito i lavori di ristrutturazione da 180'000 euro nell'appartamento di Benalla.

Oggi pomeriggio, il premier Edouard Philippe e diversi ministri dovranno fare quadrato in parlamento per difendere il presidente Macron passato in poche ore dall'entusiasmo per la vittoria dei Bleus ai Mondiali alla peggiore crisi del suo quinquennato.

Inoltre, sempre oggi, la commissione d'inchiesta interrogherà il direttore di gabinetto dell'Eliseo, Patrick Strzoda e il suo omologo al ministero dell'Interno, Stéphane Fratacci. Il ministro dell'Interno, Gérard Collomb, parlerà dinanzi alla commissione legislativa del Senato. È invece prevista per giovedì l'audizione del segretario generale dell'Eliseo, Alexis Kohler.

Arriva la retromarcia - Rettifica di Alain Gibelin, il responsabile della polizia di Parigi che in audizione presso la commissione d'inchiesta del Parlamento aveva gettato una pesante ombra sulla credibilità dell'Eliseo in pieno scandalo su Alexandre Benalla, il collaboratore del presidente Emmanuel Macron indagato per le violenze del primo maggio in Place de la Contrescarpe.

Rispondendo ieri sera in commissione d'inchiesta alle domande di Marine Le Pen (Rassemblement National), Gibelin aveva riferito di aver incrociato Benalla in diverse riunioni sulla sicurezza tra il 4 e il 19 maggio, quando cioe' - secondo l'Eliseo - era stato sospeso per i fatti in Place de la Contrescarpe. Ora però Gibelin fa marcia indietro e conferma la versione dell'Eliseo.

In una lettera inviata al presidente della commissione, Yael Braun-Pivet, dice che ieri sera ha capito male la domanda. Credeva infatti che Marine Le Pen gli avesse chiesto se avesse visto Benalla nelle riunioni della prefettura tra il primo maggio e il 18 luglio, quindi ben al di la del periodo di sospensione dal suo incarico, ed ha chiaramente risposto "sì".

Nelle ultime ore, l'Eliseo aveva seccamente smentito che il 'Mr. Sicurezza' di Macron avesse potuto partecipare alle riunioni di lavoro tra il 4 e il 19 maggio, nel periodo cioè in cui era oggetto della sanzione disciplinare inflittagli dalla presidenza. A rivelare la missiva di Gibelin è il sito internet del quotidiano Le Parisien.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
6 ore
Il Regno Unito decide, Johnson a un passo dal trionfo
La campagna elettorale per il voto si è chiusa, scatta il conto alla rovescia. La promessa del consevatore: portare a termine la Brexit
FRANCIA
8 ore
Renault: il Cda sceglie Luca De Meo per la direzione generale
Per un effettivo trasferimento del cinquantaduenne milanese a Parigi restano ancora alcuni ostacoli
VIDEO
STATI UNITI
10 ore
Piccioni con il cappellino da cowboy
Sono stati avvistati a Las Vegas. Un'organizzazione sta cercando informazioni per aiutarli
STATI UNITI
10 ore
Ceo: 2019 verso il record di addii
Dall'inizio dell'anno hanno salutato le loro società 1480 amministratori delegati
MONDO
12 ore
Greta Thunberg è la "Persona dell'anno" di Time
È la più giovane ad aver ottenuto il riconoscimento
VIDEO
ITALIA
12 ore
Quadro di Klimt ritrovato, s'indaga per ricettazione
La tela è sotto sequestro in attesa di analisi tecniche e perizie
GERMANIA
14 ore
Porsche ha assunto 2000 persone per la Taycan
Il nuovo modello, sviluppato dal 2015, ha venduto oltre 10mila esemplari. E l'anno prossimo il gruppo punta a raddoppiare il risultato
NUOVA ZELANDA
14 ore
White Island, recuperare i corpi ora sarebbe troppo pericoloso
Ci sono alte possibilità di una nuova esplosione nelle prossime 24 ore
ARABIA SAUDITA
16 ore
Esordio con il botto per Saudi Aramco
Titolo in rialzo del 10% per il colosso saudita del petrolio
ITALIA
17 ore
Bimbo di due anni investito, fermata la pirata della strada
Le condizioni del piccolo restano gravissime
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile