Keystone
Il Consiglio di Stato - organo della giurisdizione amministrativa italiana - ha pronunciato la parola fine sulla questione Avastin-Lucentis.
ITALIA
15.07.19 - 19:020
Aggiornamento : 20:20

Confermate le maxi multe a Roche e Novartis

Il Consiglio di Stato ha pronunciato la parola fine sulla questione Avastin-Lucentis

ROMA - Il Consiglio di Stato - organo della giurisdizione amministrativa italiana - ha pronunciato la parola fine sulla questione Avastin-Lucentis, respingendo definitivamente i ricorsi delle aziende farmaceutiche Roche e Novartis.

Viene quindi confermata dunque la maxi-multa inflitta alle due società elvetiche, che sono inoltre state condannate in solido tra loro, al pagamento delle spese processuali del secondo grado di giudizio, che si liquidano in 12'000 euro a favore dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, e in 2800 euro a favore di ciascuna delle altre controparti costituite. Le sanzioni contro cui le due aziende si erano appellate ammontavano a 92 milioni di euro a testa.

Il Consiglio di Stato dà dunque ragione all'Autorità Garante della concorrenza e del mercato che aveva contestato un'intesa anticompetitiva fra le società del gruppo Roche e Novartis, "le quali avrebbero tra loro concertato strategie volte a ostacolare la legittima possibilità di acquisto ed impiego del farmaco Avastin per la cura delle patologie oculari, al fine di favorire le maggiori vendite del farmaco Lucentis, di gran lunga più costoso del primo". I due farmaci sono stati entrambi sviluppati dalla società biotech Genentech, soggetta al controllo esclusivo del gruppo Roche sin dal 1990.

È nel 2014 che l'Antitrust si pronuncia per la prima volta accertando che «Roche e Novartis, anche attraverso le controllate Novartis Italia e Roche Italia, avevano posto in essere un'intesa orizzontale restrittiva della concorrenza volta a ottenere una 'differenziazione' artificiosa dei due farmaci, manipolando la percezione dei rischi dell'uso in ambito oftalmico di Avastin».

L'intesa, ricostruisce il Consiglio di Stato nelle 70 pagine del provvedimento, avrebbe «mirato a ridurre la domanda, e quindi le quantità vendute, di un prodotto meno costoso (Avastin, pari a 81,64 euro per iniezione) a favore del più costoso prodotto concorrente (Lucentis, inizialmente pari a 1100 euro a iniezione, poi sceso a 902 euro dal novembre 2012), attraverso il condizionamento dei soggetti responsabili delle scelte terapeutiche».

L'intesa, secondo le stime dell'Antitrust, avrebbe comportato per il solo 2012 maggiori costi per il servizio sanitario nazionale (Ssn) per quasi 45 milioni di euro. Inoltre, sempre per l'Antitrust, la completa attuazione delle condotte illecite accertate avrebbe condotto ad una piena sostituzione di Avastin con Lucentis con «conseguente aggravio di spesa per il Ssn di circa 540 milioni di euro nel 2013 e 615 milioni di euro nel 2014». Da qui la multa milionaria inflitta alle due società, che avevano fatto partire i ricorsi.

Roche continua peraltro a professarsi innocente. «Roche, pur rispettando la decisione del Consiglio di Stato, esprime tutto il proprio disaccordo per le conclusioni a cui sono arrivati i magistrati. La sentenza lascia privi di risposta tutti gli argomenti difensivi sollevati da Roche in questi lunghi anni», si legge in una nota. «Non c'è stata alcuna collusione con Novartis - ribadisce Roche - riguardo ai due farmaci bevacizumab e ranibizumab. Tutti i contatti tra Roche e Novartis sono stati assolutamente leciti, basati su informazioni veritiere di farmacovigilanza. Roche è un'azienda farmaceutica, opera in un settore altamente normato, ne ha sempre rispettato le regole in totale integrità e trasparenza e continuerà a farlo. Il suo unico obiettivo è sempre stato quello di garantire la salute e la sicurezza dei pazienti».

L'azienda farmaceutica Novartis «prende atto con rammarico della sentenza del Consiglio di Stato che conferma il provvedimento dell'Autorità italiana garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), emesso nel 2014 relativamente a presunte pratiche anticoncorrenziali». Lo afferma la stessa impresa in un comunicato.

«Sin dall'inizio Novartis ha respinto con forza queste accuse ed è convinta che il caso antitrust - si rileva nella nota - sia stato guidato da motivi puramente economici, volti a forzare, nel quadro normativo italiano, un cambiamento atto a consentire il rimborso generalizzato di un farmaco in un'indicazione priva di autorizzazione (off label), nonostante la presenza sul mercato di medicinali autorizzati (on label)».

«Sebbene la sentenza della Corte sia stata sfavorevole, Novartis conferma la correttezza del proprio operato e rimane convinta che l'utilizzo di un farmaco fuori indicazione in presenza di farmaci appropriati costituisca una minaccia per l'esistente sistema legale, medico e regolatorio, istituito - conclude Novartis - per monitorare l'uso efficace e sicuro dei medicinali nei pazienti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
35 min
Quei mini-cervelli cresciuti in provetta che fanno discutere
Sono una delle ultime grandi scoperte della neurologia con un grande potenziale medico ma, per alcuni, il rischi di “andare al di là“ dell'etico c'è
REGNO UNITO
9 ore
Aborto e matrimonio gay in Irlanda del Nord
È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa al parlamento britannico
ISRAELE
11 ore
Netanyahu rinuncia a formare il governo
È la seconda volta in sei mesi che il leader del Likud fallisce, ora dovrebbe toccare a Benny Gantz
EMIRATI ARABI UNITI
14 ore
Questa qui è la perla più antica che esista
Ha poco meno di 8'000 anni ed è stata scoperta per caso da degli archeologi che cercavano ben altro. Sarà messa in mostra al Louvre di Abu Dhabi
GERMANIA
15 ore
L'economia tedesca potrebbe essere entrata in recessione
Lo dice la Bundesbank, secondo cui «il prodotto interno lordo potrebbe essersi ridotto nuovamente nel terzo trimestre del 2019» dopo il -0,1% del secondo trimestre
FOTO
CILE
15 ore
A Santiago i manifestanti hanno dato fuoco agli uffici dell'anagrafe
Dopo averli saccheggiati, i vigili del fuoco sul posto, le autorità parlano di danni importanti: «Distrutti molti documenti». Il bilancio complessivo è di 11 morti
GIAPPONE
16 ore
Pollon e Nanà Super Girl sono orfane, scomparso Hideo Azuma
Il fumettista è morto all'età di 69 anni, in un ospedale di Tokyo, per le complicazioni di un tumore
ISOLA DI MAN
18 ore
Con un gatto nel bagaglio a mano
Sbalorditi sia gli addetti alla sicurezza che i padroni. Il micio si era intrufolato nella valigia all'insaputa della coppia
VIDEO
ITALIA
21 ore
In fiamme la Cavallerizza Reale di Torino
I vigili del fuoco sono impegnati nelle operazioni di spegnimento. Non ci sono feriti
CILE
23 ore
Sale a 10 il bilancio delle vittime durante le proteste
Due persone sono morte carbonizzate durante il saccheggio ad un grande magazzino di materiali per l'edilizia e il bricolage
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile