Keystone
REGNO UNITO
30.04.17 - 16:490

Il trionfo di Blair, vent'anni dopo è rimasto ben poco

A picco nei sondaggi, il Partito Laburista rischia un tracollo nel voto anticipato dell'8 giugno

LONDRA - «È un nuovo giorno, non è vero?». Con queste parole Tony Blair, il 2 maggio del 1997, diventava a 43 anni il più giovane primo ministro britannico dal 1812 grazie a un trionfo a valanga nelle elezioni per il rinnovo dei Comuni che segnavano lo storico ritorno del Labour al potere dopo l'epoca Margaret Thatcher-John Major. A distanza di 20 anni esatti da quel momento di gloria poco resta della controversa eredità blairiana in un partito profondamente mutato e che si trova ad affrontare uno dei suoi tornanti più difficili: a picco nei sondaggi e con un nuovo leader radicale, Jeremy Corbyn, che - inviso all'establishment e sotto il fuoco amico dell'opposizione interna - rischia un tracollo nel voto anticipato dell'8 giugno.

Appariva invece luminoso il destino dell'inventore del New Labour che in quel 1997 portava a Downing Street un programma liberalriformatore, un look tutto nuovo, un'oratoria irresistibile e la promessa di rendere la Gran Bretagna finalmente "cool". Spazzando via il grigiore della tradizione Tory.

Tante le speranze e le promesse messe allora in campo da Blair, a partire dalla Terza Via di una nuova sinistra liberale-laburista fino alla coraggiosa spinta europeista. E non poche le vittorie accreditate poi all'unico premier laburista rimasto al potere un decennio - tre le elezioni vinte - accompagnato dall'aura della spinta al rinnovamento, di un felice ciclo economico, d'una vivace vita culturale e artistica.

Ma non senza il parallelo appesantirsi graduale dell'altro piatto della bilancia: fatto di adeguamento a un modello liberale destinato a lasciare indietro troppe persone e a ridare ossigeno alle diseguaglianze sociali; di un culto mediatico della personalità alimentato della macchina della propaganda del brutale alter ego Alistair Campbell; di rapporti fin troppo stretti con spregiudicati tycoon come Rupert Murdoch (pettegolezzi boccacceschi inclusi).

La macchia della guerra - A macchiare lo storytelling blairiano resta però soprattutto la decisione del 2003 di trascinare il Paese nella sanguinosa guerra in Iraq come vassallo degli Usa di George W. Bush: contro il volere della sua gente, contro le oceaniche manifestazioni di protesta di quei giorni e a colpi di fake news disseminate attraverso i media sulle presunte armi di distruzioni di massa di Saddam, sui suoi fantomatici legami con Al Qaida, su altro ancora.

Una vicenda capace di offuscare la stella di Tony Blair con la stessa rapidità con cui si era accesa, fino a valergli l'appellativo di "Bliar", un gioco di parole sul suo cognome col vocabolo inglese liar (bugiardo), e a costargli una condanna postuma (morale e politica, se non giudiziaria) da parte della commissione indipendente chiamata a indagare a scoppio ritardato su quel conflitto. Un giudizio che pesa come un macigno tanto da spingere uno dei più illustri storici britannici, Ian Kershaw, a sentenziare che l'ex leader passerà in fin dei conti alla storia "con una sola parola: Iraq".

Di male in peggio - Dopo l'uscita di scena di Blair nel 2007 le cose sono andate del resto solo peggiorando per il Labour. La parte di eredità positiva è stata via via dissipata dai successori, da Gordon Brown a Ed Miliband (sconfitti alle urne rispettivamente nel 2010 e nel 2015), i quali hanno dovuto pagare pure i conti con l'altro lato della medaglia del lascito del grande ammaliatore del '97.

Ora il timone è passato al vecchio socialista Corbyn, scelto dalla base militante proprio in quanto antiblairiano. Ma anche per lui le prospettive elettorali, stando ai sondaggi, appaiono fosche in vista dell'8 giugno. Fosche forse come non mai. Blair, da parte sua, sta provando a riciclarsi in chiave di alternativa al radicalismo old fashion corbyniano per tentare di opporsi alla Brexit: ipotizzando in prospettiva - per il momento dietro le quinte, ma senza celare la tentazione di un qualche ritorno alla politica attiva - nuove alleanze 'alle Macron' che vadano oltre "le lealtà di partito".

Blair tuttavia ha ormai 63 anni, gli ultimi dei quali trascorsi da consulente disinvolto, strapagato e criticato di dittatori e oligarchi degli affari: senza contare la parentesi fallimentare quanto opaca in veste di mediatore di un comatoso negoziato israelo-palestinese per conto del Quartetto. Difficile immaginare che possa risuscitare una popolarità perduta con il mito della gioventù.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
«Bill Clinton era sull'isola privata di Epstein»
Lo afferma, in una docuserie che uscirà domani su Netflix, un dipendente del tycoon morto nel 2019
CANADA
5 ore
«La pandemia? È un ottimo momento per costruire un oleodotto»
Una ministra canadese non ha nascosto la propria soddisfazione per l'impossibilità di organizzare proteste.
STATI UNITI
5 ore
Troppe auto con le chiavi all'interno, e i furti s'impennano
Solo a New York questo tipo di reato è aumentato del 63%. Le forze dell'ordine ricordano di chiudere i veicoli
REGNO UNITO
5 ore
Crisi coronavirus: HSBC taglia oltre 35'000 posti di lavoro
Il piano di ristrutturazione del gruppo bancario potrebbe aumentare ancor di più il numero di licenziamenti
ITALIA
7 ore
Un guarito dal Covid-19 ogni tre avrà problemi respiratori cronici
Perché nei casi più gravi il virus può lasciare cicatrici sul polmone e danni irreversibili
ECUADOR
9 ore
Proteste e scontri violenti contro le misure del Governo
Sono migliaia le persone scese in piazza per manifestare contro le decisioni di Lenin Moreno
STATI UNITI
11 ore
LATAM Airlines: si spengono le luci in cabina
Si tratta della seconda compagnia aerea a presentare istanza di fallimento nel mese di maggio
AUSTRALIA
11 ore
Il fumo, il killer nascosto degli incendi boschivi
Il terribile impatto sulla salute causato dall'inalazione dei fumi ha toccato migliaia di persone
BANGLADESH / SVIZZERA
14 ore
«In molti in Svizzera si preoccupano per quelle operaie»
In Bangladesh, la pandemia ha evidenziato le pecche di un'industria dell'abbigliamento malata: «Dev'esserci una svolta».
MONDO
19 ore
La sanità scrive al G20
40 milioni di persone uniti in una lettera, la più grande mobilitazione della comunità sanitaria degli ultimi 5 anni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile