keystone
STATI UNITI
12.10.19 - 08:360

Trump annuncia l'accordo con la Cina, è tregua sui dazi

Raggiunta un'intesa parziale, che rappresenta un grande passo in avanti e scongiura una nuova escalation sui dazi

WASHINGTON - Alla vigilia ci credevano in pochi, ma stavolta tra Stati Uniti e Cina al tavolo dei negoziati sul commercio c'è l'accordo.

Ad annunciarlo Donald Trump che parla di "fase uno": non ancora lo storico patto per risolvere tutte le annose questioni tra Washington e Pechino, ma un'intesa parziale che rappresenta un grande passo in avanti. Di sicuro quanto basta per scongiurare una nuova escalation sui dazi. A sancire la tregua il segretario al Tesoro americano Steve Mnuchin, che assicura come il 15 ottobre non scatteranno più le nuove sanzioni che avrebbero colpito prodotti made in China per un valore di 250 miliardi di dollari.

E le Borse mondiali brindano: quelle europee finiscono la giornata di contrattazioni di ieri in forte rialzo quando ancora da Washington non era arrivata la certezza dell'intesa. Mentre Wall Street chiude in volata subito dopo l'annuncio. «Siamo vicini a metter fine alla guerra commerciale», esulta Trump, spiegando che con la Cina si è già pronti a far partire la fase due.

Ma intanto il tycoon incassa un compromesso che va al di là delle aspettative, e che oltre all'impegno di Pechino ad acquistare prodotti agricoli ed alimentari americani per 40-50 miliardi di dollari prevede anche la soluzione di alcuni aspetti legati a due delle questioni più spinose: la protezione dei diritti di proprietà intellettuale e una revisione dei servizi finanziari.

Nelle prossime ore si conosceranno i dettagli. Il nuovo round di trattative a Washington era partito in un clima di forte diffidenza per i recenti scontri con Pechino su vari fronti, dal caso Nba a quello degli uiguri. Alla fine però avrebbe prevalso la necessità delle due parti di portare a casa un risultato, che serve tanto a Xi Jinping quanto a Donald Trump. Per quest'ultimo una vera e propria boccata di ossigeno nel momento più difficile e tempestoso della sua presidenza. Una bandiera da sventolare di fronte al suo elettorato come l'ennesima promessa mantenuta, anche se ancora a metà. Decisivo è stato alla fine dei colloqui il faccia a faccia alla Casa Bianca tra Trump e il vice premier cinese Liu He, che guidava la delegazione di Pechino con pieni poteri.

Dalla mini-intesa resterebbero fuori ancora molti nodi cruciali, tra cui quello che riguarda il trasferimento delle tecnologie, tutti punti sui quali le posizioni tra le due parti sono ancora molto distanti. Ma il compromesso di oggi permette di affrontare con slancio la fase due, senza l'incubo di nuovi dazi che negli ultimi mesi ha creato grande preoccupazione nella comunità internazionale, visti i timori per il rallentamento dell'economia globale e di una nuova recessione.

Pechino si impegnerebbe dunque ad acquistare dai produttori americani più derrate alimentari, dai semi di soia alla carne di maiale, passando per il grano. Da vedere se gli Usa - come da indiscrezioni degli ultimi giorni - accetteranno in cambio di garantire tra le altre cose un alleggerimento della posizione su Huawei, consentendo ad alcune aziende americane di fornire prodotti "non sensibili" al colosso cinese delle tlc, superando di fatto il divieto di vendita imposto nella primavera scorsa. Resta aperto infine il fronte europeo, con i dazi di Trump pronti a scattare il 18 ottobre.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
STATI UNITI
11 ore
Lanciata Crew Dragon, Gli Usa riportano gli uomini in orbita
La capsula sta portando verso la Stazione Spaziale i veterani della Nasa Doug Hurley e Bob Behnken
FOTOGALLERY
STATI UNITI
11 ore
Afroamericano morto, la protesta infiamma l'America
Oltre agli incendi e gli arresti ci sono anche due morti, un agente e un giovane di 19 anni
ITALIA
15 ore
In Lombardia calano i contagi ma aumentano i morti
I casi in più sono 221. I decessi invece 67
STATI UNITI
16 ore
SpaceX: lancio previsto stasera, nonostante il rischio di maltempo
Se ci fosse un nuovo rinvio, si potrà tentare nuovamente alle 21 di domani
STATI UNITI
16 ore
Minneapolis: la moglie dell'agente incriminato vuole il divorzio
È stato arrestato e ha perso il lavoro. Ora il poliziotto, accusato di omicidio, è stato anche lasciato dalla moglie
GIAPPONE
18 ore
Coronavirus: il Giappone teme per una seconda ondata
Lo stato d'emergenza è stato revocato solo pochi giorni fa.
REGNO UNITO / STATI UNITI
19 ore
G7 durante la pandemia: Boris Johnson ci sarà
Angela Merkel ha invece declinato l'invito di Trump a causa dell'attuale situazione legata al Covid-19.
STATI UNITI
22 ore
Stati Uniti in fiamme per la morte di George Floyd
È ancora in corso una notte di scontri in diverse città. Un 19enne ucciso a Denver.
MONDO
23 ore
America latina verso il milione di contagi
Quest'area del mondo si sta avvicinando al picco della pandemia. Molti i Paesi con più di 5mila casi.
STATI UNITI
1 gior
Afroamericano ucciso a Minneapolis: la rabbia arriva fino alla Casa Bianca
Scontri tra manifestanti e forze di sicurezza a Washington. Un 19enne ucciso a Detroit.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile