IMAGO
PAESI BASSI
12.02.21 - 19:000
Aggiornamento : 19:46

L'idea di spostare il quartiere a luci rosse fuori da Amsterdam non piace quasi a nessuno

Dalle ragazze, che temono per la loro sicurezza, e da chi si preoccupa per la gentrificazione del quartiere

AMSTERDAM - Ripulire il centro città e riqualificare una serie di immobili storici, tagliando fuori gli spacciatori e i festaioli casinari garantendo allo stesso tempo la sicurezza delle prostitute che lavorano nelle iconiche vetrine di De Wallen.

È questo il piano della sindaca di Amsterdam Femke Halsema che ha recentemente dichiarato di voler spostare il quartiere a luci rosse in uno stabile (ancora tutto da edificare) fuori dal centro. Il piano, ben lungi dall'essere completato, ha però l'appoggio del consiglio comunale e quindi le probabilità che si procederà per realizzarlo ci sono tutte.

Se da una parte sono contenti i politici e i proprietari degli immobili in questione, gli scontenti sono... praticamente tutti gli altri. Comprese proprio quelle che la mossa della sindaca vorrebbe proteggere: le professioniste del sesso.

La preoccupazione più grande è che, alla fine, siano solo parole: «Abbiamo tutte visto com'è andata a finire a Utrecht, anche lì doveva succedere la stessa cosa. Ma hanno semplicemente chiuso e le ragazze si sono trovate per strada, molte hanno iniziato a lavorare in situazioni pericolose», racconta a Vice Quirine Langkeek di SekswerkExpertise, un'associazione ombrello a sostegno delle sex-worker.

E poi ci sono le vetrine. Da una parte sì, sono specchio del mercimonio dei corpi e sono ben poco raffinate, ma dall'altra sono anche una forma di protezione per le ragazze: «Possiamo vederci, salutarci, e anche la polizia ci vede», racconta una di loro sempre a Vice, «c'è un bel senso di comunità e in generale ci sentiamo molto più sicure. Poi una volta staccato, ci rivestiamo, usciamo dalla porta sul retro e ce ne andiamo tranquillamente dalla porta, nella folla. Nessuno ti nota, nessuno può seguirti».

Le prospettive di una gentrificazione del quartiere mettono sotto pressione un'altra entità scomoda, ma organica, della città e di De Wallen: i cosiddetti Coffee Shop, già bersaglio di diverse azioni simili ma che hanno sempre finito per scamparla, ma con la nuova amministrazione Halsema non è dato a sapere se così sarà anche questa volta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
GIAPPONE
1 ora
Il primo Covid positivo alle Olimpiadi di Tokyo
Si tratta di un coach della delegazione dell'Uganda che è stato messo in isolamento con 8 atleti
ITALIA
3 ore
Una corsa contro il tempo per salvare la memoria del ghiaccio
Ice Memory si ripropone di conservare in Antartide preziose "carote patrimonio", un "libro" sulla storia del clima.
ITALIA
20 ore
Perché l'Italia riapre alla doppia dose di AstraZeneca per gli under 60
Il cambio di rotta di ieri del Comitato tecnico scientifico si può spiegare con (almeno) tre motivazioni
IRAN
23 ore
Chi è il nuovo presidente, che sposta l'Iran ancora più a destra
Ex-ministro della Giustizia dal pugno di ferro e conservatore Ebrahim Raisi è stato "scelto" direttamente da Khamenei
RUSSIA
1 gior
Quasi 18mila contagi: il numero più alto dal 31 gennaio
Anche il dato giornaliero dei decessi è il più elevato da oltre tre mesi
FRANCIA
1 gior
Polizia disperde un rave party illegale, scontri «molto violenti»
Feriti almeno cinque gendarmi, un 22enne perderà l'uso di una mano
STATI UNITI
1 gior
«Il razzismo è una crisi di salute pubblica»
Lo ha dichiarato giovedì la sindaca di Chicago, Lori Lightfoot. Per contrastarlo verranno usati quasi 10 milioni.
UNIONE EUROPEA
1 gior
Sentenza sui vaccini: l'Ue esulta, AstraZeneca pure
Il verdetto è stato accolto «con soddisfazione» sia da Bruxelles che dall'azienda anglo-svedese
GERMANIA
1 gior
La Svizzera non è più «un'area a rischio»
L'Istituto Robert Koch ha deciso: gli svizzeri possono entrare in Germania senza restrizioni
REGNO UNITO
1 gior
La «profonda vergogna» dei ministri per gli stupri che restano impuniti
Un numero altissimo di crimini non viene nemmeno denunciato, la politica fa mea culpa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile