Keystone
FRANCIA
11.07.19 - 14:250
Aggiornamento : 17:05

Ok definitivo alla tassa contro i colossi di internet

La tassa fa infuriare Washington, che ha minacciato nuovi dazi per ritorsione

PARIGI - Definitivo via libera del parlamento francese all'introduzione della tassa digitale (la cosiddetta 'Taxe Gafa') sui colossi del web. Il testo di legge, già adottato all'Assemblea Nazionale, ha ottenuto questa mattina l'ok del Senato.

La tassa che fa infuriare Washington, che ha minacciato nuovi dazi per ritorsione, si dovrebbe applicare a una trentina di colossi internet, tra cui Google, Amazon, Facebook e Apple, ma anche Meetic, Airbnb, Instagram o la francese Criteo. E porterà alle casse dello Stato 400 milioni di euro nel 2019 e 650 nel 2020.

L'amministrazione Trump ha definito la digital tax "un danno ingiusto" per le imprese americane, annunciando l'avvio un'indagine sul piano della Francia per tassare i big del web e minacciando nuovi dazi come rappresaglia. Parigi ha risposto attraverso il suo ministro dell'economia, Bruno Le Maire: "tra alleati" - ha detto questa mattina - «dobbiamo risolvere le controversie in modo diverso rispetto alla minaccia».

Anche il Regno Unito preannuncia una legge - Progetto di legge all'orizzonte anche nel Regno Unito per tassare i big del web. L'iniziativa è stata illustrata oggi a Westminster dal viceministro del Tesoro e Paymaster General, Jesse Norman.

La proposta britannica - che deve ancora passare al vaglio parlamentare ed essere confermata dal prossimo governo - prevede peraltro d'incidere solo su specifici servizi digitali (motori di ricerca, social network, e-commerce) sui quali il cancelliere dello Scacchiere uscente, Philip Hammond, aveva preannunciato fin da ottobre di voler elevare la tassazione al 2%.

«Le grandi aziende del web (oltre i 560 milioni di euro di fatturato annuo) dovranno pagare una tassa proporzionale al numero di utenti britannici», ha precisato Norman, assicurando che il progetto riflette gli accordi internazionali ed è attento sia «all'equità fiscale» sia alla «competitività». Londra invoca in sede G7 norme comuni a tutti i Paesi Ocse sulla materia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
49 min

Colpita da una pallina lanciata dal padre, muore bimba di sei anni

La piccola era felice di accompagnare il genitore sui campi da golf

STATI UNITI
1 ora

«L'Fbi indaghi su FaceApp»

Dagli Usa vogliono fare chiarezza in merito alle procedure usate da Wireless Lab, una società russa basata a San Pietroburgo

FOTO
ITALIA
2 ore

«Sono molto contenta di aver potuto spiegare»

Lo ha dichiarato Carola Rackete all'uscita dal palazzo di giustizia di Agrigento, dove è stata interrogata per poco meno di quattro ore

GIAPPONE
5 ore

Kyoto: il numero delle vittime è destinato a salire. Il 41enne: «Crepate»

Al momento si contano 33 morti. La polizia cerca di fare chiarezza sulle generalità del presunto responsabile

VIDEO
FRANCIA
6 ore

Il Monte Bianco e il laghetto che non dovrebbe esserci

Dopo dieci giorni di temperature eccezionalmente alte in Europa a 3400 metri di altitudine si è formato un bacino di acqua di disgelo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile