ARGENTINA
29.04.16 - 21:310

Buenos Aires, i sindacati sfidano Mauricio Macri su inflazione e lavoro

La manifestazione ha riunito più di 300mila persone nel centro della capitale argentina

BUENOS AIRES - Prima sfida di piazza per Mauricio Macri: i sindacati argentini si sono uniti oggi per una manifestazione di protesta contro l'inflazione e la crisi dell'occupazione che ha riunito più di 300 mila persone nel centro di Buenos Aires, secondo gli organizzatori.

Per l'occasione, le cinque centrali hanno sotterrato l'ascia di guerra - la sola Cgt, sigla storica del sindacalismo peronista, è divisa in tre frazioni - per canalizzare la preoccupazione dei lavoratori per l'attuale situazione economica, conseguenza diretta del cambio di rotta politica deciso da Macri dopo la sua elezione nel dicembre scorso.

L'aumento dei prezzi, innescato dalla svalutazione del peso e l'abolizione dei sussidi su bollette, combustibili e trasporto, si avvia a superare il 26% di inflazione previsto dal governo per il 2016, ma la vera priorità del momento è il lavoro.

Ai 20 mila licenziamenti che il governo ha ammesso nel settore pubblico si aggiungono quelli nelle aziende private, il che ha portato l'opposizione a varare in Senato - anche qui con un'unità inedita - un disegno di legge che proibisce i licenziamenti durante sei mesi, in nome dell'"emergenza occupazione".

Macri ha criticato questa iniziativa, sottolineando che l'unico modo di combattere efficacemente la disoccupazione sono gli investimenti produttivi, e ha minacciato di porre il veto sulla legge anti-licenziamenti se fosse approvata anche nella camera bassa, ma il costo politico di questa operazione potrebbe risultargli molto alto.

TOP NEWS Dal Mondo
SIRIA
8 ore

Completato il ritiro curdo da Ras al Ayn

Tutti i combattenti delle Forze democratiche siriane sono fuori dalla città

REGNO UNITO
13 ore

«Porteremo Johnson in tribunale»

Le opposizioni sono furiose per la doppia lettera inviata dal premier e hanno bollato la manovra come «infantile». Bruxelles, intanto, prende tempo

REGNO UNITO / UNIONE EUROPEA
16 ore

Le due lettere di Johnson e la Brexit che diventa farsa

Ci sarebbe poi una terza missiva inviata a Bruxelles, dove gli ambasciatori europei si sono riuniti per discutere il da farsi

STATI UNITI
18 ore

Trump ci rinuncia, niente G7 al suo Doral Golf Club

«Una folle e irrazionale ostilità dei media e dei democratici», ha twittato

REGNO UNITO
1 gior

Una trappola tesa al momento giusto blocca la Brexit

Il voto decisivo atteso per oggi sul deal è saltato ed ora è muro contro muro fra Parlamento e Governo

REGNO UNITO
1 gior

Stop a Johnson, Westminster rinvia la Brexit

La Camera dei Comuni ha approvato un emendamento che obbliga il premier a chiedere un rinvio all'UE

FOTO
REGNO UNITO
1 gior

Il popolo torna in piazza contro la Brexit

Un raduno colorato, fra slogan, cartelli, bandiere britanniche e dell'Ue e vessilli di partito

SIRIA
1 gior

Ankara accusa i curdi di violare il "cessate il fuoco"

«In 36 ore hanno compiuto 14» violazioni». Ma la Turchia assicura che è in atto un coordinamento con gli Stati Uniti

REGNO UNITO
1 gior

Brexit, l'esito resta incerto

È partito il dibattito vero e proprio sull'accordo. Si vota su due emendamenti: una nuova proroga e referendum bis

REGNO UNITO
1 gior

Oggi è il giorno della Brexit

Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo da lui raggiunto con l'Ue e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile