Keystone
ITALIA
26.05.17 - 20:240
Aggiornamento : 21:03

Terrorismo e clima, la sfida dei 7 Grandi a Taormina

Tra i sette, molti i volti nuovi: Paolo Gentiloni, Donald Trump, Emmanuel Macron e Theresa May siederanno per la prima volta al tavolo del club

TAORMINA - Il G7 si mostra al mondo unito contro il terrorismo, pronto a rafforzare misure e impegni comuni. Ma non riesce a fare passi avanti sul clima, che resta al palo, e rischia di chiudersi con un compromesso al ribasso sui migranti.

Al tavolo, come facilmente prevedibile, pesa la posizione del presidente americano Donald Trump che arriva dicendosi "aperto" alla discussione. Ma poi di fatto ripropone e resta fermo sui suoi paletti. Non solo sull'accordo di Parigi, su cui continua a prendere tempo in attesa di trovare «la decisione giusta», mentre i suoi parlano apertamente di due posizioni «forti», ovvero contrapposte, tra Europa e America. Ma anche sulla questione dei migranti, sulla quale l'America di Trump sembra destinata a far valere la sua voce, ridimensionando le aspettative dell'Europa e della presidenza italiana. Che, forse, si dovranno accontentare di qualcosa che, alla vigilia del comunicato finale ancora da chiudere, non è certo il massimo che si poteva raggiungere.

Sono passati, e non è cosa da sottovalutare i principi base dell'approccio globale, quello "a lungo termine", con il coinvolgimento dei paesi di origine e la responsabilità condivisa. Ma le pressioni americane non hanno consentito di andare oltre, chiedendo di riaffermare il concetto di protezione dei confini e del controllo dei flussi.

Che il lavoro, in questi due giorni siciliani, non sarebbe stato facile, il premier italiano Paolo Gentiloni l'aveva previsto. «Al G7 chiediamo risultati, sappiamo che non sarà un confronto semplice ma lo spirito di Taormina ci può aiutare nella direzione giusta», aveva detto poche ore prima del via ai lavori in un videomessaggio. E alla fine della prima giornata del vertice, si mostra moderatamente soddisfatto nell'aver, almeno, centrato una «convergenza comune sui temi principali su cui si può lavorare» insieme.

Su tutti, comprese le questioni internazionali come Siria, Libia e Coree, precisa. Ma non sul clima. «Resta una questione sospesa», ammette il premier a margine dei lavori, mentre da tutte le delegazioni rimbalza lo stesso ritornello: «Per ora niente intesa», fa sapere la May, mentre l'Eliseo rinvia al mittente qualsiasi ipotesi di accordo al ribasso che indebolisca l'intesa di Parigi. Anche Angela Merkel, nonostante il botta e risposta scambiato oggi con l'inquilino della Casa Bianca sul surplus tedesco, prova a convincere gli Usa a rispettare le conclusioni della Cop21. Senza successo.

Sul tavolo resta inoltre il nodo del commercio, che rappresenta un altro motivo di non totale sintonia tra i leader, divisi tra gli europei che spingono per il multilateralismo e il libero scambio e Trump che pensa a barriere, dazi e protezionismo. Pronto anche a stringere un accordo, ma a "due", con la Gran Bretagna della May post Brexit.

Il primo ministro britannico, che ha lasciato stasera Taormina in anticipo per tornare all'emergenza di Manchester, rientra in patria con l'attestato di solidarietà e vicinanza di tutto il vertice. Che non solo compatto condanna ogni forma di terrore, ma mette nero su bianco una dichiarazione - affidata simbolicamente nelle mani della May al momento della firma - per la lotta al terrorismo. Nel testo i leader si impegnano ad alzare il livello della battaglia comune: in particolare sul web, dove «corre» l'estremismo, ma anche nella lotta ai foreign fighters, nella condivisione di dati e informazioni e nel taglio dei fondi e delle risorse, «linfa vitale» anche per chi cerca di radicalizzare i giovani che «minacciano i nostri interessi nazionali», scrivono i Grandi.

Su Taormina qualche nuvola, e non solo meteorologica, oggi c'è stata e ha rovinato in parte anche il programma delle signore, che hanno fatto un giro in elicottero sull'Etna ma con una visibilità limitata. Gli occhi dei taorminesi, dei turisti e del gossip si sono puntati su due first lady debuttanti: Brigitte Macron e Melania, che hanno tenuto banco con una sfida di stile. Prima di raggiungere i mariti per un concerto nell'Antico Teatro della Filarmonica della Scala di Milano e una cena offerta dal presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella.

Commenti
 
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore

Chiama Uber per trasportare droga: arrestato

Un 22enne ha trovato un conducente che, con il suo stile di guida, ha attirato su di sé l'attenzione della polizia

VIDEO
STATI UNITI
4 ore

Donna uccisa in casa da un poliziotto: era stato chiamato per controllare che stesse bene

Suscita critiche in Texas l'intervento di un agente, bianco, ai danni di una 28enne afroamericana

GERMANIA
6 ore

Psicosi attentati: polizia blinda ragazzini con armi ad aria compressa

Un intervento in forze a Normiberga per un 13enne e un 14enne con pistole softair che se la sono cavata con un ammonimento

SIRIA
9 ore

Raid turco in Siria uccide almeno un giornalista

Intanto i leader internazionali fanno pressione su Erdogan, Merkel: «Stop all'attacco», Trump invece minaccia sanzioni e ritira 1'000 soldati dall'area

GERMANIA
11 ore

Si trova un masso da 3 tonnellate in mezzo all'autostrada: morto automobilista

L'uomo non è riuscito a evitarlo ed è deceduto sul posto. La sua vettura è andata immediatamente in fiamme

SIRIA
13 ore

Tenere in carcere i foreign fighter dell'Isis «non è più una priorità»

Lo comunicano le forze curde siriane, impegnate a contrastare l'offensiva turca: «Chi voglia trovare una soluzione è il benvenuto»

FOTO
GIAPPONE
16 ore

Hagibis: il bilancio sale a 18 morti e 13 dispersi

Le operazioni di soccorso continuano senza sosta nell'arcipelago centro-orientale, in particolare nella città a nord di Nagano

STATI UNITI
1 gior

La California dice addio alla pelliccia

Dal 2023 lo Stato sarà il primo a vietare la vendita e la produzione di nuovi prodotti derivanti dall'uccisione di animali

ITALIA
1 gior

La promessa di Salvini: «Se stravinco in Umbria mando a casa il Governo»

L'ex ministro dell'interno pensa alle elezioni regionali del 27 ottobre e attacca Di Maio, Conte, Renzi e Zingaretti: «Incapaci, poltronari e traditori»

REGNO UNITO
1 gior

Pioggia di arresti alle proteste per il clima: «Tra loro anche una principessa»

Esmeralda, zia del re del Belgio, è stata fermata e in seguito rilasciata senza accuse negli scorsi giorni a Londra

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile