Keystone
GIAPPONE
08.01.19 - 18:030
Aggiornamento : 09.01.19 - 10:47

Ghosn legato e in manette si difende davanti al giudice: «Sono innocente»

L'ex-presidente del gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi ha parlato per la prima volta in tribunale: «Ho sempre preso decisioni con integrità»

TOKYO - Con le manette ai polsi e una corda legata attorno alla vita, le pantofole al posto delle scarpe, l'ex presidente del gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi Motors, Carlos Ghosn, ha riaffermato la sua estraneità a ogni accusa nella sua prima - e a lungo attesa - apparizione pubblica, dopo quasi 50 giorni trascorsi in prigione.

Chi lo conosce bene asserisce che ha perso una decina di chili, con qualche capello grigio in più, ma senza abbandonare il piglio autoritario che ha sempre contraddistinto la sua figura. Più di 1'100 persone avevano aderito alla fila nelle prime del mattino, per assistere all'udienza preliminare, dove erano disponibili solo 14 sedie.

«Sono innocente e ho sempre preso le decisioni di lavoro con integrità, senza mai commettere reati nella mia lunga carriera professionale», ha protestato Ghosn durante l'accorato appello di quasi mezz'ora davanti al giudice, definendo le accuse a lui rivolte prive di fondamento giuridico.

Il 64enne si trova dallo scorso 19 novembre al centro detentivo a nord di Tokyo, i cui esterni sono costantemente presidiati da centinaia di cameramen e giornalisti, nella speranza di un allentamento delle contorte procedure del sistema giudiziario giapponese. Malgrado gli accorati appelli di Ghosn, tuttavia, rimane altamente improbabile la libertà su cauzione, in base a quanto riferisce lo stesso avvocato difensore.

Il giudice della Corte distrettuale di Tokyo ritiene che il rilascio potrebbe comportare l'occultamento delle prove e la possibilità che l'ex top manager lasci il Paese. Ghosn è accusato di illeciti finanziari per circa 80 milioni di franchi nel periodo tra il 2010 e il 2017, oltre a una serie di violazioni finanziarie a ridosso della crisi dei mercati nel 2009.

La giustizia giapponese non prevede la presunzione di innocenza ma consente al pubblico ministero di proseguire negli incessanti interrogatori senza la partecipazione dell'avvocato, con la possibilità di continue proroghe della detenzione in base a nuove imputazioni. Una pratica ampiamente contestata dagli attivisti dei diritti umani, che adesso potrebbe produrre una seconda incriminazione, per abuso di ufficio, estendendo nuovamente il periodo detentivo oltre la scadenza dell'11 gennaio.

Guarda le 2 immagini
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
6 ore
Trump sta pensando a una nuova indagine sul "Made in Europa"
E si profila la minaccia di una nuova serie di dazi in “stile cinese", e intanto si specula su quali settori possano finire penalizzati
ISRAELE
7 ore
Netanyahu accusato di corruzione: «Questo è un golpe»
La risposta del premier al procuratore che lo ha incriminato: «Si indaghi sì, ma sulla magistratura», lui: «Giorno triste»
ITALIA
8 ore
Tragedia in chiesa, bimba muore schiacciata dall'acquasantiera
È successo a Udine, la piccola stava facendo catechismo quando si è aggrappata al bordo dell'arredo religioso, che non ha retto
ITALIA
10 ore
Violenta la moglie con gli amici. I due si stavano separando
Il 40enne è stato arrestato negli scorsi giorni nell'alto Lario
CINA
10 ore
La Cina "scopre" le patate, è boom nelle cucine
I ricercatori hanno trovato il modo di utilizzarle in oltre 300 ricette tradizionali
STATI UNITI
12 ore
«Non voglio nulla. Non voglio nulla». Gli strambi appunti di Trump
Il foglio con cui il presidente si è presentato ieri alla stampa dopo la tesminonianza di Sondland ha fatto il giro del Web
STATI UNITI
12 ore
Macy's rivede al ribasso le stime 2019
I dati non sono incoraggianti dopo il periodo luglio-settembre
INDIA
14 ore
A 105 anni supera gli esami di quarta elementare
L'anziana ha sostenuto le prove nella sua casa di Kollam. In gioventù aveva dovuto interrompere gli studi per aiutare la famiglia
SPAGNA
16 ore
20 euro per il bagaglio a mano: tribunale spagnolo giudica «abusivi» i sovrapprezzi di Ryanair
La compagnia low cost è stata costretta a rimborsare la sovrattassa pagata da una passeggera: «Ciò non influenzerà la nostra politica tariffaria»
ITALIA
18 ore
Uccide la nonna a pugni: arrestato 22enne
Erano in auto. L'uomo è stato bloccato da due automobilisti e da un carabiniere fuori servizio
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile