ARGENTINA
26.10.15 - 20:420

Terremoto Macri, ballottaggio con Scioli

Il candidato di centro-destra Mauricio Macri ha perso di poco contro il superfavorito, il peronista Daniel Scioli

BUENOS AIRES - Una notte elettorale piena di sorprese, un terremoto politico. Alle presidenziali in Argentina il candidato del centro-destra Mauricio Macri ha perso di poco con il super-favorito, il peronista Daniel Scioli, ma politicamente è il vero vincitore del primo turno.

Macri e Scioli si affronteranno il 22 novembre in un ballottaggio storico su più fronti, tra l'altro perché è la prima volta che il nome dell'inquilino della 'Casa Rosada' verrà deciso in uno spareggio alle urne.

Oltre ad avere entrambi sangue italiano, Macri e Scioli hanno alle spalle una storia simile, vissuta tra la politica, le imprese e lo sport. Rappresentano però due Argentine diverse, spesso in antitesi: il primo è un uomo del centro-destra, leader della coalizione 'Cambiemos', il secondo un navigato dirigente del peronismo 'soft', rappresentante del 'Frente para la victoria' e governatore di Buenos Aires.

E proprio Buenos Aires è stata al centro della seconda grande sorpresa uscita dalle urne, esito che ha lasciato a bocca aperta milioni di argentini. A imporsi in quella che è la più importante delle 22 province del paese, in termini di Pil e di elettorato, è stata la 'macrista' Maria Eugenia Vidal, la quale è riuscita a battere Anibal Fernandez, un 'big' del peronismo, che aveva il controllo della provincia da 28 anni.

La giovane e sorridente Vidal ha in altre parole messo ko l'influente, e sempre molto discusso, capo gabinetto della presidente Cristina Fernandez de Kirchner.

Visti gli scossoni della notte elettorale, stamani a Buenos Aires tutto si è messo in movimento molto presto. Dopo la festa di ieri nel suo bunker, dove i fan di 'Cambiemos' hanno inneggiato al ritmo di una 'cumbia' a "Mauricio presidente", Macri ha lanciato un appello a quella parte dell'elettorato che ieri non lo ha votato.

Qualcosa di simile ha fatto poco dopo anche Scioli. Entrambi puntano ora lo sguardo verso Sergio Massa, peronista 'oppositora' che ieri è finito terzo, escluso quindi dal ballottaggio ma con in tasca un ricco bottino di voti (il 21%).

Cosa farà ora Massa non si sa. Anche perché quello del ballottaggio è un 'film' del tutto nuovo, che non avrà niente a che vedere con il primo turno. Si attendono quindi altre novità, che non sono certo mancate anche in questo lunedì post-elettorale. Macri e Scioli hanno per esempio assicurato di essere disposti ad un dibattito tv, altro fatto mai visto nel paese.

L'Argentina sta quindi già cambiando, come dimostra quanto successo nei mercati, dove alcuni titoli 'biancocelestì hanno fatto un forte balzo in avanti. Dopo la disfatta di ieri, si aspetta ora la resa dei conti all'interno del peronismo, come d'altronde successo in tante altre occasioni negli ultimi cinquant'anni.

Matteo Rigacci, Ansa

Commenti
 
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
35 min
Saudi Aramco tocca i 2000 miliardi di dollari
Raggiunto l'obiettivo fissato dal principe Mohammed bin Salman
STATI UNITI
56 min
Trump attacca Greta Thunberg
«Dovrebbe lavorare sul suo problema di controllo della rabbia» ha twittato il presidente degli Stati Uniti
CILE
2 ore
Aereo scomparso: trovati resti umani in mare
Sono stati rinvenuti nel canale di Drake da una nave della Marina cilena
CILE
6 ore
Avvistati in mare i rottami dell'aereo scomparso
A darne l'annuncio è stato il comandante dell'Aeronautica Eduardo Mosqueira
STATI UNITI
7 ore
Weinstein, accordo da 25 milioni con le accusatrici
Il patteggiamento extra-giudiziario riguarda decine di presunte vittime dell'ex produttore che lo hanno denunciato civilmente per molestie e stupri
SPAGNA
8 ore
Riscaldamento globale: «Con +2°C rimarrebbero solo l'Himalaya e i Poli»
A mettere in guardia rispetto al raggiungimento del valore limite fissato dall'Accordo di Parigi è un gruppo di scienziati della criosfera
REGNO UNITO
18 ore
Il Regno Unito decide, Johnson a un passo dal trionfo
La campagna elettorale per il voto si è chiusa, scatta il conto alla rovescia. La promessa del consevatore: portare a termine la Brexit
FRANCIA
20 ore
Renault: il Cda sceglie Luca De Meo per la direzione generale
Per un effettivo trasferimento del cinquantaduenne milanese a Parigi restano ancora alcuni ostacoli
VIDEO
STATI UNITI
22 ore
Piccioni con il cappellino da cowboy
Sono stati avvistati a Las Vegas. Un'organizzazione sta cercando informazioni per aiutarli
STATI UNITI
22 ore
Ceo: 2019 verso il record di addii
Dall'inizio dell'anno hanno salutato le loro società 1480 amministratori delegati
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile