Keystone
Il ministro degli Esteri polacco Zbiegniew Rau, a sinistra, parla con il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto.
UNIONE EUROPEA
07.12.20 - 16:320

L'Ue concede 24 ore a Polonia e Ungheria per togliere il veto

In caso contrario, l'Unione potrebbe procedere con un fondo per la ripresa economica senza i due paesi

BRUXELLES - L'Unione europea avrebbe concesso 24 ore all'Ungheria e alla Polonia per togliere il veto imposto al Recovery Fund e al bilancio Ue 2021-2027. 

Lo si legge nelle pagine del quotidiano spagnolo El Mundo, che riprende delle fonti europee. Nel caso non si trovasse un accordo, l'intenzione dei 25 è quella di optare per un meccanismo parallelo (un piano B) che escluderebbe Polonia e Ungheria dai 750 miliardi di euro di aiuti per la ripresa economica legata al coronavirus.

L'invito ai due paesi del gruppo di Visegrad è quindi quello di agire tra oggi e domani, o comunque prima del Consiglio europeo previsto questa settimana.

Quella di Bruxelles è una sorta di ultimatum, che mira in realtà a spingere i negoziati verso un accordo. Infatti, durante il vertice verranno affrontati temi molto importanti, anche per Ungheria e Polonia, che mantenendo la loro linea rischiano di perdere sovvenzioni importantissime per i loro Stati.

Il rifiuto di Polonia e Ungheria, lo ricordiamo, riguarda la clausola sullo Stato di diritto, un meccanismo che consentirebbe all'Ue di tagliare i fondi a coloro che non rispettano i valori e principi comuni all'Unione. Una clausola che secondo i due paesi prende di mira ingiustamente le loro nazioni, e che potrebbe essere usata come minaccia o ricatto.

«Entrambi i paesi perderanno capitali in modo significativo l’anno prossimo e rischieranno di perderne ancora di più qualora si rifiutassero di scendere a compromessi», ha dichiarato l'eurodeputato austriaco Johannes Hahn.

Infatti, se Ungheria e Polonia proseguissero con il veto, Bruxelles sarebbe costretta a far passare un bilancio di emergenza suppletivo per il 2021, che porterebbe a miliardi di euro di perdite per determinate politiche europee come la lotta al cambiamento climatico, o il programma Erasmus, e che colpirebbe tutti i Paesi dell'Ue, e in particolare i maggiori beneficiari dei fondi di coesione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 12 mesi fa su tio
Un'altra perla di saggezza da parte dell'UE. Ci sono delle leggi e degli accordi sottoscritti. O li si rispettano oppure non si sottoscrivono. Non è concepibile che la loro messa in pratica debba essere il risultato di ricatti, sopratutto economici. UE è oramai al palo di partenza un'altra volta: ha fallito nell'economia, come punto di bilancia tra est e ovest, come gestore delle politiche europee e nord africane, invasa da migranti economici alla ricerca di chissà che cosa, lasciano piazza libera alla Cina di derubare e inquinare l'Africa. Destinati all'autoeviramento.
Nikko 12 mesi fa su tio
Polonia e Ungheria praticano una falsa democrazia, dittatoriale e illiberale, con la stampa imbavagliata da regimi autoritari simili alla Bielorussia e a tante altre nazioni dove la censura è imposta a tutti gli oppositori politici che vengono regolarmente imprigionati o “suicidati”. Dovrebbero essere espulse immediatamente dall’UE!
seo56 12 mesi fa su tio
Europa vergognosa e ricattatrice peggio che in Bielorussia...
Gio58 12 mesi fa su tio
Per far rispettare la "democrazia" l'UE potrebbe anche usare i carri armati. Nel perfetto stile della democraticissima ex Unione Sovietica. Ma è senza dubbio meno rumoroso il vil denaro.
Galium 12 mesi fa su tio
Bene UE. Troppo comodo ricevere sovvenzioni e non rispettare principi elementari di democrazia.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
4 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
6 ore
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
15 ore
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
16 ore
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
19 ore
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
21 ore
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
ITALIA
1 gior
Incastrati da un festino gli stupratori del Varesotto
I due avevano violentato una 21enne su un convoglio delle Nord e assalito un'altra giovane alla stazione di Venegono
MONDO
LIVE
Via libera nell'Ue al medicinale di Roche contro il Covid grave
Actemra, sviluppato da Roche, viene impiegato in aggiunta alle cure standard
ITALIA
1 gior
È il giorno del "super Green Pass" italiano
A partire da oggi sarà necessario - per alcune attività - il nuovo Certificato Covid italiano, basato sul modello 2G
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile