Keystone
STATI UNITI
17.01.19 - 16:210

Facebook: il 74% degli utenti non sa che il social tiene la traccia delle preferenze

Più della metà degli utenti ha affermato di non essere a proprio agio con la pratica

NEW YORK  - Negli Stati Uniti il 74% di chi ha un profilo Facebook non sa che la piattaforma tiene traccia di scelte e preferenze per indirizzare messaggi pubblicitari privati. Lo afferma una ricerca del Pew Research Center, secondo cui metà delle persone "non è a suo agio" con questa pratica.

L'indagine è stata condotta su circa mille utenti a settembre 2018. Una volta mostrata loro la pagina 'ad preferences', cioè le preferenze pubblicitarie, la gran parte degli utenti ha trovato che il social aveva generato materiale sui propri interessi.

Nel 59% dei casi le categorie riflettevano gli interessi reali, mentre il 27% degli intervistati ha affermato che Facebook era stato poco o per niente accurato nel descriverli. «Una volta mostrato come la piattaforma classifica gli interessi - si legge - più della metà degli utenti (il 51%) ha affermato di non essere a proprio agio con la pratica».

Lo studio ha anche analizzato il gradimento degli utenti riguardo al modo in cui l'algoritmo aveva assegnato le preferenze politiche e l''atteggiamento multiculturale', sempre sulla base delle azioni compiute sui social. Nel primo caso il 73% degli utenti ha affermato che la categorizzazione era esatta, mentre per il 27% non lo era, mentre nel secondo era soddisfatto il 60% del campione.

TOP NEWS Dal Mondo
SIRIA
7 ore

Completato il ritiro curdo da Ras al Ayn

Tutti i combattenti delle Forze democratiche siriane sono fuori dalla città

REGNO UNITO
12 ore

«Porteremo Johnson in tribunale»

Le opposizioni sono furiose per la doppia lettera inviata dal premier e hanno bollato la manovra come «infantile». Bruxelles, intanto, prende tempo

REGNO UNITO / UNIONE EUROPEA
15 ore

Le due lettere di Johnson e la Brexit che diventa farsa

Ci sarebbe poi una terza missiva inviata a Bruxelles, dove gli ambasciatori europei si sono riuniti per discutere il da farsi

STATI UNITI
17 ore

Trump ci rinuncia, niente G7 al suo Doral Golf Club

«Una folle e irrazionale ostilità dei media e dei democratici», ha twittato

REGNO UNITO
1 gior

Una trappola tesa al momento giusto blocca la Brexit

Il voto decisivo atteso per oggi sul deal è saltato ed ora è muro contro muro fra Parlamento e Governo

REGNO UNITO
1 gior

Stop a Johnson, Westminster rinvia la Brexit

La Camera dei Comuni ha approvato un emendamento che obbliga il premier a chiedere un rinvio all'UE

FOTO
REGNO UNITO
1 gior

Il popolo torna in piazza contro la Brexit

Un raduno colorato, fra slogan, cartelli, bandiere britanniche e dell'Ue e vessilli di partito

SIRIA
1 gior

Ankara accusa i curdi di violare il "cessate il fuoco"

«In 36 ore hanno compiuto 14» violazioni». Ma la Turchia assicura che è in atto un coordinamento con gli Stati Uniti

REGNO UNITO
1 gior

Brexit, l'esito resta incerto

È partito il dibattito vero e proprio sull'accordo. Si vota su due emendamenti: una nuova proroga e referendum bis

REGNO UNITO
1 gior

Oggi è il giorno della Brexit

Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo da lui raggiunto con l'Ue e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile