Keystone
Carlos Ghosn
GIAPPONE
27.03.19 - 13:390

Nissan: dopo Ghosn, meno potere al presidente

È quanto emerge dalle prime indicazioni delle proposte ricevute dal comitato esterno sulla corporate governance

TOKYO - Nissan ridurrà le prerogative del nuovo presidente della casa automobilistica nel processo di riordino della struttura del gruppo, in seguito all'evoluzione del caso legale che ha condotto all'arresto di Carlos Ghosn.

È quanto emerge dalle prime indicazioni delle proposte ricevute dal comitato esterno sulla corporate governance, che verranno presentate mercoledì.

Durante l'inchiesta investigativa Nissan ha messo l'accento sull'eccessivo accentramento dei poteri nelle mani di Ghosn, che ricopriva il ruolo di presidente dall'alleanza con la Renault e la Mitsubishi Motors, oltre ad essere l'amministratore delegato del costruttore francese - principale azionista di Nissan con il 43,3% del capitale. Il nuovo board della casa auto nipponica verrà nominato durante il meeting annuale di giugno in base alle proposte del comitato esterno. Prima di quella data Nissan convocherà un Consiglio di amministrazione straordinario l'8 aprile nel quale verranno rimossi con ogni probabilità i nomi di Ghosn e dell'ex direttore finanziario Greg Kelly, anche esso indagato, sostituendoli con il nuovo presidente di Renault, Jean-Dominique Senard.

Nel board di Nissan composto da 9 persone, attualmente sono presenti tre membri esterni, e secondo i media giapponesi il consiglio suggerirà di lasciare vacante per un tempo definito la carica di presidente dell'intero gruppo appartenuto a Ghosn. Il ruolo analogo di presidente della Nissan rimane invece una questione delicata, dicono le fonti all'agenzia Kyodo, con le indicazioni che il governo francese sia propenso ad avere una sola persona a capo, aumentando la sfera di influenza sulla dirigenza della struttura. Scenari che non sembrano trovare d'accordo Senard, che ha escluso di essere interessato a ricoprire l'incarico lasciato scoperto da Ghosn lo scorso novembre. Nella composizione dell'alleanza Nissan possiede appena il 15% della Renault e senza diritti di voto, malgrado generi gran parte delle redditività del gruppo, e per questo motivo considerata sbilanciata.
 
 

5 mesi fa Renault vuole la fusione con Nissan, poi punta a FCA
6 mesi fa Nissan, al via il dopo Ghosn
6 mesi fa Carlos Ghosn è uscito dal carcere
7 mesi fa Carlos Ghosn si è dimesso dalla carica di presidente di Renault
8 mesi fa Nuova incriminazione per Carlos Ghosn
10 mesi fa Il presidente di Nissan-Renault verso l'arresto per falso
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
14 min

Ritrovati oltre 2'200 resti di feti in casa di un medico abortista

La clinica di Ulrich Klopfer era stata chiusa nel 2016. Nella sua lunga carriera ha eseguito circa 30'000 aborti

RDC
1 ora

Battello affonda nel Fiume Congo: 36 dispersi

L'imbarcazione si dirigeva verso la capitale congolese Kishasa. È affondata in un punto di forti correnti

CINA
2 ore

Il bando Usa a Huawei alla fine potrebbe favorire l'hi-tech asiatico

Perché secondo gli esperti il continente potrebbe arrivare a un'indipendenza tecnologica: «Si creeranno due mondi diversi»

STATI UNITI
4 ore

Si fa da sé una maglia dell'Uni e a scuola lo bullizzano, l'ateneo gli offre una borsa di studio

È successo a un allievo elementare della Florida, il suo design è poi diventato pure un fenomeno di vendite online

STATI UNITI
7 ore

In California le università dovranno fornire la pillola del giorno dopo

Una svolta controtendenza rispetto alle nazioni più conservatrici verrà applicata dal 2023 e includerà anche altre opzioni per l'interruzione di gravidanza

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile