Keystone
SERBIA
26.04.17 - 21:550

Nuove proteste contro la «dittatura» Vucic

Centinaia di persone hanno manifestato contro il premier serbo, accusato di autoritarismo e stretto controllo sui media

BELGRADO - Anche questa sera a Belgrado alcune centinaia di persone, in larga parte giovani e studenti, hanno manifestato contro la "dittatura" del premier e presidente eletto Aleksandar Vucic, accusato di autoritarismo e stretto controllo sui media.

Scandendo slogan ostili al governo e a Vucic, vincitore già al primo turno delle presidenziali del 2 aprile scorso, i dimostranti hanno sostato a lungo sotto la sede della tv pubblica serba Rts, criticata per il modo in cui a loro avviso riferisce gli eventi politici e sociali nel Paese. Per questo hanno chiesto le dimissioni dei vertici della tv, oltre a quelle di Vucic e dei membri della commissione elettorale. Le protesta contro Vucic vanno avanti dal 3 aprile, il giorno successivo alle presidenziali. La manifestazione di oggi si è svolta pacificamente e senza incidenti.

Nel frattempo, Jonuz Musliu, leader della comunità di etnia albanese a Bujanovac, nel sud della Serbia, ha detto oggi di riconoscere come suo presidente Edi Rama, il premier dell'Albania, e non Tomislav Nikolic o Aleksandar Vucic. «Naturalmente è Edi Rama il mio presidente», ha detto alla tv privata serba Prva. In base alla costituzione dell'Albania - ha osservato - Edi Rama è il leader di tutti gli albanesi indipendentemente da dove vivono. E quando l'intervistatore gli ha fatto notare che lui vive in Serbia e che sui documenti c'è scritto "Repubblica di Serbia" Musliu ha risposto: «Che scrivano pure quello che vogliono ... Lei vive in Serbia, mentre io vivo nella Valle di Presevo. Un territorio che cerca di liberarsi».

Le affermazioni di Musliu hanno destato scalpore alla luce dell'intenso dibattito di questi giorni legate alle numerose affermazioni e prese di posizione sul progetto cosiddetto della "Grande Albania", molto criticato dalle autorità di Belgrado.

TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
2 ore
La pandemia fa piangere anche i “Paperoni” ma il più ricco è sempre Bezos
I super ricchi hanno perso circa 700 miliardi in un anno (e alcuni non lo sono più) ma il boss di Amazon è sempre il re
STATI UNITI
3 ore
Le sensazionali immagini spaziali in infrarossi
La luce infrarossa è in grado di penetrare attraverso le polveri e i gas spaziali, e il risultato è sbalorditivo
HONG KONG
5 ore
Il coronavirus resiste di più sulla plastica, e di meno sulla carta
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rimane scettica a riguardo
NUOVA ZELANDA
8 ore
Anche il coniglietto di Pasqua tra i lavoratori indispensabili
Lo ha annunciato la premier Jacinda Ardern, per la gioia di tutti i bambini.
STATI UNITI
10 ore
Ansia e tensione in polizia: oltre ai crimini ci sono ora i contagi
Il coronavirus ha messo alle strette i dipartimenti di polizia americani, che non possono permettersi contagi di massa
ITALIA
12 ore
Immune al coronavirus? È pronto il test
Sarà accessibile a tutti: costa solo cinque euro e i risultati sono disponibili in un'ora
STATI UNITI
12 ore
Facebook fornirà mappe per tracciare il contagio
Saranno a disposizione dei ricercatori per analizzare l'evoluzione dell'epidemia.
ITALIA
13 ore
Esce per fare la spesa 11 volte in un giorno: multata
Gli avanti e indietro di un'anziana signora dal supermercato hanno attirato l'attenzione della polizia.
REGNO UNITO
13 ore
Johnson ancora in cure intense, riceve un aiuto per respirare
I «pensieri e le preghiere» del governo sono indirizzati a lui, ha dichiarato Michael Gove
STATI UNITI
14 ore
Il settore dei motori, tra difficoltà e speranze
Sono settimane complicate anche per i marchi storici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile