Keystone
STATI UNITI
22.02.20 - 13:140

Wells Fargo ha patteggiato con le autorità Usa per 3 miliardi di dollari

Si chiude così il clamoroso scandalo dei "conti fantasma", la banca si scusa: «Nostra condotta fu riprovevole»

NEW YORK - Wells Fargo patteggia con le autorità americane. Nel tentativo di voltare pagina e lasciarsi alle spalle lo scandalo dei conti correnti finti aperti all'insaputa dei clienti, la banca raggiunge un accordo con il Dipartimento di Giustizia e l'autorità americana di vigilanza dei mercati finanziari (Sec) e si impegna a pagare una sanzione da 3 miliardi di dollari.

Una multa salata ma che riflette - affermano le autorità americane - il «completo fallimento della leadership» dell'istituto e «l'ampiezza e la durata» delle pratiche illecite, andate avanti per anni.

L'intesa non riguarda i mutui e i prestiti per l'acquisto di auto anche se rappresenta un importante passo in avanti per la banca, che ha già pagato 2 miliardi di dollari di multe per le sue pratiche commerciali.

Wells Fargo ha dato priorità ai «profitti di breve termine rispetto alla sua reputazione» affermano le autorità americane, osservando come nell'ambito dell'accordo la banca «ha riconosciuto di aver raccolto milioni di dollari di commissioni e interessi ai quali non aveva diritto e di aver utilizzato in modo illegale le informazioni personali dei suoi clienti a loro insaputa».

Da quando lo scandalo è scoppiato negli anni scorsi Wells Fargo ha cambiato due amministratori delegati nel tentativo di archiviare quello che è un capitolo nero della sua storia: «La condotta al centro del patteggiamento, e la cultura dalla quale è nata, è riprovevole e non linea con i valori che abbiamo costruito» commenta Charlie Scharf, l'attuale numero uno della banca, descrivendo il patteggiamento come un primo passo importante anche se «resta ancora da fare per recuperare la fiducia che abbiamo perso».

E proprio la perdita di fiducia e i danni alla reputazione sono i fattori che più hanno pesato nel corso degli ultimi anni sulla performance economica di Wells Fargo, risultata deludente rispetto a quelle delle rivali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
1 ora
La pandemia fa piangere anche i “Paperoni” ma il più ricco è sempre Bezos
I super ricchi hanno perso circa 700 miliardi in un anno (e alcuni non lo sono più) ma il boss di Amazon è sempre il re
STATI UNITI
2 ore
Le sensazionali immagini spaziali in infrarossi
La luce infrarossa è in grado di penetrare attraverso le polveri e i gas spaziali, e il risultato è sbalorditivo
HONG KONG
4 ore
Il coronavirus resiste di più sulla plastica, e di meno sulla carta
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rimane scettica a riguardo
NUOVA ZELANDA
6 ore
Anche il coniglietto di Pasqua tra i lavoratori indispensabili
Lo ha annunciato la premier Jacinda Ardern, per la gioia di tutti i bambini.
STATI UNITI
9 ore
Ansia e tensione in polizia: oltre ai crimini ci sono ora i contagi
Il coronavirus ha messo alle strette i dipartimenti di polizia americani, che non possono permettersi contagi di massa
ITALIA
11 ore
Immune al coronavirus? È pronto il test
Sarà accessibile a tutti: costa solo cinque euro e i risultati sono disponibili in un'ora
STATI UNITI
11 ore
Facebook fornirà mappe per tracciare il contagio
Saranno a disposizione dei ricercatori per analizzare l'evoluzione dell'epidemia.
ITALIA
12 ore
Esce per fare la spesa 11 volte in un giorno: multata
Gli avanti e indietro di un'anziana signora dal supermercato hanno attirato l'attenzione della polizia.
REGNO UNITO
12 ore
Johnson ancora in cure intense, riceve un aiuto per respirare
I «pensieri e le preghiere» del governo sono indirizzati a lui, ha dichiarato Michael Gove
STATI UNITI
13 ore
Il settore dei motori, tra difficoltà e speranze
Sono settimane complicate anche per i marchi storici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile