Keystone
REGNO UNITO
13.02.19 - 12:110
Aggiornamento : 16:35

Aziende fanno pressing su May: «Che succederà in caso di no deal?»

Secondo una lettera congiunta inviata alla Camera del commercio sono molti i quesiti ancora irrisolti soprattutto riguardanti le dogane

LONDRA - Cresce l'allarme nel mondo britannico degli affari per l'eventualità d'una Brexit no deal, un traumatico divorzio senza accordo dall'Ue.

Lo conferma la lettera aperta inviata dalle aziende aderenti alla British Chamber of Commerce (Bcc) alla premier Theresa May con la richiesta imperativa di maggiori delucidazioni al riguardo da parte del governo Tory.

Le imprese, come spiega il direttore generale della Bcc, Adam Marshall, citato dal Guardian, lamentano carenza di risposte su 20 quesiti cruciali, riguardanti in particolare l'introduzione di dazi d'importazione ed esportazione e di nuovi controlli di frontiera e procedure doganali che un simile scenario potrebbe portare con sé.

Per ora gli imprenditori sono costretti «a navigare da soli nei dubbi senza informazioni né chiarezza», denuncia Marshall. I timori - scrive il Guardian - sono quelli d'un impatto immediato «catastrofico» per alcuni settori dell'economia del Regno in caso di taglio netto con Bruxelles il 29 marzo, data prevista per la formalizzazione della Brexit. Ma soprattutto di un'incertezza protratta.

Ford: «Rischio di una catastrofe» - La Ford considera potenzialmente "catastrofico" per le attività manifatturiere dell'azienda nel Regno Unito l'ipotesi di una Brexit no deal, un taglio netto dall'Ue senz'accordo. Lo sottolineano fonti interne all'impresa citate oggi dalla Bbc, pur rifiutandosi per ora di confermare le indiscrezioni pubblicate dal Times secondo cui il colosso Usa avrebbe intensificato i preparativi per il possibile trasferimento di linee di produzione di veicoli fuori da Regno.

In una nota si sottolinea del resto come Ford abbia ripetutamente messo in guardia il governo May dai rischi di una hard Brexit, e sia pronta a fare «tutto il necessario per proteggere la competitività del proprio business sul mercato europeo». Ford impiega al momento 13'000 persone negli stabilimenti di Bridgend, Dagenham, Halewood e Dunton.

Analoghi messaggi d'allarme - accompagnati da voci di piani di possibile smobilitazione d'impianti dalla Gran Bretagna - sono arrivati di recente da Jaguar-Land Rover (gruppo Tata), Toyota, Nissan e altri costruttori del settore auto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIBANO
1 ora
20 feriti negli scontri della notte a Beirut
I manifestanti hanno lanciato contro gli agenti pietre e altri oggetti
STATI UNITI
2 ore
«Quasi 300mila morti entro dicembre»
È la (nefasta) stima dei ricercatori dell'Universita di Washington che invitano la popolazione a usare la mascherina.
FOTO
LIBANO
2 ore
Beirut, ospedali già pieni per il Covid. Poi l'esplosione
Il Libano sta vivendo una grave crisi sanitaria. E il sistema era già sotto pressione a causa della pandemia
LIBANO
4 ore
Scattano le manette per il direttore del porto di Beirut
Hassan Koraytem è tra le 16 persone arrestate ieri nell'inchiesta sulle esplosioni che hanno devastato la capitale.
STATI UNITI
4 ore
Trump mette al bando TikTok: «Questioni di sicurezza nazionale»
Il presidente americano ha firmato un decreto che obbliga la cinese ByteDance a vendere le proprie partecipazioni.
MESSICO
5 ore
«Vorremmo solo sapere che stai bene»
Al momento ci sono ancora oltre 9mila persone scomparse nello stato messicano di Jalisco
FOTO
LIBANO
15 ore
Un esercito di volontari per ripulire Beirut dalle macerie
Viaggio attraverso la capitale libanese devastata in cerca della forza per tornare alla normalità
ITALIA
18 ore
Infermiere gli ruba la tessera del bancomat e fa acquisti per 7'000 euro mentre lui muore di Covid-19
È successo in un ospedale del Bergamasco, a scoprirlo le sorelle del defunto. In casa sua trovata la merce
FRANCIA
20 ore
Laboratori chiusi per ferie: e i tamponi chi li fa?
Anche chi lavora nel sanitario ha diritto alle ferie, ma c'è ora carenza di personale per effettuare i tamponi richiesti
LIBANO
23 ore
«È come se volessero che morissimo»
Gli investigatori hanno posto agli arresti domiciliari vari membri delle autorità portuali.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile