Archivio Keystone
MONDO
02.12.20 - 17:460

Vecchi iPhone rallentati: Apple nei guai anche in Europa

Un'organizzazione per i diritti dei consumatori ha presentato un'altra azione legale contro il gigante degli smartphone

Se le azioni legali avessero successo, potrebbero costare ad Apple fino a 180 milioni di euro.

LONDRA - La controversa pratica di rallentare i vecchi iPhone ha nuovamente rispedito Apple al centro della polemica, e, anche questa volta, si trova invischiata in un'azione legale.

Il gigante statunitense deve infatti ora affrontare una class-action in Europa, a poco più di un mese dal pagamento di 113 milioni di dollari per risolvere un'indagine sulla stessa questione da parte di 34 stati americani, tra cui California e Arizona, come riporta la Cnn.

Ora, l'organizzazione per i diritti dei consumatori "Euroconsumers", ha presentato una simile azione legale contro Apple, che riguarda oltre 2 milioni di dispositivi iPhone 6, 6 Plus, 6S e 6S Plus, presenti in Belgio, Spagna, Italia e Portogallo.

Apple si ritrova a combattere contro reazioni negative, opinioni critiche e azioni legali in tutto il mondo da quando, nel 2017, ha ammesso che alcuni aggiornamenti software, progettati per salvaguardare le batterie e impedire improvvisi spegnimenti o altri errori che li renderebbero inutilizzabili, possano effettivamente rallentare i dispositivi.

«Anche in Europa meritiamo di essere trattati con la stessa equità e rispetto dei consumatori statunitensi» ha dichiarato alla Cnn uno dei responsabili di "Euroconsumers", Els Bruggeman, che ha spiegato come i diversi tentativi di risolvere la questione al di fuori dei tribunali non hanno avuto esito positivo.

Ora, il gruppo chiede un risarcimento di 60 euro in media per ogni consumatore. Se le azioni legali avessero successo, potrebbero costare ad Apple fino 180 milioni di euro.

Apple, dal canto suo, ribadisce le sue buone intenzioni: «Non abbiamo mai - e non faremmo mai - nulla per accorciare intenzionalmente la vita di qualsiasi prodotto Apple o peggiorare l'esperienza dell'utente per guidare gli aggiornamenti dei clienti», ha spiegato l'azienda in una dichiarazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
8 min
Vigilia agitata per il "green pass"
Le norme per bar e ristoranti entreranno in vigore da domani. Ma la partita sui trasporti e la scuola è ancora aperta
MONDO
3 ore
Terza dose, tra chi ha già iniziato e chi ci pensa
Israele è partito domenica. La Germania pronta a iniziare a settembre. Italia e Francia ci pensano. La Svizzera osserva
FOTO
LIBANO
15 ore
Beirut, commemorazione e scontri
Il cordoglio per le vittime si è mescolato con momenti di elevata tensione
MONDO
17 ore
«Ritardare la terza dose, almeno fino a settembre»
Tedros Adhanom Ghebreyesus ha chiesto che per ora non vengano effettuati richiami, in nome dell'equità
ITALIA
17 ore
I cyber-criminali attaccano e l’Italia trema
Il riscatto richiesto sarebbe di cinque milioni di euro, tutto non sarebbe partito dalla Germania ma dalla Russia
PAESI BASSI
21 ore
Ransomware, Paesi Bassi sull'orlo di una crisi di sicurezza nazionale
Le società informatiche non riescono a soddisfare tutte le richieste che ricevono
Italia
22 ore
Spiagge italiane sotto sequestro, ecco dove non andare
Dall’inizio della stagione estiva i Carabinieri hanno effettuato controlli in 886 strutture
UCRAINA
22 ore
Con una granata al Governo: «Siete sotto sequestro!»
Un video mostra l'uomo armato agitarsi e discutere con un funzionario
GIAPPONE
1 gior
Il Giappone gioca la carta della vergogna: diffusi i nomi di chi viola le regole
I tre uomini non avevano rispettato l'obbligo di quarantena di ritorno dall'estero
LIBANO
1 gior
Un anno dopo l’esplosione, Beirut continua a sanguinare
Il disastro del porto, avvenuto alle 18.08 del 4 agosto 2020, ha esasperato la situazione già critica del Paese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile