KEYSTONE
Google avverte i suoi milioni di utenti australiani che possono aspettarsi servizi «drammaticamente peggiori», se il governo di Canberra procederà con il piano di obbligare le grandi piattaforme a pagare i media tradizionali per pubblicare i loro contenuti.
AUSTRALIA
18.08.20 - 10:220

Servizi «drammaticamente peggiori» con le notizie a pagamento

Google, con una lettera aperta, si rivolge direttamente agli australiani

SYDNEY - Google avverte i suoi milioni di utenti australiani che possono aspettarsi servizi «drammaticamente peggiori», se il governo di Canberra procederà con il piano di obbligare le grandi piattaforme, come anche Facebook, a pagare i media tradizionali per pubblicare i loro contenuti.

Il nuovo codice di condotta elaborato dalla Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori, che dovrebbe entrare in vigore entro l'anno per disciplinare i rapporti commerciali tra le due parti, prevede multe di milioni di dollari per inadempienze e inoltre l'obbligo di trasparenza sugli algoritmi, finora gelosamente custoditi, che le piattaforme usano per classificare i contenuti.

Nella lettera aperta diretta agli australiani il direttore di Google per Australia e Nuova Zelanda, Mel Silva, sostiene che il codice di condotta avrebbe un severo impatto su Google e sulla sua sussidiaria YouTube. «Queste norme ci costringerebbero a fornirvi servizi drammaticamente peggiori di ricerche Google e di YouTube, e inoltre a consegnare i vostri dati ai grandi news business. Ci obbligherebbero a dare un vantaggio ingiusto a un gruppo di business, quello dei news media, a spese di ogni altra entità, grande e piccola, che opera un sito web o un canale YouTube», prosegue la lettera.

I piani dell'Australia sono osservati attentamente attorno al mondo, mentre gli enti regolatori dei vari paesi concentrano sempre più l'attenzione su un settore in rapida trasformazione. I news media su scala globale hanno sofferto con il diffondersi dell'economia digitale, dove le compagnie big tech catturano in misura schiacciante gli introiti pubblicitari.

A differenza degli sforzi senza successo di altri Paesi per costringere le piattaforme a pagare per le news che pubblicano, l'iniziativa australiana, con forte sostegno dei media locali, si affida ai meccanismi di concorrenza piuttosto che a regolamenti di copyright.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
9 ore
Il coronavirus era già in mezzo mondo, prima di Wuhan
Un team cinese pensa che la prima trasmissione tra esseri umani possa aver avuto luogo nel subcontinente indiano
STATI UNITI
9 ore
Donald Trump si prepara alla prima intervista, Melania pensa a un libro
Il presidente degli USA dovrebbe parlare per la prima volta dopo la sua non rielezione domani (alle 16 ora svizzera).
ARGENTINA
11 ore
«Riesumate Maradona, voglio scoprire se è mio padre»
Il 19enne Santiago Lara è figlio di una modella morta anni fa in giovane età. «Non voglio soldi, solo la verità», dice.
FOTO
FRANCIA
12 ore
Disordini alla Marcia per le libertà
Manifestazione pacifica per quasi tutto il giorno, fino all'arrivo alla Bastiglia
ITALIA
15 ore
Alluvione in Sardegna, tre morti
L'area più flagellata dal maltempo è quella della provincia di Nuoro
FRANCIA / ITALIA
15 ore
Piste chiuse: proteste e timori di una mazzata economica
Centinaia di persone hanno manifestato a Gap, mentre una ricerca ipotizza una perdita di fatturato fino al 70% in Italia
FRANCIA
18 ore
Dopo un mese i negozi "non essenziali" sono stati riaperti
I commercianti dovranno rispettare un nuovo protocollo sanitario rafforzato
ITALIA
18 ore
Tredicesime più leggere a causa del Covid
Tre miliardi in meno nelle gratifiche natalizie degli italiani
ARGENTINA
19 ore
Selfie con il cadavere di Maradona, condotte varie perquisizioni
La procura penale di Buenos Aires ha aperto un fascicolo
AUSTRALIA
21 ore
Tre vittime di pedofilia citano in giudizio anche il Papa
Secondo il loro avvocato è un modo per mettere il Vaticano di fronte alle proprie responsabilità
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile