Keystone
STATI UNITI
27.11.18 - 07:080

Guerra dei dazi: il mirino di Trump anche su iPhone

Il presidente alza i toni in caso di mancato accordo con la Cina. Doccia fredda per Apple che perde il 2% a Wall Street nelle contrattazioni after hours

WASHINGTON - Donald Trump alza i toni contro la Cina. A pochi giorni dal G20 e dall'atteso faccia faccia con il presidente Xi Jinping il tycoon avverte: se non ci sarà accordo, gli Stati Uniti imporranno dazi su tutto il Made in China. Nel mirino potrebbe finire anche l'iPhone.

Il presidente americano non esclude infatti dazi sullo smartphone prodotto in Cina e suggerisce ad Apple e alle altre società americane di produrre negli Stati Uniti. Immediata la reazione della borsa: i titoli della società di Cupertino nelle contrattazioni after hours a Wall Street arrivano a perdere il 2%.

«Forse, forse» dice Trump in un'intervista al Wall Street Journal riferendosi alla possibilità di dazi sull'iPhone. «Dipende dall'ammontare» delle tariffe: «se saranno al 10%, i consumatori potrebbero sopportarle tranquillamente» spiega Trump.

Le parole del presidente sono una doccia fredda per Apple e per Corporate America e seguono le critiche mosse da Trump a General Motors. «Dovrebbe smetterla di produrre auto in Cina: dovrebbe produrle invece negli Stati Uniti» ha spiegato il presidente commentando la riorganizzazione della casa automobilistica.

I toni duri di Trump mostrano anche come le trattative con Xi per un accordo commerciale siano tutte in salita. Minacciando di colpire tutto il Made in China con dazi in caso di mancanza di un'intesa, Trump mette in evidenza come sia probabile che gli Stati Uniti andranno intanto avanti con l'aumento dei dazi al 25% su 200 miliardi di prodotti Made in China.

È «molto improbabile» che Trump possa accettare la richiesta di Pechino di non procedere con il rincaro. Un accordo ci sarà - taglia corto Trump - «solo se la Cina aprirà il paese alla concorrenza americana».

Commenti
 
GI 9 mesi fa su tio
beh in campo immobiliare potrebbe costruire i suoi palazzi negli States, smontarli, spedirli e rimontarli in Cina....il tutto, manco a dirlo, con soli operai "suoi connazionali"....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
17 min

Nasconde l'Hiv e contagia quattro donne: morta l'ex compagna

L'uomo, da anni a conoscenza proprio stato, le consigliava di prendere degli integratori per risolvere i suoi malori

SVIZZERA
1 ora

La Banca dei regolamenti internazionali sta “torchiando” la criptovaluta di Facebook

Libra è in esame in questi giorni a Basilea per ottenere il nullaosta a procedere: «Rischi gravi, quindi l'asticella sarà alta»

FRANCIA
2 ore

L'ambiente diventa la prima preoccupazione dei francesi

Seguono l'avvenire del sistema sociale e il potere d'acquista. Lo rivela un'inchiesta Ipsos-Sopra-Steria

STATI UNITI
4 ore

L'attacco ai pozzi sauditi? Arrivava dall'Iran o dall'Iraq, lo dimostrerebbero delle foto

Le ha diffuse l'amministrazione statunitense. La sofisticatezza dell'offensiva supererebbero le capacità degli Houthi

ROMA
6 ore

Estorsioni e violenze, arrestati i capi ultrà della Juve

Le accuse nei confronti degli ultras sono estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. Sono in corso anche decine di perquisizioni in diverse città italiane.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile