Keystone
STATI UNITI
22.07.19 - 18:080

«Huawei ha aiutato la Corea del Nord con la rete 3G»

Lo rivela il Washington Post. La violazione delle sanzioni a Pyongyang complicherebbe i rapporti tra Stati Uniti e Cina

WASHINGTON - Huawei ha aiutato la Corea del Nord a costruire e mantenere la sua rete wireless 3G: negli ultimi otto anni ha curato diversi progetti nel Paese guidato da Kim Jong-un insieme ad un'altra big cinese, Panda International.

L'indiscrezione del Washington Post piove come una doccia fredda su Huawei e su Donald Trump: le rivelazioni alimentano infatti i dubbi su possibili violazioni delle sanzioni americane a Pyongyang e rischiano di complicare la strada per un accordo commerciale fra Stati Uniti e Cina, impegnate in una guerra che vede al centro proprio il colosso delle telecomunicazioni.

Secondo documenti riservati forniti da un ex dipendente di Huawei al Washington Post, i rapporti fra il gigante cinese e la Corea del Nord affondano le radici nel 2006, con la creazione della società nordcoreana Koryolink, nata poco dopo la visita segreta di Kim Jong-il, il padre di Kim Jong-un, al quartier generale di Huawei a Shenzhen, in Cina.

Koryolink ha avviato ufficialmente le sue attività nel 2008 come joint venture fra l'egiziana Orascom e la Korea Post and Telecommunications Corp, controlla da Pyongyang. Una joint venture in cui la cinese Panda ha avuto un ruolo cruciale. Huawei ha usato Panda per fornire alla Corea del Nord antenne e apparecchiature per Koryolink, offrendo allo stesso tempo software e servizi di manutenzione della rete.

I rapporti di fiducia fra Huawei e Pyongyang si sono intensificati negli anni, tanto che il governo nordcoreano ha chiesto al colosso cinese di sviluppare un protocollo codificato e protetto così da allentare i timori di spionaggio nei confronti del regime. Nei documenti di Huawei visionati dal Washington Post non si fa riferimento diretto alla Corea del Nord, identificata invece con il nome in codice 'A9'.

Huawei, da parte sua, smentisce le rivelazioni: «Non abbiamo alcuna attività» in Corea del Nord e «siamo impegnati a rispettare tutte le leggi nei Paesi in cui operiamo, inclusi i limiti all'export e le sanzioni». Ma la smentita non sembra destinata ad avere grande effetto, soprattutto per le grandi aziende hi-tech americane che cercano di ottenere dalla Casa Bianca le licenze necessarie per superare i divieti imposti con l'iscrizione del gigante cinese nella lista nera del commercio.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bayron 1 anno fa su tio
Un motivo in più per sabotare Huawei!
Bayron 1 anno fa su tio
@Rhodium Un povero..... sarai tu. Io non insulto nessuno e anche se dissento, rispetto le idee degli altri.
Rhodium 1 anno fa su tio
@Bayron Povero nel senso che non hai senso critico se credi a tutte le fesserie made in USA.
Rhodium 1 anno fa su tio
Gli Yankee le provano tutte pur di mettere zizzania.
Bayron 1 anno fa su tio
@Rhodium Già come i russi...
miba 1 anno fa su tio
Questa mi puzza tanto di fake news........
Bayron 1 anno fa su tio
@miba Se lo dici tu... sarà così...
miba 1 anno fa su tio
@Bayron Ma dai, sii realista! Fino a pochissimo tempo fa la Corea del Nord aveva un sistema telefonico ed internet disastrati ed ora improvvisamente sarebbero stati sommersi dalla tecnologia Huawei??? Dai, facciamo i seri.....
Bayron 1 anno fa su tio
@miba Sarà...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 min
Giovani manifestanti anti-coprifuoco a Gallarate, la polizia indaga
Dopo i cori e gli insulti agli agenti, nella notte anche i vandalismi. Il sindaco: «Ragazzini con voglia di fare casino»
AUSTRALIA
2 ore
Melbourne esce dal lockdown "duro"
Oggi nello stato di Victoria non si sono registrati nuovi casi di Covid-19 per la prima volta dal 9 giugno
MONDO
2 ore
«La seconda ondata è più forte della prima»
Nuovo record di casi giornalieri in Russia: sono più di 17mila
FOTO
WASHINGTON
5 ore
Un hotel in cui tutte le donne vorrebbero andare
Entri e sei davanti a 20mila assorbenti. È il tempio dell'uguaglianza e dell'emancipazione, fatto e gestito da donne
STATI UNITI
13 ore
Che colpo per Trump: nuova tregua Armenia-Azerbaigian
I governi dei due Stati s'impegnano a rispettare un "cessate il fuoco" umanitario
STATI UNITI
14 ore
Il virus di nuovo alla Casa Bianca
Cinque membri dello staff del vicepresidente statunitense Mike Pence sono risultati positivi al tampone
ITALIA
17 ore
«La pressione sugli ospedali sta diventando insostenibile»
I Medici ospedalieri italiani lanciano l'allarme: «Il nuovo dpcm potrebbe non bastare».
ITALIA
21 ore
«Non è un coprifuoco»
Il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha presentato le nuove misure che saranno in vigore da domani
ITALIA
1 gior
Nuovo giro di vite in Italia: ristoranti chiusi dalle 18
Firmato questa mattina il nuovo decreto. Le misure saranno in vigore da domani fino al 24 novembre
STATI UNITI
1 gior
«Trump tratta la presidenza come un reality show»
Barack Obama non ha risparmiato accuse all'indirizzo del suo successore alla Casa Bianca.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile