Keystone (archivio)
Bill Gates, un uomo da 110 miliardi di dollari.
STATI UNITI
16.11.19 - 18:140

Bill Gates si riprende lo scettro, è lui il più ricco del mondo

Per l'indice Bloomberg il fondatore di Microsoft vale 110 miliardi di dollari. Superato Jeff Bezos. Terzo sul podio Bernard Arnault, patron di LVMH

di Redazione
ats/ansa

NEW YORK - Bill Gates batte Jeff Bezos e si riprende il titolo di paperone mondiale. Il fondatore di Microsoft, secondo l'indice dei miliardari di Bloomberg, vale 110 miliardi di dollari (109,5 miliardi di franchi) contro i 108,7 miliardi di Bezos. Al terzo posto Bernard Arnault, patron di LVMH, con 102,7 miliardi.

La sfida al titolo di uomo più ricco del mondo fra Bezos e Gates riflette lo "scontro" fra Amazon e Microsoft per il maxicontratto da 10 miliardi di dollari del Pentagono. Il ministero della difesa statunitense ha assegnato a sorpresa la maxicommessa a Microsoft, in quello che è stato un vero e proprio schiaffo alla società di Bezos. Ma il colosso delle vendite on line non intende subire passivamente e annuncia un appello contro una decisione "influenzata dalla politica".

Amazon sembrava infatti la vincitrice naturale del maxicontratto fino a quando il presidente degli Usa Donald Trump ha buttato l'occhio sul processo di assegnazione, denunciando le lamentele di alcune società. Da quel momento è apparso subito chiaro che per Amazon una vittoria non sarebbe poi stata scontata. E così è stato: il contratto è andato a Microsoft e Amazon è rimasta con un pugno di mosche in mano.

In molti hanno visto nella scelta del pentagono lo zampino del presidente, la cui antipatia per Bezos e l'"Amazon Washington Post" è nota. La perdita del contratto, così come una trimestrale che non ha convinto mostrando un balzo dei costi per far fronte all'esigenza di consegne in 24 ore, ha pesato sui titoli Amazon a Wall Street, impoverendo di fatto un Bezos già più povero a causa di un divorzio multimiliardario da MacKenzie Bezos, ora la quarta donna più ricca al mondo.

La classifica dei miliardari conferma l'ascesa di Arnault, il patron di LVMH, il colosso del lusso che vale 200 miliardi di euro (circa 220 miliardi di franchi) e che punta a Tiffany, le gioiellerie preferite da Audrey Hepburn. Mettendo le mani su Tiffany Arnault si rafforzerebbe negli Stati Uniti e riuscirebbe a diversificare ulteriormente il suo impero aumentando l'esposizione ai gioielli, uno dei settori a più forte crescita sul mercato del lusso. Con i suoi 300 punti vendita a livello globale, Tiffany è uno dei maggiori gioiellieri al mondo insieme a Cartier e Bulgari, che fa parte dell'impero di Arnault.

Commenti
 
Arminda Armi 2 sett fa su fb
Niente di nuovo, danee fa danee ; piocc fan piocc. Poi ognuno è libero di distribuire quello che crede. Di solito chi ha poco, distribuisce, consigli, Ma c è anche chi prega per i poveri, chiede che vengano aiutati, ma .....non vorrebbe pagare le tasse come tutti, e ha la piazza piu grande del mondo, con un enerme cupola come sfondo. Con il dovuto rispetto, per tutti.
Heidi Bisi 2 sett fa su fb
Forte Bill sei grande 👍
Salvatore Nieddu 2 sett fa su fb
Beh, dopo che metà Amazon è bruciata...
Paolo Mac 2 sett fa su fb
Ciao zio Bill......ti ricordi di me?😂😂😂
Liridon Rashiti 2 sett fa su fb
Bujar Veseli
SosPettOso 2 sett fa su tio
Personaggio viscido e rivoltante. Per non pagare tasse (la famosa ridistribuzione nominata nei commenti precedenti) ha messo in piedi la fondazione "Melissa e Billa Gates" che tra le altre cose cura i bambini accecati da GlenCore a Mopani, in Zambia ... peccato che la fondazione "Melissa e Bill Gates" sia anche uno dei più grandi azionisti di Glencore! Come curare i diabetici investendo i fondi in McDonalds...
Andrea Sousa De Brito 2 sett fa su fb
Mitico!!!👍👍👍
Nesh online 2 sett fa su fb
🙈
Cem Sivas 2 sett fa su fb
È ora che questa ricchezza sia ridistribuita... non è possibile che l'1% ha il 99% della ricchezza mondiale!
Gianluca Anni 2 sett fa su fb
Cem Sivas perché? Se sono suoi sono suoi, distribuire cosa?
Cem Sivas 2 sett fa su fb
Gianluca Anni Suoi si, ma a profitto di chi? Lei trova giusto un tale squilibrio?
Loris Cesardi 2 sett fa su fb
La distribuiscono pagando le tasse
Cem Sivas 2 sett fa su fb
Loris Cesardi Ciò che è ridistribuito resta comunque un pugno di mosche...
Alberto Giana 2 sett fa su fb
Di tasse ne pagano ben poche e si prendono i nostri dati personali senza pagarli
Gianluca Anni 2 sett fa su fb
Cem Sivas Microsoft vende in tutto il mondo i suoi software o meglio vende la possibilità del loro utilizzo, la questione dati personali è a parte, questi li vendono tutti, ogni volta che si visita un sito e si accettano le regole i nostri dati vengono ceduti a terzi che si voglia o no, Bill Gates è a capo di un industria che vende il 90% dei sistemi operativi al mondo, mantiene quasi 120.000 famiglie direttamente, indotto a parte,non li ruba, li vende, quindi i soldi sono suoi, ogni persona che ha i soldi, pochi o tanti che siano, se guadagnati e non rubati ne può disporre come meglio crede, senza essere obbligato a cederli o a dividerli con terze persone, quindi mi dica per quale strano motivo dovrebbe essere obbligato a fare beneficenza o a regalarli in altro modo se non vuole, non esiste, sono suoi e ne dispone come vuole, non stiamo parlando di gente che tiene sotto scacco un paese intero nella fame quando potrebbe farlo vivere degnamente avendo la ricchezza in casa, esempio il Venezuela, che muore di fame pur essendo il SESTO (!!!!!!!) produttore mondiale di petrolio con un “presidente” che non fa nulla per migliorare la situazione. Qui le do ragione riguardo alla distribuzione delle ricchezze, anche se ci sarebbe da aprire un capitolo lungo e articolato a proposito di questo paese nello specifico.
Luca Gilardi 2 sett fa su fb
Gianluca Anni è comunque un dato di fatto che l'1% detiene il 99%, e questo dato è in continua crescita nel senso che i poveri aumentano e i ricchi diminuiscono ma concentrano a se sempre piu ricchezza. Quindi qualcosa non sta funzionando.
Cem Sivas 2 sett fa su fb
Gianluca Anni guardi, giuridicamente il suo discorso non fa una pecca. Ma il discorso qui non è strettamente giuridico, ma pure politico e filosofico. Io non lo trovo giusto che abbia una tale ricchezza. Ripeto le proporzioni: lui fa parte dell’1% che detiene il 99%. E può dirmi quello che vuole, ma non è giustificabile. Non è giusto in termini di giustizia sociale. E non capisco perché lei, e molti altri, lo giustifichino. Mi scuso se mi permetto, ma non penso che lei e la maggior parte delle persone facciate parte di questa élite. Lei dice “può farlo perché non ha rubato”. Certo, in termini giuridici non ha rubato. In termini economici et filosofici… se si è arricchito così tanto è perché la ridistribuzione del profitto è stato inequitabile. Ciò accade perché il datore di lavoro si appropria di quasi tutto il sopravalore prodotto. Nel suo caso, ci sono anche molte altre ragioni: in primis, la proprietà dei brevetti; secundis, la sua attività finanziaria. Quanto al Venezuela, la invito a informarsi senza pregiudizi. Le concedo il fatto che il paese è povero. Ma il problema è principalmente nei blocchi economici che sono imposti dall’occidente. In ogni caso, laggiù lo Stato garantisce a tutti educazione e assistenza medica gratuita, oltre che una casa a tutti. Qui no. Cordialmente.
Ivano Bettinsoli 2 sett fa su fb
Chapeau
Ivano Bettinsoli 2 sett fa su fb
Chapeau
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
21 min
Ad Alitalia arriva il super-commissario esperto in fallimenti
Giuseppe Leogrande ha ricoperto lo stesso ruolo già in diverse aziende. In partenza Enrico Laghi, Stefano Paleari e Daniele Discepolo
FOTO
GERMANIA / POLONIA
1 ora
Merkel ad Auschwitz: «Non bisogna mai dimenticare»
La cancelliera tedesca ha visitato per la prima volta il campo di sterminio nazista: «Provo una vergogna profonda per i crimini barbari che sono stati commessi qui»
FOTO
SPAGNA
1 ora
«Un anno di scioperi, ma nulla è cambiato»
È una Greta Thunberg delusa ma non rassegnata quella che ha parlato da Madrid, dove è in corso la Conferenza sul Clima: «Non c'è una soluzione sostenibile»
REGNO UNITO
4 ore
Stupratore e pedofilo seriale, condannato "l'orco di Harrow"
Joseph McCann è stato riconosciuto colpevole di 37 episodi criminali
FOCUS
5 ore
La «sporca decina»: quei crimini contro l'ambiente
Alcuni dei più gravi incidenti che hanno ferito mortalmente Madre Natura e, quindi, la salute pubblica. Colpe e conseguenze dei più grandi disastri ambientali
SLOVACCHIA
5 ore
Esplosione in un condominio, i morti sono almeno cinque
È successo a Presov a causa di una fuga di gas. Alcuni inquilini sarebbero intrappolati sul tetto dell'edificio, che rischia di crollare
AUSTRALIA
6 ore
Il cielo di Sydney è "in fiamme": siccità, venti e incendi dolosi
Nella capitale del Nuovo Galles del Sud è emergenza, così come nei territori circostanti
REGNO UNITO
8 ore
Grenfell Tower, lascia la comandante dei pompieri di Londra
Il primo rapporto ha puntato il dito contro «la grave impreparazione» mostrata dai vigili del fuoco
FOTO
SPAGNA
11 ore
Greta è arrivata a Madrid
La giovane attivista parteciperà allo sciopero globale per il clima che partirà dalla stazione Atocha
REGNO UNITO
14 ore
Tutte quelle tasse che Amazon & Co. non pagano
I colossi dell'hi-tech sono cinture nere della “finanza creativa“. Ma l'Unione Europea e il Regno Unito vogliono che le cose cambino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile