keystone-sda.ch / STF (SEBASTIEN NOGIER)
STATI UNITI
27.06.20 - 10:180

Coca Cola boicotta Facebook

I social media sono accusati di non fare abbastanza contro l'odio e il razzismo

WASHINGTON - Coca Cola ha annunciato ieri in serata di essersi unita al boicottaggio di Facebook, Instagram, YouTube, Twitter e degli altri social media.

L'accusa alle piattaforme è quella di non fare abbastanza per combattere la presenza di contenuti d'odio e razzismo nelle proprie piattaforme.

Il gigante americano ha detto che fermerà tutte le sue pubblicità digitali almeno per un mese a partire dal primo luglio.

Al boicottaggio, promosso dalla campagna Stop Hate for Profit, hanno aderito altri colossi come Unilever e Verizon.

L'amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha nel frattempo annunciato una serie di modifiche delle policy che, pur non rispondendo esplicitamente ai vari boicottaggi, sembrano destinate a rispondere a molte delle critiche che l'azienda ha dovuto affrontare negli ultimi tempi per quanto riguarda la mancanza di moderazione. Sotto la lente, in particolare, le minacce, i discorsi di odio e la disinformazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pontsort 5 mesi fa su tio
Tipica ipocrisia politicamente corretta. Lo fanno solo perché é la moda del momento e rende a livello di marketing
Dioneus 5 mesi fa su tio
Coca Cola ha pienamente ragione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile