keystone
Il ministro delle finanze olandese Hoekstra
UNIONE EUROPEA
09.04.20 - 07:000
Aggiornamento : 09:35

L'Ue verso un'intesa (forse)

Si pensa a un "recovery fund", Francia e Germania d'accordo ma l'Olanda si mette di mezzo

BRUXELLES - Resta una partita difficile, ma dopo 16 ore di negoziato l'Eurogruppo (i ministri delle finanze dei 19 Stati membri dell'Ue che hanno adottato l'euro) comincia a intravedere uno spiraglio.

Germania e Francia si sono ricompattate e lavorano per l'intesa su una risposta economica alla crisi che sia all'altezza della situazione e delle aspettative di tutti: di chi vuole usare il Meccanismo europeo di stabilità (Mes), detto anche Fondo salva-Stati come prima arma di difesa e di chi vuole qualcosa di diverso per condividere il peso della ricostruzione, sotto forma di Eurobond.

Sebbene sul tavolo ci sia una bozza di testo che punta al compromesso, prima di passare alle rifiniture resta da superare il blocco olandese su entrambi i fronti sensibili: no ad Eurobond e a Mes senza condizioni. Il premier italiano Giuseppe Conte è determinato: «Non dobbiamo arretrare rispetto a Cina e Usa. Abbiamo bisogno degli Eurobond per non far perdere competitività a tutta l'Europa. Io chiedo un ammorbidimento delle regole di bilancio, altrimenti - avverte in un'intervista a Bild - dovremo fare senza l'Europa e ognuno farà per sé».

Quello olandese è un veto «controproducente e incomprensibile» secondo una durissima presa di posizione dell'Eliseo, convinto che non potrà durare. L'obiettivo è giungere a un accordo nelle prossime 24 ore, visto che l'Eurogruppo è riconvocato per domani. Il ministro dell'economia Bruno Le Maire assicura che la Francia «metterà tutto il suo peso in questa battaglia», e con il collega tedesco Olaf Scholz ha già lavorato nella notte per favorire l'intesa.

Parigi, alleata di Italia e Spagna nella partita degli Eurobond, è riuscita a portare la Germania a bordo ammorbidendo le parole: nelle conclusioni non si parla in modo diretto di titoli comuni, ma di un Fondo per la ripresa, come proposto proprio dalla Francia qualche giorno fa. Una volta stabilita la necessità di un fondo nuovo, si discuterà di come alimentarlo: il Sud vorrebbe i titoli comuni, la Germania guarda ancora a risorse comuni già esistenti come il bilancio Ue. «Abbiamo parlato di un Recovery fund da sviluppare e bisogna accordarsi sui criteri di organizzazione. Questo dovrà essere il lavoro delle prossime settimane e mesi», ha detto Scholz a Berlino dopo l'Eurogruppo.

Il Recovery Fund sembra un concetto sempre più accettabile da tutti, anche se ancora non si entra nei dettagli di come alimentarlo. Ma non sarebbe impossibile trovare un compromesso su risorse comuni limitate che facciano da garanzia ad una limitata emissione di titoli. Circostanziando bene l'operazione e quindi il rischio da mettere in comune, può diventare digeribile per tutti. Ma non risolutiva, perché la potenza di fuoco di uno strumento che nasce con il freno a mano tirato non potrebbe mai raggiungere le molte centinaia di miliardi di euro sperati dai Paesi del Sud. Il Mes è quindi imprescindibile. Non a caso è stato l'oggetto del duro confronto della scorsa notte.

L'opposizione - L'Olanda, spalleggiata da Austria e Finlandia, non vuole ridurre troppo le condizioni per accedere agli aiuti del vecchio salva-Stati. È disposta ad azzerarle solo se i fondi vengono spesi per la sanità. Non vuole una riedizione della troika, ma insiste per lasciare alcune condizioni di tipo macroeconomico. Ovvero: riforme e conti in ordine in cambio di aiuti. «Il Mes è prestatore di ultima istanza e secondo noi l'uso di questo fondo deve avvenire con una forma di condizioni. A causa della crisi attuale, dobbiamo fare un'eccezione e il Mes può essere usato senza condizioni per coprire i costi medici», spiega il ministro olandese delle finanze, Wopke Hoekstra. Ma «per un sostegno economico di lungo termine, credo sia sensato combinare l'uso del Mes con alcune condizioni economiche».

L'Olanda vorrebbe passare la palla subito ai leader dell'Ue, perché il tema è troppo delicato. Francia e Germania vogliono invece far arrivare ai leader almeno una bozza di compromesso, per non dare di nuovo l'idea di un Eurogruppo fallimentare. «Nessuno ha un vantaggio se l'Europa non riesce a mettere in piedi una reazione concreta e solida, qui non si tratta di Italia. Non abbiamo mai vissuto una situazione d'emergenza di questo tipo perciò sono i cittadini europei che si aspettano una soluzione europea», ha detto Conte, ribadendo che nessuno chiede alla Germania né tanto meno all'Olanda «di pagare i nostri debiti».

Il voto del Parlamento olandese - Il Parlamento olandese ha approvato nella serata di ieri due risoluzioni che esortano il governo a non accettare gli Eurobond e a tenere il punto sulla condizionalità per l'utilizzo del Meccanismo europeo di stabilità (Mes).

Le mozioni, presentate rispettivamente dal partito anti-Ue Forum per la democrazia (FvD) e da una formazione trasversale di deputati, non sono vincolanti ma danno un chiaro indirizzo politico al governo impegnato nei negoziati all'Eurogruppo in vista della ripresa dei lavori fissata per oggi alle 17.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
22 min
Novità «decisive» sul caso di Ghislaine Maxwell
I suoi legali chiedono di bloccare la pubblicazione di alcuni documenti. E lei denuncia le condizioni di detenzione
STATI UNITI
1 ora
Trump pensa allo stop dei rientri anche per gli statunitensi
Anche i cittadini americani, che finora non erano toccati dalle restrizioni, rischiano di rimanere bloccati all'estero
NORVEGIA
2 ore
In aeroporto con un tanga al posto della mascherina: John McAfee nei guai
Dopo un fermo di 14 ore il 74enne è stato rimesso in libertà
FRANCIA
4 ore
Panico a Cannes per una sparatoria (che non c'è stata)
Sono almeno 44 le persone che hanno avuto bisogno di cure ospedaliere
STATI UNITI
7 ore
David Marcus, da Ginevra ai servizi finanziari di Facebook
Il gruppo si occuperà di tutti gli strumenti relativi ai pagamenti che la compagnia sta sviluppando
NUOVA ZELANDA
7 ore
Quattro contagi dopo 102 giorni senza: «Restate a casa»
In Nuova Zelanda scatta l'allerta 2. Tutto chiuso a Auckland. La premier: «Comportatevi come se aveste il Covid».
RUSSIA
8 ore
Putin annuncia: «Abbiamo registrato un vaccino per il coronavirus»
Al momento mancano conferme scientifiche indipendenti.
COREA DEL NORD
9 ore
Pyongyang, il silenzio sul presunto paziente zero
La Corea del Nord è ufficialmente ancora libera dal coronavirus. La città di Kaesong resta però in quarantena
GERMANIA
9 ore
Il coronavirus spinge Zalando
Il primo semestre 2020 si chiude con 34 milioni di clienti: +20,4% rispetto all'anno precedente
STATI UNITI
11 ore
Tim Cook entra nel club dei miliardari
Apple corre in borsa, e l'amministratore delegato ci guadagna
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile