Keystone (archivio)
La fusione darà vita ad un grande costruttore automobilistico con 8,7 milioni di veicoli venduti.
ITALIA / STATI UNITI
27.05.19 - 07:500
Aggiornamento : 09:21

FCA e Renault, dalle nozze il terzo più grande costruttore di auto

La fusione darebbe vita ad un gruppo con una capitalizzazione di mercato di 33 miliardi di euro. Il Governo francese è favorevole: «Attendiamo però di conoscere tutte le condizioni»

TORINO - Fca ha presentato una proposta per una fusione con il gruppo Renault «per creare uno dei principali gruppi automobilistici al mondo». La società risultante dalla fusione sarà detenuta per il 50% dagli azionisti di Fca e per il 50% dagli azionisti di Groupe Renault, una struttura di governance paritetica e una maggioranza di consiglieri indipendenti. E' l'ipotesi di matrimonio contenuta nella proposta avanzata da Fca, inviata con una lettera non vincolante a Renault. Lo si legge nella nota di Fca.

L'aggregazione proposta tra Chrysler Automobiles (Fca) e gruppo Renault porterà alla nascita del terzo più grande costruttore automobilistico con 8,7 milioni di veicoli venduti e una forte presenza di mercato nelle regioni e nei segmenti chiave.

Il terzo produttore globale di auto - Nascerebbe uno dei principali produttori di auto al mondo in termini di fatturato, volumi, redditività e tecnologia a beneficio dei rispettivi azionisti, afferma Fca in una nota.

La società - sottolinea la nota di Fca - risultante diventerebbe un leader mondiale nel settore automobilistico in rapida evoluzione con un forte posizionamento nelle nuove tecnologie inclusi i veicoli elettrici e quelli a guida autonoma. Il nuovo gruppo sarebbe «leader mondiale nelle tecnologie Ev, nei marchi premium, nei suv, nei pickup e nei veicoli commerciali e avrebbe una più ampia e più bilanciata presenza globale rispetto a quella che ciascuna società ha da sola».

Fca stima oltre 5 miliardi di euro di sinergie annuali in aggiunta alle sinergie esistenti nell'Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. L'aggregazione delle attività metterà insieme punti di forza complementari. Il portafoglio marchi fornirebbe una copertura completa del mercato con una presenza in tutti i segmenti chiave dai marchi di lusso e premium come Maserati e Alfa Romeo, Dacia e Lada e includerebbe Fiat, Renault, Jeep e Ram così come i veicoli commerciali.

L'annuncio in mattinata? - L’annuncio formale, secondo quanto riferito dal Sole 24 Ore, è atteso in mattinata, prima dell’apertura della borsa, quando il consiglio di amministrazione del gruppo francese si riunirà per illustrare i contorni dell’alleanza. Le trattative sarebbero già in fase avanzata. La fusione darebbe vita ad un colosso con una capitalizzazione di mercato di 33 miliardi di euro.

Governo francese favorevole - Il governo francese si è detto «favorevole» e «incoraggia» la fusione, anche se aspetta di conoscerne tutte le condizioni. Lo ha detto la portavoce del governo francese Sibeth Ndiaye, secondo quanto riporta Bloomberg.

La fusione promuoverebbe «la sovranità economica» dell'Europa, dove «abbiamo bisogno di giganti». Ndiaye ha ricordato che la scorsa settimana il ministro dell'economia francese, Bruno Le Maire, ha incontrato il presidente di Renault, Jean-Dominique Senard, per parlare dell'operazione.

2 sett fa Fca verso l'intesa con Renault-Nissan-Mitsubishi
2 sett fa Fiat e Renault: quel matrimonio che fa paura a Volkswagen
Commenti
 
F/A-18 2 sett fa su tio
Praticamente tra qualche anno avremo una grande società che ingloba tutto, quindi questa globalizzazione porta ad una specie di monarchia dove il Re tutto controlla è tutto decide. Dopo di che si sa cosa successe alla monarchia, sopratutto in Francia.......
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
32 min

Oro e platino "regalati" alla Terra da una supernova

Lo indica la simulazione condotta con l'aiuto di supercomputer e che risolve il mistero sull'origine di questi elementi

CINA
3 ore

Hong Kong: «in marcia sono più di un milione». Cori contro la governatrice

Nonostante l'annuncio sulla sospensione della discussione, gli attivisti chiedono il ritiro del provvedimento

INDIA
4 ore

L'India vara nuovi dazi su 28 prodotti americani

Le misure sono una risposta al rifiuto di Washington di esentare il Paese da tasse più alte su acciaio e alluminio

IRAN
4 ore

Crisi nel Golfo: l'Iran convoca l'ambasciatore britannico

Per Londra, la responsabilità di Teheran nell'attacco a due petroliere è «quasi certa». Anche i sauditi contro

FOTO
FRANCIA
16 ore

Prima messa a Notre Dame... con gli elmetti

Canonici, volontari, operai del cantiere, impiegati della diocesi di Parigi hanno pregato insieme in una messa cantata e solenne

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report