ARCHIVIO KEYSTONE
CINA
18.02.20 - 09:350

I turisti cinesi spendevano 277 miliardi di dollari: e ora?

Dagli alberghi ai negozi di lusso: il calo delle presenze e del giro d'affari legati al coronavirus sta già colpendo determinati settori

PECHINO - Gli effetti globali dell'epidemia di coronavirus si stanno cominciando a vedere in uno dei settori dove la Cina ha assunto un ruolo cruciale negli ultimi due decenni: il turismo.

Secondo l'Organizzazione mondiale del turismo che fa capo all'Onu, nel 2000 i turisti cinesi avevano speso globalmente 10 miliardi di dollari. Nel 2018 il dato si è impennato fino a raggiungere i 277 miliardi di dollari. A dimostrazione di come la loro presenza sia cruciale in moltissime realtà e di come le restrizioni di viaggio a causa del diffondersi della malattia giocheranno un ruolo determinante.

Calano i cinesi, calano gli affari - Il New York Times, nel suo reportage a firma Norimitsu Onishi, parte con l'esempio di Parigi. Davanti al negozio Louis Vuitton ci sono solo 10 persone asiatiche in coda, mentre prima della crisi sanitaria erano molte, molte di più. Il settore del lusso è tra i più colpiti: la crisi è ben visibile dalle cantine della Borgogna ai castelli tedeschi, dagli outlet britannici ai monumenti italiani. Sono circa 800mila i turisti cinesi che visitano la capitale francese, spiega l'Ufficio del turismo. Rispetto a quelli di altre nazioni, tendono a muoversi in gruppo e a frequentare solitamente gli stessi luoghi. Alcune catene di alberghi, negozi e duty-free stanno già percependo un calo importante delle presenze. E non ci sono turisti di altre nazionalità a prendere il loro posto.

Dal 27 gennaio Pechino ha messo al bando i viaggi organizzati e i tour operator ne hanno subito risentito. «È un terremoto, una situazione di emergenza» ha spiegato al quotidiano Usa un portavoce del ministero della Cultura e del Turismo italiano. Considerando poi che meno di una settimana prima Roma e Pechino avevano inaugurato un programma di scambi culturali e turistici che avrebbe portato alla creazione di svariati eventi e iniziative. I voli diretti tra Italia e Cina sarebbero dovuti salire da 56 a 108, ma solo dieci giorni dopo sono stati completamente bloccati.

Male anche le fiere - Molto colpito è anche il turismo fieristico: l'annullamento del Mobile World Congress è un durissimo colpo per Barcellona. La sindaca della città catalana Ada Colau ha dichiarato che si attendevano oltre 100mila visitatori e un flusso di denaro quantificabile in 500 milioni di euro. Per l'occasione sarebbero stati creati 14mila posti di lavoro temporanei e gli alberghi avrebbero rimediato alla scarsa occupazione in un periodo di bassa stagione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas 1 mese fa su tio
Commento di mezzo ancora cancellato, si puo' sapere perché?
volabas 1 mese fa su tio
Grazie redazione
volabas 1 mese fa su tio
Il mio commento al riguardo ( per niente offensivo, ma solamente oggettivo) è stato per caso valutato da un collaboratore cinese di tio?
klich69 1 mese fa su tio
In mascherine anche colorate.....
Luca Gilardi 1 mese fa su fb
E ora li spendono in medicine.
Violet Barrow 1 mese fa su fb
e ora cantate che vi passa
Luca Civelli 1 mese fa su fb
Una buona notizia per le immissioni di CO2.
Gio 1 mese fa su tio
Questa è tutta una montatura per "bloccare" il nuovo mondo. E ci sono riusciti !!!! Foxtown deserto, business piatto. Questo è il risultato di un raffreddore politico creato ad arte. Speriamo ricomincino a venire da noi i cinesi !!!!
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Gio Già, sinceramente non penso che andrei nel panico in caso di più contagi in Svizzera del virus. Alla fine pare banale quanto un'influenza comune. Alla fine sotto le porte di casa qualche anno fa c'era l'ebola, mi pare che siamo ancora vivi no?
Zico 1 mese fa su tio
@Gio foxtown deserto: aria più pulita. quanto paga il foxtown di tasse annualmente per poter inquinare a dismisura? quanto è costata la fermata in via Vignalunga fatta solo per il foxtown?
Gio 1 mese fa su tio
@Mattiatr Ebola, mucca pazza, ora la corona..... c'è sempre qualcosa che bolle in pentola, eppure siamo sempre qui..... Quello che mi da fastidio è questo accanimento contro chi comunque ci crea benessere: non soltanto con il turismo e gli scambi commerciali, ma anche con le vendite online. Pazienza. Ora c'è anche l'EUR basso e via, tanto per continuare a soffrire.....ma ci siamo, siamo vivi più che mai, andiamo avanti a rimboccarci le maniche, lavorare e non piangerci sopra come fatto tanti !!!!
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Gio Oramai, ricordo solo che l'Ebola era molto più grave, solo che lì ci scherzavamo sopra, ora con un'influenza sembra stia succedendo l'apocalisse. Che i media si siano esaltati pur di parlarne?
Summerer 1 mese fa su tio
... che si ritorni a produrre in Europa! La globalizzazione sta distruccendo il nostro livello sociale.
anndo76 1 mese fa su tio
@Summerer concetto piu' che giusto, ma l'avidita' del profitto non lo fa' attuare..purtroppo
Elena Luce 1 mese fa su fb
Beh certo... prima sempre i soldi... coronavirus è mortale e creato dai maltrattamenti di animali e il non rispetto della natura..........
Stefano Malagodi 1 mese fa su fb
Un po di Pazienza.
Rolf Banz 1 mese fa su fb
aspettiamo che sia risolto il problema Cinese del Corona-Virus, poi dopo un accurato controllo, possiamo accettare il loro ritorno, ma con molto cautela
Eduu Talaj 1 mese fa su fb
E ora stan morendo
Daniel Mandelli 1 mese fa su fb
Poi si dice che il comunismo ha fallito. Pare che tra un po’ sti comunisti son messi meglio di noi, paradosso.
negang 1 mese fa su tio
Chiediamogli di spedirceli per posta comunque. Noi gli manderemo i video delle zone che vorrebbero visitare !!
Alessandro Raineri 1 mese fa su fb
Tutti i ristoranti, negozi in genere e centri massaggi gestiti dai cinesi sono in ginocchio, è tempo di crisi e se gli esercizi commerciali che avevano come clienti i cinesi vogliono fatturare, meno ma fatturare, che applichino sconti sostanziosi, la crisi è crisi per tutti e non solo per i lavoratori dipendenti
Simona Vomeri 1 mese fa su fb
A ora si aspetta...tanto si è guadagnato moooolto prima, e quando tutto si sistemerà, torneranno a spendere. Punto.
Giancarlo Baffa 1 mese fa su fb
Simona Vomeri si aspetta? 🤣 Massì, tanto siamo in pieno boom economico
Afeni Liotta 1 mese fa su fb
Beh fate gli sconti compriamo anche noi
Mario Guglielmoni 1 mese fa su fb
Mo ciuccia.
Mareva Salmina 1 mese fa su fb
Mi chiedevo proprio se nella nostra piccola realtà, posti come il Foxtown, dove sostano un sacco di bus di turisti cinesi in viaggio per l’Europa, ne risentono ...
Led Swan 1 mese fa su fb
Sarà un caso ma domenica scorsa ho trovato posteggio in 5 minuti e i negozi mi sembravano meno frequentati del solito😄
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BRUXELLES
49 sec
Covid-19, il capo della ricerca Ue sbatte la porta
Mauro Ferrari, presidente del Consiglio europeo della ricerca, ha dato le dimissioni per divergenze interne
STATI UNITI
37 min
Negli Usa un nuovo, brutto record
Mille decessi in poche ore. In gran parte a New York. E non è tutto
AFRICA
6 ore
Difendere i diritti umani, a rischio della vita
Le notizie positive che arrivano da Etiopia e Sudan sono purtroppo delle eccezioni
MONDO
10 ore
La pandemia fa piangere anche i “Paperoni” ma il più ricco è sempre Bezos
I super ricchi hanno perso circa 700 miliardi in un anno (e alcuni non lo sono più) ma il boss di Amazon è sempre il re
STATI UNITI
11 ore
Le sensazionali immagini spaziali in infrarossi
La luce infrarossa è in grado di penetrare attraverso le polveri e i gas spaziali, e il risultato è sbalorditivo
HONG KONG
14 ore
Il coronavirus resiste di più sulla plastica, e di meno sulla carta
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rimane scettica a riguardo
NUOVA ZELANDA
16 ore
Anche il coniglietto di Pasqua tra i lavoratori indispensabili
Lo ha annunciato la premier Jacinda Ardern, per la gioia di tutti i bambini.
STATI UNITI
18 ore
Ansia e tensione in polizia: oltre ai crimini ci sono ora i contagi
Il coronavirus ha messo alle strette i dipartimenti di polizia americani, che non possono permettersi contagi di massa
ITALIA
20 ore
Immune al coronavirus? È pronto il test
Sarà accessibile a tutti: costa solo cinque euro e i risultati sono disponibili in un'ora
STATI UNITI
21 ore
Facebook fornirà mappe per tracciare il contagio
Saranno a disposizione dei ricercatori per analizzare l'evoluzione dell'epidemia.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile