Keystone
Un bancomat per l'acquisto di Bitcoin a New York.
MONDO
04.03.21 - 17:060

Una buona parte di quelli che stanno investendo nei Bitcoin non sanno cosa siano

Uno su tre non ne ha proprio idea, e più dell 80% non ne è davvero sicuro. Ma allora perché tutti ne comprano?

NEW YORK - Sono ritornati in auge, i Bitcoin, complice la loro ritrovata salute in un momento in cui gli investimenti non tradizionali stanno andando alla grande.

Malgrado un paio di scossoni, la valuta virtuale non ha mai cessato la sua - anche un po' inspiegabile - ascesa catalizzando l'attenzione globale.

Molti di questi, prima di mettere mano al portafoglio, però non si sono nemmeno informati di cosa potesse essere questa bizzarria delle "criptovalute".

Lo conferma un recente studio svolto da Cardify e ripreso dalla CNBC che ha preso in esame 750 investitori che hanno deciso di acquistare Bitcoin nel momento del suo picco di valore fra il 5 e il 12 febbraio, in quella settimana è passato da 37'000 a 47'000 dollari.

Secondo la ricerca solo il 16.9% degli intervistati può dire di aver «compreso appieno, il valore e il potenziale delle e-valute». Il 33,5%, invece, il 33,5% non ha affatto idea di cosa possa trattarsi.

Un'ignoranza di fondo che però non è un ostacolo: circa il 40% degli acquirenti di criptovalute sono esordienti nel campo e si appoggiano alle nuove possibilità offerte da piattaforme PayPal e Square. La motivazione principale del loro investimenti era legata alla paura «di perdere una tendenza in grado di portare grandi guadagni». 

«Il Bitcoin arriverà a valere un milione di dollari»

«Nella prossima decade arriverà a toccare il milione e soppianterà le valute tradizionali», non si tira indietro Jesse Powell - boss dell'azienda leader nelle criptovalute Kraken - in un'intervista per Bloomberg Television. Con la sua azienda, di base a Los Angeles, il 47enne sta già valutando la strada dell'offerta pubblica: «10 miliardi? Mi sembra una stima al ribasso». E tornando alle criptovalute, accusate da molti di non essere nient'altro che una bolla pronta a scoppiare fragorosamente: «Solo negli ultimi 50 anni il dollari sta già mostrando segni di grande debolezza, la gente inizierà a misurare il valore delle cose basandosi sul Bitcoin».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
EGITTO
1 ora
Per la Ever Given, chiesto un risarcimento da un miliardo di dollari
E intanto la nave, che si trova ancora nel canale, è stata sequestrata. Dai proprietari giapponesi per ora è no comment
MONDO
2 ore
Trombosi con J&J: «Sono eventi estremamente rari»
Lo hanno dichiarato gli esperti dell'FDA e dei CDC in una conferenza stampa congiunta
GIAPPONE / CINA
3 ore
Fukushima, una decisione «che non riguarda solo il Giappone»
Le acque di raffreddamento saranno sversate in mare. Pechino non ci sta e auspica un passo indietro
FRANCIA
3 ore
Come procede l'inchiesta sulla sparatoria di Parigi
Continua la caccia alla persona che ha sparato. È sempre più probabile che sia stato un regolamento di conti
STATI UNITI
5 ore
Trombosi: gli USA mettono in pausa il vaccino Johnson & Johnson
La decisione arriva in seguito a sei casi di formazione di «coaguli di sangue», uno dei quali ha portato a un decesso
MONDO
5 ore
OMS: «Stop alla vendita di animali selvatici vivi»
«...Almeno fino a quando non siano regolati degli standard minimi di igiene e sorveglianza»
FOTO
REGNO UNITO
8 ore
La prima sera al pub dopo mesi: «È stato eccitante»
Locali affollati dopo lo stop di quasi 100 giorni a causa delle restrizioni Covid
FOTO
STATI UNITI
10 ore
La poliziotta voleva usare il Taser, ma ha preso la pistola
Le autorità del Minnesota hanno ricostruito la dinamica dell'intervento che è costato la vita a Daunte Wright.
BHUTAN
12 ore
Il 93% degli adulti vaccinati in 16 giorni: lo sprint del Bhutan
Nel piccolo stato asiatico le vaccinazioni anti-Covid hanno preso il via il 27 marzo
STATI UNITI
19 ore
Sparatoria in un liceo nel Tennessee: un morto
Un agente addetto alla sicurezza dell'istituto è invece rimasto ferito
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile