Keystone
STATI UNITI
03.01.19 - 18:040
Aggiornamento : 19:56

Apple ha bruciato 446 miliardi di dollari

Al momento la Mela vale intorno ai 682 miliardi

NEW YORK -Apple taglia le stime sui ricavi per la prima volta in 16 anni e crolla in Borsa, arrivando a perdere il 10% e a bruciare 446 miliardi di dollari dal picco del 3 ottobre scorso, ovvero più del valore dell'intera Facebook.

L'azienda di Cupertino spiega la revisione con il rallentamento dell'economia cinese, penalizzata anche dalla guerra dei dazi di Donald Trump, e la debole domanda di iPhone nel paese.

Il tonfo di Apple a Wall Street affonda le piazze finanziarie mondiali: dal Giappone all'Europa sono tutte in rosso, con Milano che tiene contenendo le perdite allo 0,61% (ma lo spread sale a 270 punti) mentre Parigi perde l'1,6% e Francoforte l'1,55%. La più penalizzata è Wall Street, con gli indici che arretrano del 2%.

L'annuncio a sorpresa di Apple arriva come un'ulteriore conferma dei peggiori timori degli investitori: il taglio delle stime di Cupertino certifica la frenata del Dragone cinese che risente delle tensioni commerciali con gli Stati Uniti e lascia intravedere un effetto a macchia d'olio sia sulle aziende sia sull'economia globale.

Lo ammette anche la Casa Bianca con Kevin Hassett, il presidente del consiglio degli advisor economici. «Non sarà solo Apple. Molte altre aziende americane che realizzano vendite in Cina» saranno costrette e rivedere al ribasso le loro stime «almeno fino a quando non avremo un accordo commerciale con la Cina» dice Hassett in un'intervista alla CNN.

L'amministratore delegato del colosso cinese Baidu, Robin Li, ricorre alla metafora dell'«inverno che arriva» per descrivere la «gelata» dell'economia cinese.

Apple taglia a 84 miliardi di dollari le stime per i ricavi del primo trimestre dell'esercizio fiscale, quello che si è chiuso il 29 dicembre. Si tratta di una cifra decisamente inferiore ai 91 miliardi di dollari attesi dagli analisti e ai 89-93 miliardi stimati da Cupertino solo 60 giorni fa.

«Avevamo anticipato alcune difficoltà su mercati emergenti chiave, ma non avevamo previsto la portata della decelerazione economica, soprattutto in Cina», spiega l'amministratore delegato di Apple, Tim Cook. La Cina rappresenta circa il 15% dei ricavi di Cupertino.

L'annuncio shock innesca una serie di downgrade di Apple, con molti analisti che rivedono al ribasso il prezzo di riferimento. Goldman Sachs si spinge anche oltre: non escludendo la possibilità di una revisione al ribasso delle stime per l'intero esercizio fiscale 2019, paragona Apple a Nokia. Cupertino, così come l'ex colosso dei cellulari, è fortemente dipendente dagli upgrade dei suoi dispositivi e più l'economia rallenta meno i consumatori sono disponibili a cambiare il loro smartphone per un modello nuovo fiammante.

Toni Sacconaghi, uno dei principali analisti che segue Apple, spiega come a suo avviso Cupertino è rimasta indietro nella ricerca e nello sviluppo e nelle acquisizioni, oltre a non aver considerato la possibilità di un prezzo troppo alto per l'iPhone e non aver ammesso che il mercato degli smartphone si è contratto per la prima volta nel 2018.

Con la revisione Apple torna alla "realtà" dopo essere stata considerata per anni l'esempio da seguire ed essersi affermata come la prima a sfondare quota 1000 miliardi di dollari di valore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
5 ore
Trovati 120 gatti in un appartamento
C'è bisogno di aiuto per ospitare i felini, ha detto un'organizzazione locale per la protezione degli animali
FOTO
EGITTO
6 ore
Scoperti 27 sarcofagi intatti da 2500 anni
Le fotografie pubblicate mostrano bare di legno ben conservate dipinte con colori vivaci e altri manufatti più piccoli
AUSTRALIA
8 ore
Bimbo di tre anni si perde nella boscaglia: salvo dopo 12 ore di ricerche
Il maltempo ha ostacolato le operazioni ma non ha impedito il lieto fine
CANADA
10 ore
È morto l'ex premier John Turner
Dopo aver conquistato la leadership del Partito liberale convocò le elezioni, ma gli andò male
STATI UNITI
10 ore
Sospeso lo stop a WeChat
La giudice Laurel Beeler ha emesso un'ingiunzione preliminare che blocca la decisione di Trump
GIAPPONE
12 ore
Bonus pari a 5'200 franchi a chi si sposa
Il Governo giapponese punta sugli incentivi per combattere la bassa natalità
ITALIA
13 ore
Il velivolo precipitato si è scontrato in aria con un paracadutista?
Le altre persone che si trovavano a bordo del Pilatus PC-6 si erano già lanciate e sono in salvo
REGNO UNITO
14 ore
Multe fino a 10mila sterline a chi viola la quarantena
«Nessuno deve sottovalutare l'importanza di queste misure», ha detto Boris Johnson
ITALIA
15 ore
Precipita un aereo nel cremonese: due morti
Si trattava di un velivolo adibito al trasporto di paracadutisti
STATI UNITI
18 ore
«È un grande accordo per l'America»
Il Presidente ha poi deciso di posticipare fino al 27 settembre il blocco dell'applicazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile