IMAGO
PAESI BASSI
12.02.21 - 19:000
Aggiornamento : 19:46

L'idea di spostare il quartiere a luci rosse fuori da Amsterdam non piace quasi a nessuno

Dalle ragazze, che temono per la loro sicurezza, e da chi si preoccupa per la gentrificazione del quartiere

AMSTERDAM - Ripulire il centro città e riqualificare una serie di immobili storici, tagliando fuori gli spacciatori e i festaioli casinari garantendo allo stesso tempo la sicurezza delle prostitute che lavorano nelle iconiche vetrine di De Wallen.

È questo il piano della sindaca di Amsterdam Femke Halsema che ha recentemente dichiarato di voler spostare il quartiere a luci rosse in uno stabile (ancora tutto da edificare) fuori dal centro. Il piano, ben lungi dall'essere completato, ha però l'appoggio del consiglio comunale e quindi le probabilità che si procederà per realizzarlo ci sono tutte.

Se da una parte sono contenti i politici e i proprietari degli immobili in questione, gli scontenti sono... praticamente tutti gli altri. Comprese proprio quelle che la mossa della sindaca vorrebbe proteggere: le professioniste del sesso.

La preoccupazione più grande è che, alla fine, siano solo parole: «Abbiamo tutte visto com'è andata a finire a Utrecht, anche lì doveva succedere la stessa cosa. Ma hanno semplicemente chiuso e le ragazze si sono trovate per strada, molte hanno iniziato a lavorare in situazioni pericolose», racconta a Vice Quirine Langkeek di SekswerkExpertise, un'associazione ombrello a sostegno delle sex-worker.

E poi ci sono le vetrine. Da una parte sì, sono specchio del mercimonio dei corpi e sono ben poco raffinate, ma dall'altra sono anche una forma di protezione per le ragazze: «Possiamo vederci, salutarci, e anche la polizia ci vede», racconta una di loro sempre a Vice, «c'è un bel senso di comunità e in generale ci sentiamo molto più sicure. Poi una volta staccato, ci rivestiamo, usciamo dalla porta sul retro e ce ne andiamo tranquillamente dalla porta, nella folla. Nessuno ti nota, nessuno può seguirti».

Le prospettive di una gentrificazione del quartiere mettono sotto pressione un'altra entità scomoda, ma organica, della città e di De Wallen: i cosiddetti Coffee Shop, già bersaglio di diverse azioni simili ma che hanno sempre finito per scamparla, ma con la nuova amministrazione Halsema non è dato a sapere se così sarà anche questa volta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FILIPPINE
2 ore
«Scegliete, o il vaccino o vi mando in prigione»
Il presidente filippino Rodrigo Duterte sfodera il pugno di ferro e minaccia i suoi cittadini. Ma può farlo davvero?
ITALIA
2 ore
Torna in Italia un tesoro archeologico di quasi 800 pezzi
È stato rinvenuto presso un collezionista belga. Il valore si aggira attorno agli 11 milioni di euro
ITALIA
5 ore
Grave incidente sull'A1 all'altezza di Piacenza: due morti
Coinvolti un'autocisterna, un camion e un'automobile
STATI UNITI
6 ore
Le cure “miracolose” di Trump al coronavirus, un anno dopo
Una pericolosa e l'altra (pare) inefficace, perché ancora si parla di candeggina e idrossiclorochina contro il Covid
ITALIA / CITTÀ DEL VATICANO
9 ore
Legge contro l'omofobia: il Vaticano si mette ufficialmente di traverso
Fatto senza precedenti, la Santa Sede ha attivato i proprio canali diplomatici perché il disegno di legge sia modificato
CINA
13 ore
«Ormai è una questione di giorni»
Il tabloid di Hong Kong è finito nella morsa della legge sulla sicurezza cinese
ITALIA
19 ore
L'Italia senza mascherine (forse) dal 28 giugno
Il comitato tecnico-scientifico sembra orientato verso un allentamento anticipato
SUDAFRICA
1 gior
Non sono diamanti, ma cristalli di quarzo
Il valore delle "pietre misteriose" scoperte in Sudafrica crolla quindi drasticamente
GIAPPONE
1 gior
Vaccini a rilento, in Giappone si punta ora sulle aziende
L'iniziativa ha preso il via oggi. Toyota vaccinerà 80'000 persone. Rakuten 60'000.
FOTO
INDIA
1 gior
Arrivano i monsoni. E centinaia di corpi potrebbero finire nel Gange
Il numero di sepolture sulle sponde del fiume sacro è esploso a causa della pandemia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile