Keystone
ITALIA
14.12.19 - 17:470
Aggiornamento : 19:06

Part time: in 10 anni un milione in più, ma spesso è involontario

Il 64,1% delle persone coinvolte vorrebbe lavorare a tempo pieno

di Redazione
ats ans

ROMA - Il lavoro cresce in Italia ma aumenta soprattutto quello a tempo parziale: tra il 2008 e il 2018 - secondo un'analisi sugli ultimi dati dell'ufficio di statistica Istat - gli occupati part time sono aumentati di un milione di unità passando da 3,3 a 4,3 milioni, mentre il numero complessivo dei lavoratori ha di poco superato i livelli pre crisi.

In pratica se nel 2008 gli occupati a tempo parziale erano 3,3 su 23,1 milioni (il 14,3%) nel 2018 sono diventati 4,3 milioni pari al 18,5% del totale. Cresce in modo consistente il part time involontario, con il 64,1% delle persone che vorrebbe lavorare a tempo pieno.

Nel terzo trimestre del 2019 la percentuale di occupati in misura ridotta sul totale dei lavoratori è aumentata ancora toccando il 18,77% dei 23,48 milioni di occupati. La percentuale dei part time involontari nel terzo trimestre di quest'anno è scesa lievemente al 64%, dopo aver raggiunto nel secondo trimestre il 64,8%. Nel 2008, prima della crisi economica la percentuale dei lavoratori che dichiarava di essere in quella condizione involontariamente era al 40,2%.

La condizione di lavoro part time "obbligato" riguarda soprattutto il lavoro dipendente e le regioni del Sud Italia. Nel Sud il tasso di part time involontario è passato dal 60,7% del 2008 al 79,6% nel 2018 (79% nel terzo trimestre 2019) con in pratica quattro occupati a tempo parziale su cinque che vorrebbe lavorare a tempo pieno. Nel Nord è passato dal 30% del 2008 al 55,5% del 2018 (55,8% nel terzo trimestre 2019).

Su 4,3 milioni di lavoratori a tempo parziale nel 2018 i dipendenti erano 3,57 milioni, oltre un milione in più rispetto a dieci anni prima, mentre gli indipendenti sono passati tra il 2008 e il 2018 da 731'000 a 768'000.

Nella media del 2018 i dipendenti part time erano il 19,94% dei lavoratori subordinati mentre nella media 2008 erano solo il 14,79%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
4 min
La procura indaga Trump per frode bancaria
È quanto scrive il New York Times: il presidente è stato sollecitato a consegnare alcune dichiarazioni fiscali
FOTO E VIDEO
ITALIA
1 ora
Un arcobaleno, poi il tricolore salutano il nuovo ponte
A due anni dalla tragedia del Ponte Morandi è stato inaugurato il nuovo viadotto Genova San Giorgio.
REGNO UNITO
2 ore
Pensavano fosse stato assassinato, risalta fuori 5 anni dopo
La surreale storia di Ricardas Puisys, nascosto nel bosco per scappare alla criminalità organizzata: «Ora è al sicuro»
ITALIA
2 ore
Coronavirus: 1,48 milioni d'italiani hanno gli anticorpi
Sono sei volte più rispetto al totale dei casi intercettati, come emerge dallo studio sulla sieroprevalenza
FILIPPINE
4 ore
Duterte, pugno di ferro anche contro il virus
Manila e le province circostanti saranno nuovamente in quarantena da domani e per due settimane
GERMANIA
6 ore
«Lui non collaborerà mai con la polizia»
Le parole del legale di Christian Brueckner, l'uomo attorno a cui si concentrano le indagini sul caso di Maddie McCann
ITALIA
6 ore
MSC Crociere, si salpa ma con un tampone Covid-19 per tutti
Misure eccezionalmente severe per passeggeri ed equipaggio: «Vogliamo offrire una vacanza sana e sicura»
MONDO
7 ore
Vendite di tablet in aumento (grazie al lockdown)
I dispositivi sono diventati indispensabili non solo per intrattenimento, ma anche per lavoro e didattica a distanza
ITALIA
9 ore
Poche ore all'inaugurazione: «Non vediamo l’ora che questa giornata sia finita»
I parenti delle vittime vivono con insofferenza la cerimonia: «Da mesi sentiamo parlare di "miracolo", siamo stanchi».
STATI UNITI
11 ore
Le infezioni sono «straordinariamente diffuse»
«Se avete scelto di andare in vacanza in una "zona calda", dovreste seriamente tornare indietro» dicono gli esperti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile