keystone-sda.ch/STF (Jenny Kane)
STATI UNITI
18.07.19 - 15:530

«L'Fbi indaghi su FaceApp»

Dagli Usa vogliono fare chiarezza in merito alle procedure usate da Wireless Lab, una società russa basata a San Pietroburgo

WASHINGTON - Il leader democratico al Senato americano, Chuck Schumer, ha chiesto all'Fbi e alla commissione federale per il commercio (Ftc) di indagare su FaceApp, una applicazione sempre più virale disponibile su App Store e Google Play Store che consente di alterare le foto degli utenti per farli sembrare più giovani o più vecchi.

In una lettera postata su Twitter, Schumer ha definito "profondamente preoccupante" che i dati personali di cittadini Usa possano finire nella mani di una «potenza straniera ostile».

L'app è sviluppata da Wireless Lab, una società russa basata a San Pietroburgo. «Ho serie preoccupazioni sia sulla protezione dei dati che vengono aggregati sia sul fatto che gli utenti siano a conoscenza di chi possa avervi accesso», ha scritto Schumer.

La compagnia ha spiegato che, benché il team sia in Russia, i dati non sono trasferiti in Russia, e che non immagazzina permanentemente le immagini né fa raccolta di dati. «Semplicemente - ha aggiunto - vengono scaricate specifiche foto selezionate dagli utenti per l'editing». La società afferma di avere 80 milioni di iscritti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora

"Se non puoi sedurla, sedala". La t-shirt che inguaia il vicesindaco

Loris Corradi l'ha sfoggiata domenica scorsa, salendo sul palco della sagra del paese di Roveré Veronese, per l'estrazione della lotteria

INDIA
2 ore

Amazon apre la sua più grande sede al mondo

Si tratta di un palazzo di 12 piani, capace di ospitare fino a 15'000 dipendenti

BRASILE
3 ore

Tutto il mondo analizza i roghi in Amazzonia

«La gente taglia gli alberi, e poi lascia che l'area si asciughi per due o tre mesi, prima di darle fuoco per ripulirla a scopo agricolo» e sono «incoraggiati da Bolsonaro»

STATI UNITI
6 ore

Il principe Andrea e quei massaggi ai piedi a casa Epstein

La testimonianza dell'agente lettario John Brockman riapre i riflettori sul terzogenito della regina Elisabetta e la sua vicinanza con il finanziere

ITALIA
9 ore

Violenta la figlia di 2 anni e mette il video in rete

L'uomo di 46 anni è stato individuato e arrestato grazie ad una segnalazione della polizia australiana che stava monitorando alcuni siti pedopornografici nel dark web

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile