keystone
COREA DEL NORD
07.08.17 - 21:000

«Pronti a dare agli Stati Uniti una severa lezione»

Il regime di Pyongyang fa sapere che non intende rinunciare al proprio programma nucleare

PYONGYANG - «In nessuna circostanza» la Corea del Nord è disposta a rinunciare al suo programma nucleare: per il regime di Kim Jong-un non è un argomento negoziabile.

Dopo essere stata colpita dalle sanzioni dell'Onu, è stata questa la risposta di Pyongyang, che ha rilanciato minacciando ritorsioni durissime contro gli Stati Uniti: una vendetta «mille volte più grande».

Il ministro degli Esteri, Ri Yong Ho, a Manila è stato chiarissimo nel sottolineare che la Corea del Nord «è pronta a dare agli Stati Uniti una severa lezione con la sua forza nucleare strategica». Ed ha ulteriormente esteso il suo messaggio aggiungendo che Pyongyang non vuole usare le proprie armi nucleari contro alcun altro Paese «eccetto gli Usa»: a meno che qualcun altro non si unisca all'iniziativa americana. Perché la responsabilità della crisi nella penisola coreana è soltanto di Washington.

Il capo della diplomazia nordcoreana ha quindi parlato di «odioso complotto degli Usa per isolare e soffocare la Corea del Nord», e ha ribadito come Pyongyang non metterà «in nessun caso» sul tavolo dei negoziati il suo arsenale nucleare. E lo ha detto in un intervento a Manila al forum dell'Asean, davanti ai rappresentanti di Usa e Cina che più di altri in queste ore hanno fatto pressing per uno stop ai test nucleari e missilistici di Kim Jong-un.

La strada del negoziato, al momento, appare quindi sbarrata, nonostante le ultime esortazioni di Rex Tillerson, il segretario di Stato Usa che resta risoluto e fermo, ma non rinuncia a offrire la possibilità di un tono conciliatorio nella speranza di una trattativa.

«Il miglior segnale che la Corea del Nord può dare per dimostrare che è pronta a negoziare con gli Stati Uniti è di interrompere i lanci missilistici», ha detto Tillerson a Manila: «Sarebbe il primo e più forte segnale» da parte di Pyongyang, ha insistito. Come a ricordare quanto rimarcato già nei giorni scorsi dettando una linea ben precisa, ovvero che gli Stati Uniti non perseguono un cambiamento di regime a Pyongyang e ripongono ancora speranza nella possibilità che la penisola coreana possa autonomamente denuclearizzarsi.

Degli ultimi sviluppi il segretario di Stato Usa ha informato il presidente Donald Trump, con cui ha tenuto una telefonata lunga un'ora, anche sulla Corea del Nord. Trump intanto ha confermato l'impegno diplomatico facendo fronte comune con la Corea del Sud, attraverso una dichiarazione congiunta col presidente sudcoreano Moon Jae-in, seguita ad un colloqui telefonico tra i due, in cui si rimarca ancora che la «Corea del Nord rappresenta una crescente minaccia, seria e diretta, contro gli Stati Uniti, la Corea del Sud e il Giappone, così come contro gran parte dei Paesi nel mondo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Dal Mondo
NORVEGIA
1 ora
A 10 anni dalla strage, Breivik continua a perseguitare i sopravvissuti
Anche le famiglie delle vittime continuano a ricevere lettere di minacce e di propaganda
ITALIA
4 ore
Long Covid, uno su due si sente sempre stanco
Uno studio evidenzia i sintomi più comuni per chi ha contratto il Covid: dolori, depressione e fatica a respirare
FOCUS
Cina
4 ore
Denuncia e poi scompare, il misterioso caso di Peng Shuai
La tennista, svanita dopo un'accusa di stupro alle alte sfere, è poi riapparsa. Ma i dubbi su quanto successo restano
STATI UNITI
6 ore
Omicron e vaccini: «calo sostanziale» dell'efficacia oppure no?
Il Ceo di Moderna Bancel prevede che la risposta sarà inferiore rispetto alla Delta. Più ottimismo, invece, da BioNTech
ISRAELE / ITALIA
1 gior
Respinto il ricorso del nonno: il piccolo Eitan rientra in Italia
La conferma della Corte Suprema israeliana: il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone sarà presto in Italia
SUDAFRICA
1 gior
«Omicron? Sintomi più lievi, ma anziani e casi a rischio stiano attenti»
Le parole della dottoressa sudafricana che ha scoperto la nuova variante: «Preoccupati? No. Sul chi vive? Sì»
REGNO UNITO
1 gior
Bufera di neve: 60 persone bloccate per due giorni in un pub
Una bufera legata alla tempesta Arwen ha isolato completamente il Tan Hill Inn, impedendo ai presenti di tornare a casa
STATI UNITI
1 gior
Minorenni reclutate per Epstein? Ghislaine Maxwell a processo
La 59enne ex compagna di Epstein si è dichiarata non colpevole di tutti i capi d'accusa
FRANCIA
1 gior
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
1 gior
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile