Keystone
STATI UNITI
16.05.19 - 07:340
Aggiornamento : 10:51

Huawei, Trump apre al divieto negli Usa. La risposta: «Resterete indietro nel 5G»

Il presidente statunitense ha firmato un decreto in cui dichiara «l'emergenza nazionale». La compagnia cinese: «Servirà solo a limitare gli Usa ad alternative inferiori e più costose»

NEW YORK - Donald Trump spiana la strada al divieto di acquisto di apparecchiature Huawei e ZTE da parte di società di telecomunicazione americane, accentuando di fatto lo scontro con la Cina. Il presidente americano ha firmato un decreto in cui dichiara «l'emergenza nazionale» per le minacce ricevute dalla tecnologia americana.

Nel provvedimento non si fa riferimento esplicito a società o paesi, ma appare direttamente mirato a Huawei. «Il presidente ha detto che l'amministrazione farà tutto il necessario per tenere al sicuro l'America e proteggerla dagli avversari stranieri che attivamente e in modo crescente cercano di sfruttare le debolezze delle nostre infrastrutture per le telecomunicazioni» afferma la Casa Bianca, sottolineando che il decreto concede al segretario al commercio il potere di bloccare qualsiasi accordo che pone «inaccettabili rischi» alla sicurezza nazionale americana.

Trump è da mesi sotto pressione dei falchi della sua amministrazione, che premevano per la firma del decreto sulla scia dei timori che le debolezze e le presunte falle delle apparecchiature Huawei avessero potuto essere usate per lo spionaggio da parte di Pechino. La campagna anti-Huawei gli Stati Uniti l'hanno condotta anche fuori dai confini nazionali, mettendo in guardia gli alleati sul fatto che gli Usa avrebbero sospeso la condivisione di intelligence nel caso in cui avessero usato tecnologie Huawei o di altre società cinesi per la realizzazione delle reti 5G.

Il decreto di Trump arriva in un momento di alta tensione nelle relazioni fra Stati Uniti e Cina e rischia di complicare ulteriormente le trattative per un accordo commerciale. Un'intesa che appare lontana dopo la rottura delle ultime settimane e che ora potrebbe allontanarsi ulteriormente.

Freno allo sviluppo del 5G - Il divieto di operare negli Usa finirà per danneggiare imprese e consumatori frenando gli sforzi per sviluppare il 5G. Così Huawei replica all'iscrizione sua e di 70 affiliate nella 'Entity List', lista nera del commercio americano.

«Limitare Huawei non renderà gli Usa più sicuri o più forti, ma servirà solo a limitare gli Usa ad alternative inferiori, ma più costose, lasciando in ritardo il Paese nella distribuzione del 5G», oltre a creare «altre gravi questioni legali».

«Huawei è un impareggiabile leader nel 5G», lo standard di ultima generazione delle tlc integrate. «Siamo pronti è desiderosi di misurarci con il governo americano su effettive misure per assicurare la sicurezza dei prodotti», si legge in una nota della compagnia cinese di Shenzhen.

Limitare Huawei dall'operare negli Stati Uniti «danneggerà eventualmente gli interessi delle compagnie e dei consumatori americani. In aggiunta, le irragionevoli restrizioni violeranno i diritti di Huawei e solleveranno altre gravi questioni legali».

L'iscrizione di Huawei nella Entity List del Bureau of Industry and Security (Bis) comporta che le società americane avranno bisogno di un'apposita licenza per vendere o trasferire tecnologia a Huawei. Tra le società americane fornitrici del gruppo cinese ci sono Intel, Qualcomm, Micron, Seagate, Western Digital e Broadcom.

La Cina: «è un abuso di potere» - La Cina «si oppone con forza alla imposizione unilaterale di sanzioni»: il portavoce del ministero del Commercio Gao Feng, in merito alle ultime restrizioni Usa contro Huawei per motivi legati alla sicurezza nazionale, ha detto che gli Stati Uniti dovrebbero evitare di peggiorare ulteriormente le relazioni bilaterali.

«La Cina ha enfatizzato molte volte che il concetto di sicurezza nazionale non dovrebbe essere abusato e non dovrebbe essere utilizzato come uno strumento per il protezionismo commerciale», ha aggiunto Gao.

 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO E VIDEO
NUOVA ZELANDA
1 ora
Turisti sul cratere dopo l'eruzione. Almeno una vittima
Sull'isola neozelandese di White Island si susseguono le operazioni di salvataggio
ITALIA
1 ora
Scosse nel Mugello, la più forte di magnitudo 4.5
Attualmente non si hanno notizie di danni a persone o cose
AUSTRIA
2 ore
Quei Krampus alticci e molesti che seminano zizzania
I tipici demoni alpini pre-natalizi, anche quest'anno alla vigilia di San Nicolao ne hanno fatte di ogni. E le autorità fanno fatica a fermarli
ITALIA
2 ore
Creare uno spazio di coworking: pregi, difetti e gli errori da non fare mai
Consigli utili per chi ha intenzione di aprirne uno e, magari, anche per chi già lo ha fatto
STATI UNITI
10 ore
Che settimana per Trump
Il cosidetto Ucrainagate approda alla Camera americana. Giusto in tempo per le primarie democratiche
STATI UNITI
15 ore
Morto l'astro nascente del rap Juice Wrld, aveva 21 anni
Colto dalle convulsioni in aeroporto a Chicago, l'artista è deceduto poco dopo essere giunto in ospedale
REGNO UNITO
17 ore
In migliaia dormono all'aperto in segno di sostegno ai senzatetto
L'obiettivo del "Big Sleep Out" era raccogliere 50 milioni di dollari. Londra, New York, Brisbane e Dublino tra le città coinvolte
STATI UNITI
18 ore
Si sono mangiati la banana da 120'000 dollari di Cattelan
Protagonista del costos(issim)o snack un altro artista, David Datuna che è stato poi blindato dalla sicurezza
ITALIA
21 ore
Torino: madre uccide figlia disabile a martellate
A dare l'allarme è stato il marito della donna, di 87 anni
FOTO
INDIA
22 ore
Furibondo rogo in una fabbrica di Nuova Dehli: in 43 perdono la vita
Lo stabile si trovava in una zona particolarmente angusta che ha messo in difficoltà i pompieri, le vittime sorprese nel sonno
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile