Depositphotos (londondeposit)
REGNO UNITO
02.03.20 - 18:000
Aggiornamento : 18:22

I produttori di auto ibride sono accusati di ingannare i clienti riguardo le emissioni

Alcuni esperti sono critici nei confronti di determinate affermazioni pubblicitarie dei produttori di auto ibride

L'obiettivo promosso sarebbe in realtà irraggiungibile in condizioni di guida normale

LONDRA - La capacità di guida “a emissioni zero” delle auto ibride, promossa dalle pubblicità delle case automobilistiche, ha fatto storcere il naso a molti.

Tra di loro Greg Archer, direttore della Federazione europea per i trasporti e l'ambiente (Transport & Environment), che ha dichiarato al The Guardian che una tale pubblicità sia una truffa nei confronti dei propri clienti. La Miles Consultancy ha sviluppato infatti dei dati che mostrano effettivamente che quasi tutte le auto ibride plug-in non sono riuscite a uguagliare, in condizioni di guida normale, gli obiettivi raggiunti nei test di laboratorio. 

Le basse temperature possono infatti far scattare l’utilizzo del motore a combustione interna in tutti e 11 gli ibridi plug-in più venduti nel Regno Unito. Come per esempio nel SUV XC90 della Volvo, nella Mercedes-Benz Classe E executive car, e nel crossover Niro della Kia.

La guida a zero emissioni potrebbe risultare impossibile anche a causa di altri fattori: oltre all'aria fredda, l’accensione del riscaldamento (anche se la batteria è completamente carica) o l'attivazione del processo per sbrinare il parabrezza sarebbero anch'essi in grado di attivare il motore a combustione interna.

Nel caso del SUV Mitsubishi Outlander, il plug-in più venduto nel Regno Unito nel 2019, tale motore si attiva anche se il conducente accende il "cruise control" per mantenere in modo autonomo una distanza di sicurezza dalla vettura che precede, o se la batteria diventa troppo calda o fredda a causa delle condizioni climatiche.

Il mese scorso, lo ricordiamo, il Governo ha informato che è in fase di valutazione il divieto di vendita degli ibridi nel Regno Unito a partire dal 2035. Questo per dare la priorità alla promozione di auto elettriche. Una tale prospettiva non è andata giù alle case automobilistiche, secondo cui la tecnologia ibrida è l'unico modo per ridurre rapidamente le emissioni. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Canis Majoris 1 anno fa su tio
L’ibrido è un ottimo veicolo di transizione da stufa ad elettrico. Così ci si rende conto del potenziale elettrico. E non credete alle bufale! Le batterie si riciclano, la vettura elettrica (tesla sopratutto) ha un bassissimo impatto ecologico anche nella produzione (tesla crea più energia con i pannelli fotovoltaici di quanto gliene serve per produrre e caricare tutti i veicoli prodotti). In Svizzera italiana la produzione di energia elettrica proviene per la maggior parte da fonti rinnovabili (idroelettrico) e se hai i pannelli fotovoltaici non esiste confronto con veicoli tradizionali! Fate voi, ma informatevi bene prima di denigrare le nuove tecnologie
LAMIA 1 anno fa su tio
Sembra che adesso si scopra l acqua calda. La Gretina è stata manipolata dall economia e solo per questo ha avuto risonanza mediatica. La vendita di auto era in crisi e quindi per riavviare il mercato avanti con il penalizzare chi ha auto tradizionali. Vedremo quando bisognerà smaltire le batterie o quando aumenteranno le malattie dovute alle ore trascorse seduti su questo smog elettrico come la metteremo. I giovani se ne dovranno fare una ragione. Guadagneranno meno e pagheranno di più.
Bayron 1 anno fa su tio
@LAMIA Condivido!!
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
9 ore
Accordo raggiunto: 7200 dollari a ogni partecipante del Fyre Festival
La class action dei possessori dei ticket del «peggior festival di tutti i tempi» si chiude con due milioni di dollari
STATI UNITI
10 ore
Strage di Indianapolis: identificato il presunto autore
Secondo quanto riferito dai media americani si tratterebbe di un diciannovenne
UNIONE EUROPEA
11 ore
Merkel: «La terza ondata è molto seria»
In Germania la campagna di vaccinazione procede. E nel frattempo l'Europa potrebbe rinunciare ad AstraZeneca
FRANCIA
12 ore
La piccola Mia «potrebbe essere stata portata all'estero»
Lo ipotizzano gli inquirenti. Fermati quattro uomini, già attenzionati dalla Procura antiterrorismo
FOTO
ITALIA
12 ore
Al via i primi Frecciarossa “Covid free”
Si sale soltanto con la prova di un test negativo. I primi treni sono partiti oggi da Milano e Roma
ITALIA
14 ore
«Un Pass Covid per spostarsi tra Regioni»
Dal 26 aprile tornano le zone gialle: si riaprirà «con prudenza» e all'insegna delle attività all'aperto
CILE
15 ore
Un anticorpo degli alpaca efficace contro il nuovo coronavirus (e le sue varianti)
Ma al momento la ricerca va a rilento a causa della mancanza di risorse economiche
STATI UNITI
16 ore
Strage al deposito FedEx, 8 morti e un movente ancora nell'ombra
La polizia conferma il bilancio delle vittime all'indomani della sparatoria
STATI UNITI
19 ore
Il Ceo di Pfizer: «Probabilmente servirà una terza dose»
Secondo Albert Bourla, è plausibile che si dovrà effettuare un richiamo a cadenza annuale
STATI UNITI
22 ore
Sparatoria alla FedEx: almeno 8 morti
L'autore si sarebbe tolto la vita. Si contano inoltre almeno 9 feriti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile