Keystone
Per il governo britannico si tratta di «discussioni preliminari» (nella foto: il premier Boris Johnson con un caschetto dell'HS2)
REGNO UNITO / CINA
16.02.20 - 12:000
Aggiornamento : 12:45

La Cina punta a costruire l'alta velocità inglese

Promessi a Londra costi e tempi ridottissimi. I critici: «Abbiamo ripreso il controllo da Bruxelles per darlo a Pechino?»

LONDRA / PECHINO - Dopo aver costruito ferrovie in Etiopia, Nigeria, Pakistan e Turchia, la Cina potrebbe mettere le mani sull’alta velocità nel Regno Unito, il Paese che la ferrovia l’ha praticamente inventata. Pechino ha infatti proposto a Londra di costruire la sua linea veloce tra Londra, Birmingham, Manchester e Leeds in soli cinque anni e a un prezzo molto inferiore rispetto a quanto previsto.

In una lettera citata dalla rivista “Building”, la compagnia statale cinese di costruzioni ferroviarie CRCC ha promesso al governo britannico un risparmio di «decine di miliardi» di sterline sulla fattura del progetto HS2, che è ormai esplosa a 106 miliardi di sterline (ca. 136 miliardi di franchi) a fronte di un budget iniziale di 56 miliardi (Fr 72 mld). La promessa di Pechino è inoltre di completare l’intera opera in soli cinque anni contro l’attuale orizzonte temporale di 20 (che il premier britannico Boris Johnson vorrebbe portare a 15). I convogli della linea ad alta velocità cinese, infine, potrebbe raggiungere i 420 km/h contro i 340 km/h previsti al momento. 

Come riporta la BBC, funzionari del governo di Sua Maestà hanno precisato che quelle intercorse con la CRCC sono solo «discussioni preliminari» e che non esistono «impegni concreti» tra Londra e la compagnia statale di Pechino. Il segretario di Stato britannico ai Trasporti, Grant Shapps, ha dal canto suo escluso un coinvolgimento con Pechino: «All'interno del Dipartimento non se ne è discusso», ha dichiarato.  

Tom Tugendhat, presidente della commissione affari esteri della Camera dei Comuni britannica, giudica un’eventuale collaborazione con i cinesi come «estremamente discutibile»: «Abbiamo deciso di riprendere il controllo da Bruxelles per consegnarlo a Pechino?», si è chiesto su BBC Radio 4 facendo riferimento alla Brexit. A preoccuparlo sono in particolare le criticità che una simile scelta presenta in termini di sicurezza nazionale (nemmeno la rete mobile 5G data a Huawei lo vedeva d’accordo) e il rispetto della legalità: «In Cina i progetti vengono completati rapidamente perché non si curano di questioni minori come il consenso alla pianificazione o i diritti dei lavoratori», ha denunciato.

Secondo quanto calcolato dal rapporto “China’s Involvement in Global Infrastructure” (“Il coinvolgimento cinese nell’infrastruttura globale”), gli appaltatori cinesi sono impegnati in tutto il mondo in progetti infrastrutturali per 1,1 mila miliardi di dollari. Solo con il suo piano ufficiale di “Nuova via della seta”, Pechino è attiva in 132 Paesi, dove dal 2013 a oggi ha concesso prestiti per 600 miliardi di dollari (poco meno del PIL della Svizzera). Nello stesso periodo, i crediti erogati da Banca Mondiale, Banca asiatica di sviluppo, Banca africana di sviluppo e Banca di sviluppo interamericano si sono fermati a 490 miliardi di dollari.

L'obiettivo della Cina è creare nuove vie di smercio per la sua produzione industriale e assicurarsi dei canali di sfogo per le sue eccedenti capacità costruttive, oltre ovviamente diventare il più grande creditore mondiale. Concentrata in particolar modo nel Sud Est asiatico e in Africa, l’offensiva infrastrutturale cinese sta crescendo in America Latina e non risparmia nemmeno l’Europa, specialmente dell’Est. Nel Vecchio Continente gli appaltatori cinesi sono impegnati in progetti per 71,1 miliardi di dollari.   

L’HS2 (High Speed 2, “Alta Velocità 2”) è una linea ad alta velocità della lunghezza complessiva di oltre 500 km che, con un tracciato a forma di “Y”, collegherà Londra a Birmingham e, da lì, a Manchester e Leeds. Il viaggio dalla capitale britannica a Birmingham, la seconda città del Paese, si ridurrà da un'ora e 21 minuti a 52 minuti.

Una prima parte del tracciato è già in costruzione mentre altre sono ancora in fase di progettazione. Si tratta del secondo grande progetto di alta velocità nel Regno Unito dopo l’HS1, una linea di 109 km che conduce dalla capitale britannica al tunnel della Manica. Il premier Boris Johnson ha confermato la costruzione dell’HS2 proprio questa settimana, tra le polemiche per l’esplosione dei costi e le difficoltà di comunicazione tra progettisti e comunità locali interessate dal progetto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Mai fidarsi dei cinesi!
miba 1 mese fa su tio
@seo56 Commento molto intelligente, ovviamente senza precisarne i motivi....
Bayron 1 mese fa su tio
@seo56 Condivido!
Thor61 1 mese fa su tio
@miba Lo dice lo stesso articolo quali siano i motivi!!! «In Cina i progetti vengono completati rapidamente perché non si curano di questioni minori come il consenso alla pianificazione o i diritti dei lavoratori» Senza contare che poi avrebbero strutture fatte come TUTTO quello che la cina costruisce, poco affidabile!!!
Bayron 1 mese fa su tio
@miba Perché non sono affari tuoi!
seo56 1 mese fa su tio
@miba Perché devo spiegare i miei motivi a te?
miba 1 mese fa su tio
@seo56 Sicuramente non a me ma le battute da bettola in un blog sono un po' fuori posto. Tu cosa ne pensi?
miba 1 mese fa su tio
@Bayron ...e non poteva mancare il guru della giornata... :):):)
Bayron 1 mese fa su tio
@Thor61 Esattamente ma per “miba” é troppo complicato..
anndo76 1 mese fa su tio
@Thor61 be' se cosi fosse il 90 % delle tecnologie che usi quotidianamente ( componenti e prodotti finiti, a dipendenza del marchio ) vengono prodotti in Cina. Da Apple in poi. Oltre a cio' quasi tutte le produzioni industriali di ogni genere sono fatte li....
Thor61 1 mese fa su tio
@anndo76 E INFATTI durano praticamente NULLA e sono quasi tutti baggati. Senza contare la pericolosità dei prodotti che LORO usano e che da noi sono VIETATI (Molto spesso mandano dal medico chi li usa), poi possiamo parlare dei ritmi lavorativi, se vuoi possiamo importare anche quelli 24/24 7/7, tanto costano meno!!!! Anche io compro come tutti, ma almeno non mi illudo che quello che ho comprato sia il "Top" so che è una chiavica e durerà quello che durerà. Dovrebbe essere la politica a rimettere le cose a posto, ma da quella parte sono tutti "Sordi" altri direbbero corrotti, per cui.....
Thor61 1 mese fa su tio
@anndo76 Dimenticavo di dire che il 100% della "Loro" tecnologia l'hanno RUBATA alle altre nazioni in modo spudorato su TUTTI i settori e in barba a tutte le leggi commerciali vigenti, motivo per cui Trump li boicotta GIUSTAMENTE, rimettere i dazi e poi vediamo se sono ancora bravi a fare qualcosa di loro, a parte esportare (Grazie all'imperatore che ha taciuto pur sapendo) il coronavirus!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA-GIAPPONE
24 min
Nissan vuole "congelare" 10mila dipendenti
Sospendere i posti di lavoro in Europa e Stati Uniti. La mossa del colosso franco-giapponese
BRUXELLES
31 min
Covid-19, il capo della ricerca Ue sbatte la porta
Mauro Ferrari, presidente del Consiglio europeo della ricerca, ha dato le dimissioni per divergenze interne
STATI UNITI
1 ora
Negli Usa un nuovo, brutto record
Oltre mille decessi in poche ore. E Trump minaccia di tagliare i fondi all'OMS
AFRICA
7 ore
Difendere i diritti umani, a rischio della vita
Le notizie positive che arrivano da Etiopia e Sudan sono purtroppo delle eccezioni
MONDO
11 ore
La pandemia fa piangere anche i “Paperoni” ma il più ricco è sempre Bezos
I super ricchi hanno perso circa 700 miliardi in un anno (e alcuni non lo sono più) ma il boss di Amazon è sempre il re
STATI UNITI
12 ore
Le sensazionali immagini spaziali in infrarossi
La luce infrarossa è in grado di penetrare attraverso le polveri e i gas spaziali, e il risultato è sbalorditivo
HONG KONG
14 ore
Il coronavirus resiste di più sulla plastica, e di meno sulla carta
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rimane scettica a riguardo
NUOVA ZELANDA
16 ore
Anche il coniglietto di Pasqua tra i lavoratori indispensabili
Lo ha annunciato la premier Jacinda Ardern, per la gioia di tutti i bambini.
STATI UNITI
19 ore
Ansia e tensione in polizia: oltre ai crimini ci sono ora i contagi
Il coronavirus ha messo alle strette i dipartimenti di polizia americani, che non possono permettersi contagi di massa
ITALIA
21 ore
Immune al coronavirus? È pronto il test
Sarà accessibile a tutti: costa solo cinque euro e i risultati sono disponibili in un'ora
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile