Keystone
ITALIA
14.12.19 - 17:470
Aggiornamento : 19:06

Part time: in 10 anni un milione in più, ma spesso è involontario

Il 64,1% delle persone coinvolte vorrebbe lavorare a tempo pieno

di Redazione
ats ans

ROMA - Il lavoro cresce in Italia ma aumenta soprattutto quello a tempo parziale: tra il 2008 e il 2018 - secondo un'analisi sugli ultimi dati dell'ufficio di statistica Istat - gli occupati part time sono aumentati di un milione di unità passando da 3,3 a 4,3 milioni, mentre il numero complessivo dei lavoratori ha di poco superato i livelli pre crisi.

In pratica se nel 2008 gli occupati a tempo parziale erano 3,3 su 23,1 milioni (il 14,3%) nel 2018 sono diventati 4,3 milioni pari al 18,5% del totale. Cresce in modo consistente il part time involontario, con il 64,1% delle persone che vorrebbe lavorare a tempo pieno.

Nel terzo trimestre del 2019 la percentuale di occupati in misura ridotta sul totale dei lavoratori è aumentata ancora toccando il 18,77% dei 23,48 milioni di occupati. La percentuale dei part time involontari nel terzo trimestre di quest'anno è scesa lievemente al 64%, dopo aver raggiunto nel secondo trimestre il 64,8%. Nel 2008, prima della crisi economica la percentuale dei lavoratori che dichiarava di essere in quella condizione involontariamente era al 40,2%.

La condizione di lavoro part time "obbligato" riguarda soprattutto il lavoro dipendente e le regioni del Sud Italia. Nel Sud il tasso di part time involontario è passato dal 60,7% del 2008 al 79,6% nel 2018 (79% nel terzo trimestre 2019) con in pratica quattro occupati a tempo parziale su cinque che vorrebbe lavorare a tempo pieno. Nel Nord è passato dal 30% del 2008 al 55,5% del 2018 (55,8% nel terzo trimestre 2019).

Su 4,3 milioni di lavoratori a tempo parziale nel 2018 i dipendenti erano 3,57 milioni, oltre un milione in più rispetto a dieci anni prima, mentre gli indipendenti sono passati tra il 2008 e il 2018 da 731'000 a 768'000.

Nella media del 2018 i dipendenti part time erano il 19,94% dei lavoratori subordinati mentre nella media 2008 erano solo il 14,79%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
NUOVA ZELANDA
37 sec
Confermata la morte dei due dispersi a White Island
Il bilancio delle vittime dell'esplosione del vulcano Whakaari sale così a 20
AUSTRALIA
2 ore
Precipita aereo antincendio, tre morti
Le vittime sono cittadini statunitensi impegnati nelle operazioni di spegnimento dei roghi nel Nuovo Galles del Sud
CANADA
2 ore
Multa di 196,5 milioni di dollari a Volkswagen
Un tribunale di Toronto si è espresso contro il colosso automobilistico tedesco sul caso Dieselgate
AUSTRALIA
4 ore
Australiani senza pace. Prima gli incendi, poi la pioggia, ora i ragni
La situazione meteo degli ultimi giorni ha creato le condizioni ideali per il proliferare dei ragni dei cunicoli, fra i più velenosi al mondo. Gli esperti invitano alla prudenza
CINA
12 ore
Da Wuhan non si parte più
Bloccati treni e aerei per contrastare la diffusione dell'epidemia di coronavirus
REGNO UNITO
13 ore
Brexit: sì finale del Parlamento all'accordo
È così stata aperta definitivamente la via all'uscita del paese dall'Unione europea
STATI UNITI
14 ore
Tesla supera Volkswagen: ora vale più di cento miliardi di dollari
La casa automobilistica di Elon Musk è seconda al mondo per valore, dopo Toyota
ITALIA
16 ore
Di Maio si dimette dalla guida dell'M5S: «Ho portato a termine il mio compito»
In un discorso a Roma, il capo politico del movimento ha confermato la sua scelta di fare un passo indietro
STATI UNITI
17 ore
In Florida le iguane cadono dagli alberi
Colpa del freddo: non è la prima volta e le autorità consigliano alla popolazione cosa fare
ITALIA
18 ore
Venezia e l'acqua alta: Mose in funzione a partire dal 30 giugno
A ipotizzarlo sono i commissari del Consorzio Venezia Nuova. Le paratoie potrebbero scattare con maree superiori ai 140 cm, come quelle che hanno allagato la città in novembre
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile