Keystone
AUSTRALIA
18.02.21 - 13:280
Aggiornamento : 14:59

«I social network stanno forse cambiando il mondo, ma non significa che lo debbano gestire»

Il premier australiano Scott Morrison risponde alle mosse di Facebook di rimuovere le notizie dal social.

SYDNEY - «Arrogante e deludente». È con queste parole che il premier australiano Scott Morrison commenta l'azione di Facebook di eliminare le notizie dal social in Australia. 

La misura del gigante blu era stata presa in seguito alla proposta di legge di costringere i big di internet a pagare le notizie che passano attraverso le loro piattaforme. 

Se Google ha già deciso di firmare alcuni accordi con gruppi di media, Facebook ha optato per il pugno duro, eliminando da oggi tutte le notizie e le pagine di informazione presenti sulla piattaforma. Inizialmente erano state oscurate anche le pagine legate alle emergenze, come quelle dei pompieri o dei servizi meteorologici, o ancora legati alla diffusione del virus. Facebook si è poi scusato per l'errore, e le ha pian piano ripristinate. 

«Le azioni di oggi di Facebook di togliere l'amicizia all'Australia, tagliando i servizi di informazione essenziali sulla salute e dei servizi d'emergenza, sono tanto arroganti quanto deludenti» ha scritto il premier Morrison su Facebook (ironia della sorte).  

Uno dei fattori che ha spinto Facebook ad optare per il blocco è la possibilità che altri paesi seguano l'idea dell'Australia. Ma è proprio quello a cui punta anche l'Australia: «Sono in regolare contatto con i leader di altre nazioni su questi temi» si legge sempre nel post di riposta. «Queste azioni non faranno altro che confermare le preoccupazioni che un numero sempre più crescente di paesi sta esprimendo sul comportamento delle aziende BigTech, che pensano di essere al di sopra dei governi, e che le regole non li riguardino. Forse staranno anche cambiando il mondo, ma questo non significa che debbano anche gestirlo. Non ci faremo intimidire». 

TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
10 ore
La Cina pone «sfide sistemiche» che preoccupano la Nato
I Paesi dell'Alleanza richiamano Pechino a una maggiore trasparenza e al mantenimento degli impegni presi.
RUSSIA
12 ore
«Non abbiamo l'abitudine di assassinare le persone»
Vladimir Putin ha parlato a ruota libera in un'intervista, tra accuse, risposte ed ironia
STATI UNITI
14 ore
Covid, è in arrivo un nuovo vaccino
È di facile conservazione e le reazioni avverse sembrano essere meno frequenti e meno gravi
REGNO UNITO
16 ore
La variante Delta preoccupa e il Regno Unito ritarda il ritorno alla normalità
La decisione, già presa, verrà confermata oggi da Johnson. L'obiettivo è limitare al massimo una possibile terza ondata
FOTO
GIAPPONE / STATI UNITI
16 ore
Le ceneri di Tojo, un mistero durato oltre 70 anni
L'ex primo ministro giapponese fu condannato a morte per crimini di guerra e giustiziato nel 1948
CINA
19 ore
La Cina risponde al mondo: «Non politicizzate l'origine del virus»
Secondo Pechino, i politici di USA e altri Paesi «fanno accuse irragionevoli contro la Cina»
NEPAL
20 ore
Manca ossigeno, mancano vaccini: al Nepal «serve aiuto urgente»
L'appello di Amnesty International è rivolto sia ai leader locali che alla comunità internazionale
ITALIA
21 ore
La Lombardia saluta il giallo
Altre 6 Regioni italiane accolgono il bianco e salutano gran parte delle restrizioni
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
23 ore
L'invasione della magicicada negli USA, «anche al cioccolato»
L'insetto dagli occhi rossi ha conquistato 15 Stati, e anche una pasticceria del Maryland
MONDO
1 gior
Ecco come è finito il G7 in Cornovaglia
I sette grandi fanno fronte (scomposto) contro le "autocrazie"
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile