Keystone
REGNO UNITO
10.03.17 - 19:540

Sulla Brexit è muro contro muro tra Londra e i 27

Il Regno Unito è pronto a «respingere» la richiesta di saldare il conto da 64 miliardi di franchi che l'Ue potrebbe presentare per rispettare gli impegni presi nel bilancio europeo

LONDRA - Londra è pronta a «respingere» la richiesta di saldare il conto da circa 60 miliardi di euro (64 miliardi di franchi) che l'Ue potrebbe presentare per rispettare gli impegni presi dal Regno Unito nel bilancio europeo. Ma rischia di trovarsi di fronte ad un muro.

E mentre i 27 nel vertice di Bruxelles si sono scoperti già divisi sulle formule da usare per descrivere il futuro dell'Unione europea nella Dichiarazione di Roma per il 60esimo anniversario del primo Trattato europeo, per ora sembrano uniti sul fronte della Brexit. «Non mi piace, ma non è la fine della Ue, anzi parlando con i colleghi ho avuto l'impressione che sia un incoraggiamento a continuare insieme», ha ad esempio sottolineato il presidente della Commisione europea Jean-Claude Juncker.

Ma mentre gli europei continuano ad attendere che la premier britannica Theresa May invochi l'articolo 50 che farà scattare i due anni per i negoziati di divorzio, il ministro degli esteri e leader dei brexiteers, Boris Jonson, parlando alla Bbc ha bollato come «non ragionevole» la cifra di cui parlano i tecnici a Bruxelles facendo la somma delle quote britanniche nel cosiddetto quadro di bilancio pluriennale della Ue, approvato (per la prima volta al ribasso su insistenza dell'ex premier David Cameron) a febbraio 2014 e valido fino a tutto il 2020.

«Quando 27 amici vanno al pub e ordinano una serie di giri di birra, se uno se ne va deve comunque pagare», ha sintetizzato qualche settimana fa il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas.

Nella giornata del vertice europeo a 28, i messaggi lanciati alla May non sono stati concilianti. Londra in questi nove mesi di attesa ha sempre sostenuto di voler trattare il futuro accordo commerciale con la Ue contemporaneamente al negoziato per il divorzio. Il capo negoziatore europeo Michel Barnier ha più volte ribadito che la Ue prima tratterà la separazione e soltanto successivamente la relazione futura.

Dettaglio non da poco, visto che il premier danese ha ad esempio ricordato che per il nuovo accordo commerciale ci potrebbero volere «15 anni». E persino l'Irlanda, tradizionale alleato di Londra, non è disposta a fare sconti.

Intanto da Berlino è emerso un documento di lavoro del governo, pubblicato da Bloomberg, in cui viene definita la linea tedesca. «La Brexit significherà meno cooperazione e integrazione economica rispetto alla membership quindi sarà un passo indietro che avrà un effetto sulla Gran Bretagna».

Ma non manca chi, come il premier lussemburghese Xavier Bettel, comincia a sospettare che il divorzio potrebbe non farsi: «Durante la procedura qualcuno potrebbe scoprire che ci 'amiamo così tanto' che è meglio non lasciarci».

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
13 min
All'asta un vino spaziale
Ha trascorso 14 mesi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale
GIAPPONE
1 ora
Prove di Olimpiadi in tempo di Covid, tra critiche e protocolli
Sebastian Coe, a capo della World Athletics, è convinto che l'Olimpiade avrà luogo: «I protocolli sono rigidi e testati»
ITALIA
3 ore
Pfizer e Moderna, «raccomandati» 42 giorni tra una dose e l'altra
Lo indica una circolare del ministero della Sanità, per vaccinare più persone possibili con le fiale a disposizione
REGNO UNITO
3 ore
La pandemia è stata sottostimata, anche dagli esperti
Uno studio britannico dimostra che, nonostante tutto, vale la pena ascoltare chi ha competenze
FOTO
MESSICO
5 ore
Città del Messico, oggi lacrime e tanta rabbia
Per venerdì è atteso il primo rapporto preliminare sul disastro che ha provocato 24 morti.
INDONESIA
5 ore
Tamponi Covid riciclati e usati più volte, arresti e denunce
Accade da dicembre all'aeroporto di Medan: la presenza di numerosi falsi positivi ha allertato le autorità
ITALIA
5 ore
«Il green pass italiano varrà per tutti»
Lo ha confermato oggi il ministro per il turismo Massimo Garavaglia
DAL MONDO
7 ore
Quando a divorziare sono i miliardari
Dai Gates passando per Bezos fino a quelli che sono “solo” multimilionari. La storia delle separazioni più costose
STATI UNITI
8 ore
Trump non potrà ritornare su Facebook
Lo ha deciso la Commissione di vigilanza di Facebook che però vuole che sia fatta chiarezza al più presto
STATI UNITI
11 ore
Caso Floyd, l'ex agente chiede un nuovo processo
Per i legali di Chauvin il procedimento non è stato equo in quanto viziato dalla pubblicità negativa attorno al caso
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile