Keystone
FRANCIA
19.06.17 - 07:210
Aggiornamento : 09:06

Macron trionfa e conquista la maggioranza assoluta

I Républicains restano in piedi con 136 deputati nella Assemblée Nationale. I socialisti sono decimati ma non scompaiono come si temeva. Mentre il Front National non riesce a formare gruppo

PARIGI - Fa l'en plein Emmanuel Macron: conquistato l'Eliseo porta a casa anche l'Assemblée Nationale, con una maggioranza di seggi di 350 seggi secondo Elabe per Bfm-Tv, alle 23:30.

Dopo la valanga di una settimana fa e le previsioni di uno tsunami elettorale, però, i francesi gli impongono una correzione e lasciano in vita gli altri partiti.

Battuti e divisi, i Républicains restano in piedi con 136 deputati. Numeri mai visti prima per l'astensione, ormai al 56%. I socialisti sono decimati ma non scompaiono come si temeva. Nel nuovo emiciclo ce ne saranno 46, ma il segretario Jean-Christophe Cambadelis non ha atteso neppure le prime proiezioni per dimettersi.

Marine Le Pen - nonostante il Front National non conquisti neppure i 15 deputati necessari per formare un gruppo parlamentare - riesce laddove per due volte aveva fallito, ed entra in Parlamento insieme con il compagno, Louis Aliot.

Resta fuori il suo avversario interno, il vicepresidente Florian Philippot ma entrano in parlamento 8 rappresentanti del partito. L'impresa di formare un gruppo riesce invece ai radicali di gauche di Jean-Luc Melenchon, che avranno 26 rappresentanti.

«I francesi sono entrati oggi in uno sciopero generale civico» ha commentato Mélenchon, parlando di maggioranza «senza legittimità» e arrivando ad auspicare un «referendum per sapere se i francesi vogliono essere governati da questa minoranza».

In realtà, gli analisti di questa settimana fra i due turni avevano auspicato una reazione dei partiti tradizionali, così da garantire alla maggioranza di governo un'opposizione credibile e non ridotta a poche decine di deputati.

Anche dai ranghi di La Liberté En Marche (Lrem) si era auspicata una vittoria ampia (la maggioranza assoluta scatta a 286) ma non schiacciante, così da evitare al neonato partito - che presenta un esercito di debuttanti in Assemblée Nationale - di avere fra i propri seggi troppi politici completamente privi di esperienza.

Lo scoramento di chi ha assaporato la netta sconfitta domenica scorsa, la sufficienza di una parte di chi pensava di aver già stravinto, hanno contribuito - insieme con il distacco dalla politica e la giornata di sole con le spiagge affollate - a confermare l'esercito degli astensionisti come il primo partito di Francia.

Come ha subito sottolineato - in pieno stile Macron - il portavoce del governo e ministro dei rapporti con il Parlamento, Christophe Castaner, «oggi non è una vera vittoria. La vera vittoria sarà tra 5 anni, quando le cose saranno davvero cambiate per la Francia». Il primo ministro, Edouard Philippe, ha osservato che «i francesi hanno preferito la speranza alla rabbia».

A destra, i Républicains hanno tenuto e non è un risultato da sottovalutare, visto che il partito era distrutto nell'immagine dalla vicenda del candidato all'Eliseo François Fillon e al suo interno dalle "incursioni" di Macron, che ha portato alla guida del governo proprio Philippe e a due ministeri chiave altri importanti dirigenti della destra, Bruno Le Maire e Gerard Darmanin.

Il risultato di stasera è il peggiore nella storia neogollista ma il leader temporaneo - in attesa di congresso - François Baroin, ha proclamato che i Républicains sono «la prima opposizione». Battagliero e fiero di poter annunciare la formazione di un gruppo parlamentare "France Insoumise", Mélenchon si è autoproclamato "opposizione sociale in Parlamento".

Toni addirittura trionfalistici per Marine Le Pen, che personalmente ottiene una vittoria ma non va oltre gli 8 deputati, metà di quello che aveva annunciato come obiettivo, la formazione di un gruppo parlamentare.

Risultati definitivi:

Questi i risultati definitivi del secondo turno delle elezioni legislative in Francia:

La République en Marche/MoDem: 350 deputati (60,65% dei seggi).

Les Républicains: 137 (22,53%).

Partito socialista: 46 (7,97%).

La France Insoumise: 17 (2,94%).

Partito comunista: 10 (1,73%).

Altri: 9 (1,73%).

Front National: 8 (1,39%).

Astensione: 57,36%.

in giornata dimissioni del governo, poi rimpasto -  Il primo ministro francese, Edouard Philippe, presenterà "in giornata" le dimissioni del governo - come vuole la consuetudine dopo le legislative - in vista di un "rimpasto tecnico": lo ha annunciato il portavoce del governo Christophe Castaner alla radio RTL.

«Un rimpasto - ha aggiunto Castaner - che penso non sarà molto ampio, un rimpasto tecnico, e una conferma, quella di Edouard Philippe, a mio parere».

Commenti
 
MIM 2 anni fa su tio
A parte la bassissima partecipazione di votanti, c'è da ricordare a chi osanna Macron, che lui non è definibile, e il partito socialista ha praticamente perso tutto quello che aveva. Io attenderei a esultare, perché potreste (voi di sinistra) avere delle brutte sorprese da questo signore. Sappiate che ha lavorato in tutti i partiti, aveva un obiettivo, e l'ha raggiunto. Ora scopriremo le sue idee ;-)
El Jardinero 2 anni fa su tio
Grande Macron, il solo aver triturato la Le Pen me lo fa piacere.
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore

FMI: «I tassi bassi sono un rischio per la stabilità finanziaria»

«Spingono gli investitori verso asset rischiosi e contribuiscono a far crescere la montagna di debito a rischio delle imprese»

MAROCCO
4 ore

Il re grazia la giornalista condannata per aborto

Il caso aveva sollevato una reazione a catena nella società civile: manifestazioni, raccolte di firme e lettere di autoaccusa

REGNO UNITO
7 ore

Furto del gabinetto d'oro di Cattelan, fermate altre tre persone

L'opera non è ancora stata ritrovata. Faceva parte di una mostra ospitata dal Blenheim Palace a Woodstock

FOTO E VIDEO
STATI UNITI
9 ore

Troppo stanco per proseguire: salvato cane da 86 chili

Con il suo padrone aveva affrontato un sentiero sul Grandeur Peak. Sono stati riportati in pianura prima che facesse troppo freddo

PAESI BASSI
10 ore

Chiusi in cantina per nove anni, i vicini: «Non ne avevamo idea»

I residenti di Ruinerwold si interrogano sull'assurda scoperta. Anche chi aveva sospetti pensava al massimo al traffico di droga

ITALIA
11 ore

Bus contro un albero a Roma: 29 feriti, nove sono gravi

Non è ancora stata chiarita la dinamica dell’incidente

GERMANIA
13 ore

Due morti sospette a Haldensleben

Si tratta di due dipendenti del corriere tedesco Hermes, deceduti a distanza di poche ore sul posto di lavoro

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile